Piano di tutela delle acque: ecco come partecipare

Sul sito della Regione Toscana è possibile scaricare tutte le informazioni e i form per entrare a fare parte del percorso


E' ancora aperto il processo partecipativo, che coinvolge forze sociali e istituzionali, per l'aggiornamento del Piano di tutela delle acque della Toscana per il 2017. Il garante della partecipazione della Regione Toscana ha deciso di prorogare, dal 7 agosto al 7 novembre 2017, il termine per la presentazione dei contributi e del questionario consultivo da parte dei cittadini toscani.

Partecipare è semplice e si può fare direttamente on line. Sul sito della Regione Toscana è possibile scaricare tutte le informazioni e i form per entrare a fare parte del percorso decisionale, attivo su questa importante attività di programmazione, essenziale per la tutela, la messa in sicurezza e la gestione dei bacini e delle risorse idriche. La compilazione del form per inviare il contributo partecipativo è obbligatoria, mentre quellaq del questionario è facoltativa (e presuppone la previa compilazione del form).

Il Piano di tutela delle acque garantisce lo snodo di raccordo tra la pianificazione strategica distrettuale e quella regionale, traducendo sul territorio le disposizioni su larga scala dei piani di gestione, con indicazioni di dettaglio adattate alle diverse situazioni e strumenti di pianificazione locali, anche attraverso l'accurata comparazione tra costi e benefici ambientali.

La complessità e la rilevanza delle questioni che il nuovo PTA si troverà ad affrontare richiede che la fase di avvio e poi di elaborazione della proposta intermedia di piano debba essere accompagnata da una fase di ascolto, informazione e consultazione dei cittadini, degli attori sociali e istituzionali coinvolti.

Redazione Nove da Firenze