Neve, è allerta: scuole chiuse, nevicate fino in pianura

Codice arancio per neve, giallo per ghiaccio e vento


Palazzo Vecchio teme una abbondante nevicata, nella notte tra mercoledì 28 febbraio e giovedì 1° marzo. Scuole chiuse a Firenze, giovedì 1° marzo dunque per decisione del sindaco, Dario Nardella.
La misura precauzionale è stata presa dal sindaco con un'apposita ordinanza dopo che il Centro funzionale regionale (Cfr) ha ufficializzato l'allerta arancione, a Firenze, per quasi tutta la giornata di giovedì 1 marzo.

A causa dell’allerta meteo, anche l’Università di Firenze sospende l’attività didattica (compresi esami di profitto, tesi di laurea e ricevimento studenti) in tutti i plessi dell’Ateneo presenti nel Comune e nella provincia di Firenze, a Prato e a Pistoia. Le sedi e gli uffici dell’Ateneo resteranno aperti.

La neve dovrebbe cominciare a cadere già questa notte, poi una pausa di qualche ora e una ripresa nella tarda mattinata di domani. Si prevede da un minimo di due centimetri e mezzo a un massimo di dieci.

Dalle 22 blocco su tutte le strade e autostrade della provincia di Firenze. Divieto di circolazione per i mezzi pesanti, con massa superiore a 7.5 tonnellate, su tutta la rete viaria della provincia di Firenze, fuori dai centri abitati, a partire dalle 22.00 di stasera, 28 febbraio, fino a “cessate esigenze”. Lo ha deciso il prefetto di Firenze Alessio Giuffrida per le previsioni meteo avverse. “Ritenuto che la situazione di criticità meteorologica che interesserà gran parte di questo territorio regionale – si legge nel provvedimento del prefetto - potrà riverberarsi sull’ordinaria circolazione stradale, con significativi rallentamenti o blocchi” si ravvisa che “in tale contesto la presenza di mezzi pesanti potrebbe costituire ulteriore intralcio, con evidenti ripercussioni sulla sicurezza delle strade e degli automobilisti e anche porsi come ostacolo al transito di mezzi di soccorso e di emergenza”. Dal divieto sono esclusi i veicoli adibiti al trasporto di persone, materiale elettorale, carburanti, merci deperibili, animali vivi e i mezzi addetti alla raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani, purché muniti di pneumatici termici o catene. Esentati anche tutti i mezzi di servizio per interventi urgenti e di emergenza circolanti per esigenze di soccorso, sicurezza, protezione civile e garanzia della manutenzione stradale e delle condizioni di viabilità. Le forze di polizia statali e le polizie locali controlleranno gli accessi ai caselli sull'Autostrada del Sole (A1) e sulla Firenze Mare (A11), nonché quelli delle altre arterie viarie in provincia di Firenze.

Il servizio Ataf sarà attivo nelle forme minime indispensabili: 72 bus con catene piú una decina con gomme termiche (se le condizioni lo consentiranno ci potranno essere 30-40 mezzi in piú).
Tramvia: il servizio è garantito salvo eventi eccezionali.
Per chi usa l'auto si ricorda l'obbligo delle catene a bordo (che dovranno essere montate in caso di neve) o l'utilizzo delle gomme termiche. La polizia municipale intensificherà i controlli nei punti di maggiore flusso del traffico. I cittadini sono comunque invitati a muoversi solo se necessario.
Con altre ordinanze sono state disposte sia la sospensione del servizio raccolta rifiuti che la chiusura dei cimiteri (salvo che per le sepolture). Per l'emergenza sono già pronti 25 spargisale di Alia (8 grandi, 7 medi e 10 piccoli) più quelli degli operatori privati: complessivamente saranno operativi 33 mezzi. 110 i volontari della protezione civile che si sono suddivisi le zone di intervento per essere operativi e rapidi nel raggiungere le varie aree di eventuale crisi.

Dalla tarda serata di oggi la concomitanza di un afflusso di aria calda e umida dai settori sud-occidentali con l'afflusso di aria molto fredda e secca nei bassi strati favorirà, per la giornata di domani, giovedì 1 marzo, nevicate fino in pianura, soprattutto sulle zone centro-settentrionali della regione. Per questo la Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un bollettino con codice arancione per neve valido dalla mezzanotte di stasera fino alle 18 di domani, giovedì 1 marzo (fino alla mezzanotte sull'Appennino), sui settori centro settentrionali della Toscana e codice giallo sempre per neve nelle altre zone. 

