Rubrica — In cucina

Pesca Regina di Londa 2017

Una varietà di pesca di montagna dimenticata diventa materia prima per piatti innovativi


 Sei chef per una Regina. Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati) - Gabriele Andreoni (Gurdulù) – Andrea Perini (Al 588) - Massimo Zetti (Osteria de l’Ortolano) – Settimio Sordi (Da Settimo) - Paolo Gori (Burde) sono i sei chef fiorentini che hanno da sempre un rapporto intenso con i prodotti del territorio.

Saranno loro ad aprire la settimana dedicata a questo frutto che precederà la tradizionale Festa della pesca Regina di Londa che si svolge da circa 40 anni nel secondo fine settimana di settembre e che quest’anno si svolgerà dalll’8 al 10 settembre.

La pesca Regina di Londa è un frutto che racconta un pezzo della nostra storia. Un frutto “ritrovato”, un frutto antico, una pesca a maturazione tardiva che, per le sue particolarità,apre il dibattito sulla necessità di recuperare le varietà perdute o dimenticate.

La Pesca Regina di Londa si inserisce in quel panorama italiano che dal 1990 ha registrato la perdita del 75% della diversità genetica delle colture agricole, secondo i dati Coldiretti del 2014.

La Confederazione Italiana Agricoltori parla di un rischio che colpisce più di un quarto degli oltre 5mila prodotti agroalimentari tradizionali italiani. Una perdita economica stimata in 11 miliardi di euro.
L’attuale produzione nel territorio di Londa e confinanti è variabile e si attesta tra le 20/30 tonnellate di cui l’80% di pesca Regina e il 20 di altre varietà a diverso periodo di maturazione.

La storia della pesca Regina di Londa riparte a metà del secolo scorso quando un esperto arboricoltore Alfredo Leoni, la portò alla ribalta del mercato fiorentino riscoprendola per caso.

Appena 10 furono le marze “strappate” ad un contadino che aveva questa cultivar dimenticata. Fu la fortuna del paese di Londa che negli anni del boom e fino al 1980 vide crescere l’interesse verso la sua pesca tardiva e non vide, al contrario di molti paesi italiani di montagna, lo spopolamento del suo territorio.

La pesca tardiva a polpa bianca è ancora presente sul mercato a settembre inoltrato. Una pesca per sua natura a “km zero” in quanto non sopporta la lunga refrigerazione e il trasporto prolungato. La varietà è resistente naturalmente a molte delle principali malattie del pesco e cresce bene tra i 100 e i 700 metri di altitudine. L’Appennino toscano da subito si è presentato come zona ideale di coltivazione. Oggi, dopo l’abbandono dei campi avvenuto intorno agli anni’80, gli agricoltori sono tornati ad amare questa pesca unica, che insieme ad altre varietà a diversa maturazione, è uno dei capisaldi della coltivazione della zona.

La Pesca di Londa si inserisce nel rapporto storico che la Toscana ha con la pesca, frutto tipico dell’estate e con la necessità di riportare sulle tavole la frutta troppo spesso dimenticata pur essendo alimento fondamentale per la nostra dieta.

Un tempo ritenuto frutto ornamentale ma presente in Toscana fin dal 1500 grazie ai Medici che introdussero i “pomari” nelle ville toscane. E proprio qui, tra Mugello e la Val di Sieve, non a caso, si conserva questa antica cultivar. #pescalonda

https://www.facebook.com/reginadilonda/?fref=ts

Una settimana di “Pesca Regina”

Giovedì 7 settembre a Firenze Biblioteca delle Oblate

da venerdì 8 fino al 10 settembre a Londa con tante iniziative adatte a tutti

“Passeggiata a sei zampe”, “Disfida alla Regina”, “Giropesca”

La presenza della mela rosa dei Monti Sibillini

e il carretto dei gelati di CassiaVetus da Terranova Bracciolini

con il suo gusto “Pesca Regina”

FIRENZE: DA SABATO 2 A SABATO 9 SETTEMBRE 2017

Ormai da 40 anni la Pesca Regina di Londa è festeggiata il secondo fine settimana di settembre in riva al lago di Londa ma quest’anno avrà un prologo fiorentino. Entrata nel circuito delle feste Sagge del Parco delle Foreste Casentinesi la festa, dedicata a questo frutto ritrovato, vuol raccontare un territorio salubre che ha molto da offrire.

Il territorio e la sua salvaguardia, le buone pratiche e il recupero dei prodotti “antichi” sono, infatti, le linee guida attorno a cui ruotano le feste Sagge in cui la festa della Pesca Regina di Londa 2017 si inserisce.

Ospiti del 2017 la mela rosa dei Monti Sibillini (presidio Slow Food) con la presenza dell’azienda agricola Le Spiazzette di Gravucci Massimo di Amandola (http://www.lespiazzette.it/) che porterà i prodotti trasformati e la presenza della gelateria CassiaVetus di Terranova Bracciolini (AR), al 4° posto nella classifica nazionale dei gelati più buoni d’Italia, che da tempo porta nelle fiere nazionali del food il “gelato alla pesca Regina”.

Oggi la pesca non è considerata solo un frutto da mangiare a fine pasto ma entra nella preparazione di piatti gourmet, per questo sono stati invitati sei chef fiorentini ad interpretarne le qualità attraverso ricette di loro creazione che nella settimana dal 2 al 9 settembre 2017 sarà possibile assaggiare nei loro ristoranti.

Dallo stellato Filippo Saporito (La Leggenda dei Frati) al promettente Gabriele Andreoni (Gurdulù), al fantasioso Andrea Perini (Al 558) passando per un artigiano del gusto come Massimo Zetti (Osteria de l’Ortolano) all’intramontabile Settimio Sordi (Da Settimo) per concludere con la cucina tipica di Paolo Gori (Burde).

