Rubrica — Scomparsi in Toscana

Ragazza aggredita a Montelupo: fermato presunto colpevole

L'aggressione è avvenuta sabato 14 ottobre 2017 nel Parco urbano dell'Ambrogiana


Novità nelle indagini sull'autore dell'aggressione alla giovane di Montelupo Fiorentino, colpita nella notte e trascinata in una zona buia del Parco dell'Ambrogiana dove sarebbe stata poi ritrovata alle prime luci dell'alba. Un ragazzo italiano di 21 anni è stato fermato dalla Squadra Mobile che ha operato con la Procura di Firenze.
I reati contestati: rapina e tentato omicidio
 Noto agli inquirenti per reati contro il patrimonio ed in materia di droga sottoposto ad interrogatorio "ha rivelato il luogo in cui recuperare il cellulare della ragazza., ovvero in un cespuglio ad alcune centinaia di metri dal luogo dell'aggressione".
 L'esame del Dna sulle tracce biologiche repertate sulla vittima ha condotto il procuratore Giuseppe Creazzo a disporre l'arresto.

Nello scorso ottobre la ragazza, di rientro da una discoteca, era diretta alla Stazione locale dei treni per fare ritorno a casa, quando è stata aggredita.
Fin da subito le indagini sull'autore della drammatica aggressione hanno presentato diverse criticità: l'assenza di testimoni, la difficoltà della vittima di ricordare i fatti accaduti, assenza di una telecamera puntata sul luogo dell'aggressione. Solo fotogrammi prima dell'ingresso della ragazza nel Parco, ed una cella telefonica presso l'ex Ospedale psichiatrico che localizza la giovane sul luogo. Lo zaino della ragazza sarà recuperato presso la stazione grazie ad una segnalazione, ma nessuna traccia diretta verso il colpevole.

"Una grandissima notizia per la nostra comunità" commenta il primo cittadino di Montelupo, Paolo Masetti con un post su Facebook "È stato arrestato il presunto responsabile dell'aggressione nel Parco dell'Ambrogiana. Ancora non conosco i particolari ma intanto desidero congratularmi con le Forze dell'Ordine per avere risolto un caso che fin da subito era sembrato non facile. Avrò modo di commentare ulteriormente".

L'accaduto ha attivato una reazione immediata dell'Amministrazione che ha aumentato l'illuminazione pubblica nell'area, oltre a prevedere l'inserimento di nuove videocamere, e dotato il sottopasso accanto al quale la ragazza era stata abbandonata di un nuovo impianto illuminante.

Scomparsi in Toscana — rubrica a cura di Filomena D'Amico

Filomena D'Amico

Filomena D'Amico — Giornalista pubblicista. Ha collaborato con Quotidiani locali e Radio toscane, cura la rubrica degli "Scomparsi in Toscana" in collaborazione con l'Associazione Penelope Toscana costituita nel 2012

E-mail: damicofilo@gmail.com