Ordine dei cuochi: Albo ed aggiornamento professionale

L’iniziativa è stata presentata oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore allo Sviluppo economico e turismo Giovanni Bettarini e dal presidente dell’associazione Cuochi fiorentini Angelo Mazzi


Nasce da Firenze l’Ordine dei cuochi, un’organizzazione autodisciplinata per promuovere l’innalzamento degli standard qualitativi, la formazione continua della categoria e il confronto sugli sviluppi della professione. 

“Un’iniziativa che rientra pienamente nel lavoro che questa Amministrazione sta facendo in difesa della qualità – ha detto Bettarini – Il tema di qualificare l’enogastronomia è diventato un tema identitario e si traduce per noi in una battaglia per la tutela del centro storico di Firenze attraverso una disciplina specifica come quella del regolamento Unesco. Oggi – ha proseguito Bettarini – l’associazione fa un passo avanti con un albo a carattere volontario e l’obiettivo di proseguire insieme sul percorso della tutela della qualità e dell’identità lavorando sui prodotti, sulle provenienze e sulla definizione stessa di qualità”.

“Nella nostra attività quotidiana ci siamo accorti della necessità di un aggiornamento professionale costante e di un confronto sugli sviluppi della professione – ha detto Mazzi - La nostra vuole essere un’organizzazione autodisciplinata con un’appartenenza che faccia da stimolo ad un miglioramento costante. Gli iscritti all’Ordine – ha proseguito Mazzi - dovranno dimostrare di esercitare la professione e partecipare a iniziative e programmi di aggiornamento per contribuire a innalzare gli standard qualitativi. L’obiettivo adesso resta la creazione di un albo e il riconoscimento ufficiale della professione”.
Le prime tessere ufficiali di appartenenza verranno distribuite a personalità che si sono distinte nel mondo della cucina con lunga esperienza professionale o militanza nelle associazioni cuochi provinciali, regionali e nazionali. 

Redazione Nove da Firenze