FIRENZE: GIOVEDI’ 7 SETTEMBRE 2017

Di pesca e di montagna si parlerà anche giovedì 7 settembre alla Biblioteca delle Oblate alle 17 dove sarà possibile assaggiare alcuni dei prodotti del territorio e comprenderne l’importanza storica e naturalistica attraverso la proiezione di video e la presenza di chi vive questa realtà.

LONDA: DA VENERDì 8 A DOMENICA 10 SETTEMBRE

La festa della pesca Regina di Londa 2017 da venerdì 8 a domenica 10 settembre 2017 con un programma adatto, come sempre a tutti coloro che intendono vivere la natura al 100%. Il lago è come sempre il protagonista della festa ma tutto il paese e il circondario vengono coinvolti .

Il programma dei tre giorni di festa prevede passeggiate tra i pescheti e sui sentieri, incontri istituzionali, gare sportive, il Pesckito Party, e la “Disfida della Regina” sfida culinaria tra blogger (a tema pesca) che saranno giudicati dal pubblico. Marco Bechi e una misteriosa “blogger” fiorentina si sfideranno a colpi di pesca Regina con due ricette che vedranno come giuria il pubblico presente che potrà assaggiare e votare con una pallina colorata.

Il vincitore riceverà Trofeo GustarViaggiando composto da un fine settimana sulla montagna fiorentina presso l’agriturismo Nencetti, un oggetto offerto dalla gioielleria fiorentina Penko, una cena per due presso il ristorante gourmet “Al 588”, prodotti del territorio e una cassetta di pesca Regina.

Non mancherà il Mercatino km 0 dei prodotti locali e tante altre novità per scoprire la montagna fiorentina in allegria.

Il programma Festa Regina di Londa

Venerdì 8 settembre 2017

ore 21.30 area festa “Peskijto Party” Jovaband, tributo a Jovanotti (ingresso gratuito)

Sabato 9 Settembre 2017

dalle 8.00 fino alle 12.30 Piazza della Repubblica Mercatino Km 0 dei produttori agricoli locali

  • ore 10.00 - Centro Visite (lago) Giropesca, passeggiata guidata ad anello per le colline e pescheti di Londa a cura di Ecotondo (info 348 7375663)

dalle 15.00 Piazza della Repubblica:

- Giuria del Concorso Pesca d’Argento 2017, Pesca Regina e altre cultivar

- Stand per la vendita della Pesca Regina, delle piantine di pesco e di altri frutti antichi

- Intortata della Regina, IV edizione del concorso di torte fatte in casa a base di pesca

- Agnese, la pesca londese, laboratorio per bambini a cura dell'associazione La Casa del Sole e della Luna

- Azzardo e sangue con testimone un corvo, presentazione del libro di Gesualdo Greco presso la Panchina Rossa

- Finale calcio a 5 della 1^ ed. del Torneo della Regina, Memorial Giampaolo Monnetti, a cura dell'associazione Il Sicomoro

- ore 20.00 Piazza Umberto I Cena sotto le Stelle a cura dell'ADS Londa Calcio 1974 (info 338 6823102)

- Elezione Miss Pesca Regina 2017

Domenica 10 settembre

Lago di Londa dalle 9.00

- mercatino km 0 dei produttori locali e mercatini di collezionismo e artigianato

- ore 10.00 Passeggiata a 6 zampe, giro ad anello di 6 km con arrivo nel Giardino delle Erbe Spontanee dove esperte botaniche guideranno la comitiva lungo il parco fluviale in un percorso di riconoscimento delle erbe utili alla salute dei cani. Su prenotazione è possibile pranzare allo Stuzzichino Bau (info 339 6207738 – costo del pranzo € 14, parte del quale sarà devoluto per il mantenimento della colonia felina)

- ore 11.00 Centro Visite dibattito Agricoltura e normativa regionale – punto sulla proposta di Legge Regionale sui piccoli agricoltori intervengono i Consiglieri Regionali Fiammetta Capirossi e Serena Spinelli

Piazza della Repubblica

- ore 10.30 Erbe Streghe e Pozioni, passeggiata rilassante nell'atmosfera magica del Giardino delle Erbe Spontanee per scoprire quali sono e come utilizzarle in cucina, per la cura del corpo o come medicamento naturale. Degustazione di dolcetti e bevande a base di erbe a cura di Auser Londa

- ore 11.00 XVI Motoraduno d'epoca Trofeo Forense a cura del Comitato Carnevale Dicomano

- ore 11.30 Aperitivo al Ponte, con degustazione di vini e prodotti gastronomici locali

Via Roma

- ore 15.30 Corteo dei carri di Pesca Regina accompagnati per le vie del paese dalla street band Bloco Bandito

Lago

- dalle ore 15.30 Prova l'Arco! Conoscere gli strumenti e le tecniche di tiro con l'arco per grandi e piccini a cura dell'associazione Gli Arcieri del Lago

- ore 16.00 laboratorio artistico per bambini presso la terrazza del Centro Visite

- ore 16.00 arrivo del Corteo dei carri della Pesca ed esibizione dei Bloco Bandito

- ore 16.45 Gara della polenta tra le frazioni

- ore 17.00 Pesca&Friends, cooking Show Due blogger toscani si sfideranno cucinando sul palco per nella “Disfida alla Regina” a giudicare il pubblico attraverso l’assaggio delle preparazioni e votazione pubblica con palline colorate.

- - ore 18.00 Premiazione dei concorsi: Pesca d'Argento, Intortata della Regina, Gara della Polenta

- ore 21.00 Marco Ligabue (ingresso gratuito

Redazione Nove da Firenze