Pratolino: visite guidate gratuite nel Parco e concerto domenica

Festa del porcino fritto e Mercato de' Ghiotti. Animali, attrezzi e antichi mestieri a Sinalunga. A Dolce Vernio, tre giorni di eventi che culminano il 9 ottobre. Dal 7 ottobre Cibo di strada il a Poggibonsi


Visite guidate gratuite nel Parco di Pratolino, sia percorrendo itinerari storico-artistici sia naturalistici, nei fine settimane dell'1 e 2 ottobre, dell'8 e 9, del 15 e 16 e del 29 e 30.
Le visite guidate sono condotte da guide professionali. Itinerari, programmi e contatti nella locandina allegata. La prenotazione è obbligatoria.  Domenica 2 ottobre, invece, concerto gratuito alle 16.30 nel Pratone dell'Orchestra da Camera Fiorentina diretta dal Maestro Giuseppe Lanzetta, con musiche dal grande schermo (in caso di pioggia il concerto si terrà nella Paggeria). Domenica 30 ottobre, alle 15, nella Paggeria saranno eseguite 'Le quattro stagioni' di Antonio Vivaldi (direttore e violino Marco Lorenzini). 

Un week end al gusto di porcino fritto nel centro storico di Asciano. E’ quello in programma per sabato 1 e domenica 2 ottobre per poter deliziare i palati di cittadini e turisti che, nel fine settimana della celebre due ruote L’Eroica, invadono il cuore delle Crete Senesi. Sabato 1 ottobre dalle 18, oltre all’osteria del porcino fritto, i visitatori potranno perdersi lungo corso Matteotti tra i banchi del mercatino dell’artigianato e rifocillarsi alla vineria de’ ghiotti. Si replica domenica 2 ottobre fin dalla mattina quando oltre all’osteria del porcino fritto si terrà una nuova edizione del Mercato de’ Ghiotti, oltre 30 stands di prodotti locali e artigianali dove degustare e acquistare specialità simbolo delle Crete senesi: dal pecorino al tartufo, dal miele all’olio alle birre artigianali. In occasione del passaggio nel centro storico de L’Eroica sarà allestito un punto di ristoro per i partecipanti in piazza del Grano e per tutti gli appassionati è stato organizzato un bus navetta dai giardini pubblici di Asciano fino al celebre tratto di Monte Sante Marie dove s’inerpica uno dei percorsi più duri della corsa sui pedali vintage. L’evento è organizzato da Comune e Pro Loco di Asciano.

Il passato contadino di Sinalunga torna con le sue tradizioni e i suoi profumi. E’ la “Fiera alla Pieve”, l’appuntamento che celebra i festeggiamenti per la Madonna del Rosario nella settimana compresa tra le prime due domeniche di ottobre. L’appuntamento è dall’1 al 4 ottobre e dall’8 al 9 ottobre alla Pieve di Sinalunga con esposizione di animali, dimostrazioni di antichi mestieri e la degustazione di piatti della tradizione contadina con un protagonista su tutti la carne di razza Chianina e la sua valorizzazione. Si comincia sabato 1 ottobrecon l’apertura dello stand “Osteria della Chianina” (ore 17) e l’inaugurazione della mostra esposizione bovini di razza chianina iscritti al libro genealogico e mostra delle attrezzature e trattori d’epoca. Domenica 2 ottobre la giornata si apre con gli stand del Mercatino della Filiera Corta per poi proseguire con l’esposizione degli animali e degli attrezzi agricoli. Alle ore 11,30 apre lo stand “Osteria della Chianina” e street food e nel pomeriggio divertimenti mento per grandi e piccoli con la “Fattori dei cittini” (ore 16,30). La Fiera prosegue lunedì 3 ottobre con la mostra dei bovini di razza chianina iscritti al libro genealogico , la cena dell’alevatore e l’incontro dal titolo “I percorsi turistici della Chianina nella zona di origine” (ore 21,30). Tra gli eventi clou dell’edizione 2016 il convegno “Investire nella zootecnica e promuovere la Valdichiana attraverso le strade della Chianina” in programma martedì 4 ottobre dalle ore 9,30 al quale interverranno, tra gli altri, il sindaco di Sinalunga Riccardo Agnoletti, il sindaco di Cortona Francesca Basanieri, l’onorevole Marco Donati, della Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo della Camera dei Deputati, Eugenio Giani, presidente del Consiglio della Regione Toscana e Vincenzo Ceccarelli, assessore regionale alle Infrastrutture, mobilità, urbanistica e politiche abitative. La giornata proseguirà poi con il mercatino di Filiera corta, la mostra di bovini, la Fattoria dei cittini e con la premiazione dei bovini di razza chianina iscritti al libro genealogico (ore 16,30). Il finesettimana successivo sarà caratterizzato dai sapori della chianina allo stand “Osteria della Chinanina” e street food e, nella giornata di domenica, con la passeggiata equestre tra le colline sinalunghesi (ore 9), il Mercatino di Filiera corta, l’esposizione di animali e di attrezzi e la Fattoria dei cittini.

