Nuova piazza: il mercato delle Cure al Mandela

Molti clienti chiedono notizie sul futuro della piazza


L'amministrazione ha pubblicato sui Social il progetto della nuova piazza, una ristrutturazione che costerà alle casse pubbliche 2.796.250 euro, ma come la stanno prendendo gli operatori del mercato ed i residenti? 
Stamani abbiamo trovato gli operatori del mercato a sbirciare nel profilo dell'assessore Stefano Giorgetti.

"Stavamo giusto guardando le foto.." ci hanno risposto gli ambulanti delle Cure. Ma perché non ve le avevano mai mostrate prima? "Abbiamo avuto degli incontri, ma nessuno ci ha aggiornato. Sappiamo solo che stiamo per trasferirci perché negli ultimi giorni sono venuti i tecnici a prendere le misure degli scarichi e degli allacci elettrici" rispondono. 
Per il ritorno in piazza o per la soluzione temporanea? "Le misure le hanno prese perché da lunedì lavoreranno alle nuove postazioni davanti alla piscina Costoli ed all'ingresso del Mandela Forum". E per il futuro? "Per il futuro temiamo molto i tempi del cantiere. Sarò dura che riescano a sistemare la piazza in un anno. Molti clienti ci hanno già detto che non riusciranno a seguirci. Pensavamo di chiedere al Comune una Navetta gratuita per prelevare qui i frequentatori del mercato e portali in viale Paoli". Possibilità di risposta positiva? "Sotto elezioni? Molte. Poi bisogna vedere fino a quando..".

Intanto ai banchi si alternano i clienti che continuamente chiedono notizie sull'imminente spostamento "Io abito in zona - spiega un libero professionista - ed ho molta paura di come interverranno sulla mobilità durante le lavorazioni sulla piazza. Noi raccogliamo il traffico dal Mugello e dalla Faentina, c'è chi scollina dalla Bolognese, ma ci sono anche quelli che arrivano dall'Olmo ecc.. diretti verso il centro e Firenze Nord".

A fine gennaio i primi lavori di Toscana Energia, poi la prima fase dei lavori con la demolizione delle strutture esistenti e la realizzazione del parcheggio: durata 3 mesi.
La seconda fase partirà a giugno: durata 7 mesi. 

Il completamento lavori è previsto per l'inizio 2019, contando 7 mesi da giugno si arriva a gennaio. 

Piazza delle Cure avrà una nuova rotatoria e la copertura del mercato delle erbe, arredi urbani, pavimentazioni e lastrici e la riorganizzazione dei percorsi pedonali. Ampie aiuole sopraelevate rispetto al piano di calpestio troveranno posto nell'area mercatale e lungo i lati sarà possibile sedersi. Prevista inoltre la piantumazione di 18 nuovi alberi, l’inserimento di panchine e dissuasori di design ed installazioni artistiche nei pressi degli ingressi al sottopassaggio pedonale, oltre ad una nuova illuminazione.

Nel nuovo mercato due spazi collegati da un attraversamento pedonale regolato da semafori: la piazza delle erbe limitrofe all’edificio dell’ex acquedotto, dedicata ai generi alimentari in adiacenza ai quali ci saranno sei postazioni di generi vari e nel nuovo spazio pedonale che affianca l’edificio compreso tra viale Volta e viale dei Mille ulteriori nove postazioni di generi vari.

Non era prevista in un primo momento ma ci sarà la demolizione e la ricostruzione della facciata dell’edificio ex acquedotto dove saranno inseriti i volumi necessari a ospitare quattro ambulanti di generi alimentari. Vi sarà ancorata la tettoia del mercato che risulterà sostenuta da esili colonne sul lato opposto.

Palazzo Vecchio assicura che "Sarà garantita la possibilità di accesso veicolare e di sosta a rotazione in questa zona commerciale con l’individuazione di una carreggiata veicolare di servizio compresa tra lo spazio pedonale e e le aiuole. Per la viabilità sarà realizzata una nuova rotatoria per razionalizzare il traffico delle diverse direttrici; previsto un nuovo attraversamento pedonale all'altezza viale dei Mille".

Antonio Lenoci