Publiacqua informa gli utenti che, per la emergenza connessa alla situazione meteo, il Numero Verde Informazioni e Pratiche (800 238 238) non sarà attivo nelle giornate di oggi, mercoledì 28 febbraio, e domani, giovedì 1 marzo. Rimangono normalmente aperti gli Uffici al Pubblico di Firenze, Prato, Pistoia, San Giovanni Valdarno, San Casciano Val di Pesa e Borgo San Lorenzo ed il Numero Verde Guasti (800 314 314), attivo come sempre H24.

Anche il presidente della Regione, in considerazione delle previsioni per la giornata di domani, ha inviato una nuova lettera, dopo quella già inviata nei giorni scorsi, ai soggetti che devono garantire ai cittadini l'erogazione dei servizi.

Questa in dettaglio la situazione meteo prevista per domani.

NEVE: domani, giovedì, nevicate fino a abbondanti a quote di pianura, in particolare sulle zone centro-settentrionali della regione. Dalla tarda serata di oggi, mercoledì, e fino alla prima parte della giornata di domani, giovedì, nevicate poco abbondanti fino in pianura sull'Arcipelago, il grossetano e le zone meridionali delle province di Livorno e Pisa.
GHIACCIO: oggi, mercoledì, e domani, giovedì, locale formazione di ghiaccio nelle zone interessate dalle nevicate dei giorni scorsi.
VENTO: domani, giovedì, possibili forti raffiche di Grecale su Mugello, Valdarno Medio e Inferiore e colline pisane.

Ecco il testo completo della lettera spedita dal presidente della Regione Toscana alle Prefetture e ai settori viabilità e protezione civile delle Province; a gestori delle reti di trasporto su ferro e strada RFI, Autostrade per l'Italia, SALT, Autocisa, ANAS; ai gestori elettrici e del gas e-distribuzione, SNAM Rete Gas, a Telecom; alle sale operative del 118 e per conoscenza al Dipartimento della Protezione Civile Nazionale.

"Richiamando la nota trasmessa ai gestori dei servizi viabilità, trasporto pubblico e servizi essenziali trasmessa la scorsa settimana e in concomitanza con la conferma odierna sulle possibili precipitazioni nevose nelle prossime ore fino a quote di pianura per l'intero territorio regionale, con la presente si rinnova una particolare attenzione rispetto all'effettiva efficienza e preparazione dei soggetti coinvolti.
Si richiamano pertanto le strutture territoriali responsabili della gestione della viabilità a verificare preventivamente la propria organizzazione e in particolare l'effettiva operatività dei mezzi e l'adeguata disponibilità di sale per il contrasto delle situazioni di neve e gelo. In tal senso sarà auspicabile il consueto rapporto con le Prefetture UTG quale soggetto di riferimento in caso di eventuale attivazione dei COV - Comitati Operativi per la Viabilità. Tale attenzione è indirizzata anche verso le Amministrazioni Comunali sia per l'attività relativa alla gestione della viabilità sia per gli aspetti di eventuale assistenza ai soggetti particolarmente fragili della popolazione.
Considerando anche la possibile concomitanza con situazioni di gelo e vento si rinnova l'invito ad una verifica circa l'effettiva disponibilità operativa dei sistemi di contrasto alle possibili interruzioni nell'erogazione dei servizi è rivolto anche ai gestori dei servizi essenziali, anche nelle loro articolazioni territoriali.
Come sempre il Centro Funzionale Regionale e la Sala Operativa Regionale renderanno disponibili secondo i consueti canali e tempistiche di comunicazione ogni informazione disponibile circa l'aggiornamento della previsione meteo e sulla situazione in atto sul territorio regionale. Si invitano i soggetti in indirizzo a voler segnalare prontamente ai Centri Situazioni Provinciali eventuali situazioni di criticità di protezione civile che dovessero interessare il proprio territorio. Si conferma contestualmente l'operatività in H24 della Sala Operativa Regionale per qualsiasi eventuale segnalazione e opportuno raccordo".

Per quanto riguarda la fornitura di energia elettrica, E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione, in ragione delle previsioni meteo di domani, rende noto di aver predisposto un piano straordinario in base al quale sono già stati dislocati sul territorio toscano circa 130 gruppi elettrogeni nei punti più strategici per la rete ed è stato rinforzato il personale anche con oltre 100 addetti da altre regioni; inoltre, E-Distribuzione ha aggiornato tutti gli elenchi con i riferimenti diretti dei responsabili operativi sul territorio in costante contatto con la Protezione civile regionale, le Prefetture, la Città metropolitana e i sindaci dei vari territori.