Il giro d’Italia del cibo di strada, quello con la tendina certificato dall’Associazione Streetfood, torna a Poggibonsi, il borgo senese che dal 7 al 9 ottobre nella centralissima Piazza Matteotti ospiterà la seconda edizione dello Streetfood Village. In collaborazione con l’Associazione Via Maestra e con l’Amministrazione Comunale del borgo della Val d’Elsa, l’evento torna in questa città forte del successo della passata edizione dello scorso anno, quando in tre giorni erano stati attratti oltre 30 mila visitatori che oltre a degustare il cibo di strada hanno avuto modo di scoprire il centro storico di questo bel borgo toscano. Il giro d’Italia del cibo di strada comincia con le bombette e la puccia pugliesi, gli arancini e il pane ca’ meusa siciliani. Dalle Marche i fritti misti, con le olive in testa e il pesce di San Benedetto del Tronto (Ap), senza dimenticare la parte internazionale: la cucina britannica con le mitiche Jack Potatoes e la Grecia con i suoi cibi di strada originali come Gyros Pita e Souvlaki. Non mancherà il fritto napoletano e il grande ritorno del dolce rumeno-ungherese Il Kurtos Kalacs. Il tutto è accompagnato dalla Birra ufficiale, quella col marchio Streetfood, oltre a una selezione di vini territoriali abbinati ai vari cibi di strada presenti. Oltre quaranta appuntamenti previsti dall’Associazione nazionale Streetfood in tutta Italia. Obiettivo è quello di far divertire il maggior numero di appassionati attraverso la cultura del cibo di strada. Solo nel 2015 sono stati raggiunti in tutta Italia quasi due milioni di persone. Un format di successo non solo per gli organizzatori degli eventi, ma da condividere con gli operatori economici del settore e le realtà territoriali che hanno creduto in questo progetto. Anche decine di eventi collaterali, momenti di confronto e convegni, un concorso dedicato alla stampa nazionale e decine di concerti che hanno fatto da sfondo alle varie tappe.

Il ruolo delle api nell'ecosistema, la scoperta del dolce prodotto del loro lavoro, nettare che impreziosisce le ricette della tradizione o ne crea di originali, ma anche laboratori, proiezioni di film a tema, social contest per le vetrine dei negozianti e animazioni per bambini. Tutto questo è Dolce Vernio, la rassegna dedicata al miele che taglia il traguardo della dodicesima edizione mettendo in programma tre giorni di eventi che iniziano venerdì 7 e si concludono domenica 9 ottobre. La rassegna si concentra infatti su una serie di iniziative che vedono al centro il concorso, la mostra mercato e naturalmente la degustazione dei mieli, ma ormai la manifestazione è anche anche un importante spazio di incontro per produttori e consumatori che prevede laboratori didattici per le scuole, promossi dall'associazione regionale Produttori apistici, un convegno e la proiezione del film-documentario Un mondo in pericolo sul tema della biodiversità. Comunque molto buona la qualità complessiva del miele che gli otto giurati, tutti iscritti all'Albo nazionale degli esperti in analisi sensoriale del miele, sono stati chiamati a valutare. Fra i 72 campioni ricevuti 22 sono di qualità millefiori, 22 castagno, 11 acacia e 17 sono invece mieli rari (tiglio, ciliegio, ligusto e altri). Il premio al miele migliore sarà assegnato domenica 9. Nella stessa giornata si apre la mostra mercato in piazza del Comune a San Quirico. Già 12 i produttori che animeranno il mercato, fra questi la maggioranza è composta da aziende agricole del territorio. Ma Dolce Vernio riserva anche un evento veramente goloso: lo show cooking con le “Forchette” che realizzeranno dal vivo quattro ricette. Insomma la rassegna è veramente completa e offre opportunità per tutti, anche per i più piccoli per i quali l'associazione MaPa ha programmato ben due spettacoli (domenica 9 alle 11 e alle 16) con Gina l'ape reporter che racconterà le Cronache dall'alveare. Infine Dolce Vernio promuove per il secondo anno, attraverso il comitato Vivere Vernio, il social contest Vernio si tinge di giallo. I commercianti di Mercatale e di S. Quirico aderenti all'iniziativa allestiranno le proprie vetrine sul tema delle api e del miele, tutti i cittadini sono invitati a votare la migliore che riceverà un premio. Le foto delle vetrine saranno pubblicate sulla pagina facebook di Vivere Vernio, le votazioni si chiudono sabato 8 ottobre. Sempre nell'ambito della rassegna si terrà per tutta la giornata di domenica la Festa della Castagna a cura della Società della Miseria.

Anche quest’anno a Reggello si celebra l’arrivo dell’autunno con il tradizionale appuntamento con La Castagnata, prevista per domenica 9 ottobre, organizzata dal Comune di Reggello in collaborazione con gECO. La manifestazione, giunta alla sua 16^ edizione quest’anno si svolgerà in una location davvero suggestiva: il “Centro Visite” di Ponte a Enna”. Per arrivare nel luogo della festa chi vorrà potrà percorrere una piacevole passeggiata. Il programma completo della giornata prevede il ritrovo alle 9 in Piazza Aldo Moro a Reggello, da qui, chi vorrà, partirà per raggiungere il Centro Visite di Ponte a Enna. La giornata prevede alle 13 un pranzo a rifiuti zero, ogni partecipante è, infatti, invitato a portare con se le proprie stoviglie perché non saranno forniti prodotti in plastica. La festa sarà rallegrata dall’intrattenimento musicale del Maestro Massimiliano Tommasoni. Per il pranzo è necessaria la prenotazione ai numeri 320 9650428 e 340 9022101 entro le 13 dell’8 ottobre (costo 8 euro bambini fino agli 8 anni esclusi).

Redazione Nove da Firenze