Omicidio Ashley, 30 anni confermati in Appello

La Corte d'Appello ha confermato la condanna per il giovane accusato di aver ucciso la ragazza statunitense


Un giovane straniero è stato accusato di aver strangolato la ragazza americana in Oltrarno nella notte tra il 9 ed il 10 gennaio 2016: oggi arriva la conferma per lui della condanna di primo grado a 30 anni. 

Il delitto del gennaio 2016 aveva creato preoccupazione nell'area dell'Oltrarno frequentata ogni sera da molte studentesse straniere che, iscritte alle Università e scuole straniere fiorentine, in parte risiedono tra Santo Spirito ed il Carmine.
L'appartamento di via Santa Monaca è stato controllato a più riprese dagli inquirenti nelle ore successive al ritrovamento del corpo effettuato dal ragazzo della giovane, un artista fiorentino. Furono monitorate le immagini delle telecamere e sentiti i testimoni della serata trascorsa nei locali del centro storico di Firenze dove sarebbe avvenuto l'incontro tra i due poi trasferitisi a casa della vittima.

Il pubblico ministero aveva chiesto l'ergastolo per l'accusato che avrebbe, nella sua linea difensiva, cercato di richiamare l'attenzione sul fidanzato di Ashley riconosciuto dagli investigatori, fin dai primi istanti, come estraneo ai fatti.

Redazione Nove da Firenze