Olimpiadi di italiano: venerdì la finale a Firenze

84 studenti in corsa per podio. La vicesindaca Giachi: «Per il nostro futuro è vitale migliorare l’italiano dei giovani». Alla Leopolda due giorni di orientamento per oltre 10.000 studenti della provincia


Sono quasi 25 mila gli studenti italiani che hanno partecipato, nei mesi scorsi, alle gare intermedie alle Olimpiadi di italiano organizzate dal Ministero dell’Istruzione. E ora in 84 si sfideranno nella prova finale in programma a Firenze venerdì prossimo. Sul podio saliranno coloro che dimostreranno la migliore capacità di scrittura, di sintesi, di comprensione del testo e una conoscenza approfondita della struttura della nostra lingua. Le Olimpiadi, arrivate alla quinta edizione, sono dedicate quest'anno alla figura di Dante (a 750 anni dalla nascita) e sono inserite nella cornice delle Giornate della Lingua, organizzate dal Miur, che si apriranno domani all'Accademia della Crusca, con letture e interventi dedicati al Sommo Poeta, e si concluderanno sabato 11 aprile con la premiazione dei vincitori. «Per il nostro futuro è vitale migliorare l’italiano dei giovani – ha sottolineato la vicesindaca e assessora all’educazione Cristina Giachi – sono loro che diffonderanno la cultura italiana e la preserveranno per il futuro. Conoscere una lingua è fondamentale per pensare bene. Se la lingua non è studiata, diffusa e apprezzata è la percezione della nostra stessa identità nazionale a risentirne. Non possiamo dimenticare che è stata proprio la lingua italiana, prima ancora della volontà politica, a darci il senso del sentire comune, di appartenere da un unico popolo. Non a caso nelle biblioteche di molti nostri bisnonni c’erano la Divina commedia, i Promessi sposi, l’Orlando furioso e altre grandi opere dela nostra letteratura: è stata proprio quella a farli sentire italiani molto prima di poterlo diventare a tutti gli effetti».

I NUMERI DELLA GARA

Quest'anno sono stati 24.320 i partecipanti, contro i 14.769 dell'edizione precedente. Le Olimpiadi sono gare individuali di lingua italiana rivolte agli studenti delle Superiori. La manifestazione rientra nel Programma nazionale di valorizzazione delle eccellenze e si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il Patrocinio e il supporto organizzativo del Comune di Firenze. Il logo ufficiale delle Olimpiadi di italiano quest'anno è stato disegnato e offerto dall'artista Ugo Nespolo (che sarà presente alla cerimonia di premiazione).
I FINALISTI

Gli 84 finalisti sono divisi nelle sezioni junior, senior ed esteri. Alle finali sono arrivati dopo aver superato una selezione iniziata il 12 febbraio nelle proprie scuole (in contemporanea in tutta Italia, via internet) e proseguita nelle selezioni regionali del 12 marzo. Gli 84 sono così suddivisi: 41 femmine e 43 maschi; hanno dai 14 ai 19 anni, provengono da tutte le regioni italiane (le più rappresentate, con 6 finalisti ciascuna, il Veneto e le Marche) e appartengono a tutti gli indirizzi di scuola secondaria di II grado (con una leggera prevalenza del Liceo classico sul Liceo scientifico, rispettivamente 36 e 31 istituti). Tra di loro anche quattro studenti selezionati nelle scuole italiane all'estero: due provengono da Madrid, uno da Atene, uno da Francoforte. Presenti anche due studenti che studiano l'italiano come "lingua 2" (lingua non madre) selezionati tra 35 scuole e 1.035 concorrenti, della Provincia autonoma di Bolzano.
LA GARA DI VENERDI'

La gara finale si svolgerà venerdì, dalle 9.30, nel contesto di Palazzo Vecchio. Sabato 11 aprile, nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, la proclamazione dei dieci vincitori: tre nella sezione junior Italia, tre nella sezione senior Italia, uno per ciascuna delle due sezioni di gara riservate alle scuole italiane all'estero e poi i primi classificati tra i senior degli Istituti Tecnici e degli Istituti Professionali. In questa quinta edizione si è scelto infatti di premiare anche i risultati migliori degli Istituti Tecnici e Professionali per motivare gli studenti di ogni indirizzo alla partecipazione. Valuterà le prove una giuria di esperti nominata al Miur. Il premio per i primi classificati della categoria senior per i Tecnici e per i Professionali, consisterà in uno stage a Torino, città della cultura e dell'industria, offerto dalla Fondazione per la Scuola della Compagnia di San Paolo. Per tutti gli altri vincitori in premio, oltre alle medaglie, libri e dizionari, offerti dalle case editrici Mondadori Education, Guanda, Il Mulino, Laterza, Le Monnier, Zanichelli, e dal Premio Campiello di Confindustria Veneto. E poi, ancora, soggiorni studio in città europee - per gli italiani - offerti da alcune scuole italiane all'estero. E, infine, due opere artistiche di Ugo Nespolo (per i primi classificati nelle due principali sezioni di gara).


Medico, avvocato, architetto, speaker radiofonico, regista o stilista? Desideri frequentare un college negli Stati Uniti o conoscere le opportunità del mondo digitale?Come scegliere il percorso di studi più adatto alle proprie passioni e capacità, ma che apra anche al mondo del lavoro? Approda a Firenze il tour italiano di Campus Orienta! Il Salone dello Studente, la manifestazione organizzata da Class Editori che da 25 anni in Italia rappresenta un punto di riferimento perl’orientamento post-scolastico.L’appuntamento è per domani e venerdì, dalle 9.00 alle 14.00, presso la Stazione Leopolda, dove sono attesi gli studenti provenienti dalle classi quarte e quinte degli istituti superiori di Firenze eProvincia accompagnati dai loro insegnati, a cui, quest’anno, per la prima volta, è stata dedicata un’area, il Teacher’s Corner, dove potranno confrontarsi e seguire incontri di approfondimento. L’ingresso è gratuito ed è possibile accreditarsi sul sitoI lavori si apriranno il 9 aprile alle ore 10.00 con la conferenza dal titolo “Nel cantiere del futuro: il valore di una giusta scelta”. La manifestazione ha ricevuto il patrocinio del Comune di Firenze, della Città Metropolitana di Firenze, della Regione Toscana e della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, con lacollaborazione del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana e dell’Università degli Studi di Firenze, e con la partecipazione dellaPresidenza del Consiglio dei Ministri e dello Stato Maggiore della Difesa.

Redazione Nove da Firenze