L'assessore regionale all'ambiente sottolinea l'impegno della Regione per fronteggiare l'emergenza meteorologica. A questo scopo, stamani la Protezione civile regionale ha organizzato una riunione con le Province e la Città metropolitana per fare il punto sulla situazione e individuare le misure per fare fronte ad ogni necessità, mettendo a disposizione anche la colonna mobile.

L'assessorato al diritto alla salute ha inviato alle aziende sanitarie una circolare in cui sono indicate tutte le azioni da mettere in atto per garantire il pieno e completo funzionamento della rete socio-sanitaria, con un'attenzione particolare alla presa in carico delle persone con maggiore fragilità. In particolare, si raccomanda il monitoraggio costante degli accessi ai pronto soccorso; l'eventuale potenziamento della reperibilità del personale medico, infermieristico, tecnico e dell'assistenza; l'attenzione a garantire la continuità dei servizi assistenziali; intensificazione della sorveglianza delle persone fragili assistite a domicilio; attuazione di tutte le misure necessarie per la tutela della salute delle persone senza fissa dimora, con allerta dei servizi di accoglienza notturna e diurna.

Per informazioni più dettagliate e per le norme di comportamento da tenere in occasione di tali fenomeni consultare la pagina www.regione.toscana.it/allertameteo.

Metrocittà Firenze sull'allerta neve e gelo

Protezione civile e tecnici della viabilità della Città Metropolitana svolgono monitoraggio e interventi continuativi a garanzia della percorribilità delle strade di competenza. Giovedì 1 marzo anche la Polizia provinciale a presidio della Fi-Pi-Li e dei Passi più soggetti a criticità
Dalla tarda sera di mercoledì 28 febbraio sono previste nevicate fino a quote di pianura. La Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze, con i tecnici della Viabilità dell'ente, a fronte del gelo portato da Buran, continua a monitorare e a intervenire per garantire la percorribilità delle strade di competenza, soprattutto nelle zone del Mugello-Val di Sieve, Romagna Toscana (Alto Mugello) e Ombrone Pistoiese-Bisenzio. Le temperature sono in ulteriore calo con estese e forti gelate soprattutto nelle zone interessate dalle nevicate dei giorni scorsi. I dati sono stati illustrati in un incontro del Sindaco con la stampa.
"Domani, giovedì 1 marzo, anche gli agenti della Polizia provinciale della Città Metropolitana si posizioneranno - spiega il consigliere delegato - a presidio della Fi-Pi-Li, se necessario, e dei Passi più investiti dall'allerta neve. Si ricorda l'obbligo delle dotazioni invernali e si raccomanda cautela alla guida".

Città Metropolitana di Firenze
http://met.cittametropolitana.fi.it/news.aspx?n=262304

Scuole chiuse domani, giovedì 1 marzo, nei 6 comuni dell’Unione Valdarno Valdisieve (Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rufina e San Godenzo). La decisione è stata presa a seguito dell’allerta meteo codice arancione per rischio neve emessa dalla Regione Toscana dalle 24 di domani, giovedì 1 marzo, fino alle 23.59 della stessa giornata. Ad aggiungersi alla neve, anche codice giallo per vento e ghiaccio a partire già da oggi. A seguito della prevista situazione i Sindaci dell’Unione di Comuni hanno disposto la chiusura degli istituti scolastici.

In seguito a questa allerta l’Unione dei Comuni ha già attivato il centro operativo di protezione civile e tutti i comuni hanno concordato di prevedere la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado; ciascun comune ha predisposto un’ordinanza specifica.

Nello stesso tempo sono già in corso i preparativi per fronteggiare il mal tempo, la neve e il ghiaccio: il personale e i volontari sono stati allertati e i mezzi spargisale dei singoli comuni sono pronti per essere utilizzati.

Occorre ricordare ai cittadini che in caso di nevicate con persistenza di neve al suolo ed al fine di tutelare l’incolumità dei pedoni, i regolamenti comunali di polizia urbana obbligano gli abitanti di ogni edificio fronteggiante la pubblica via a provvedere a:

  • rimuovere la neve dai marciapiedi;
  • pulire la cunetta stradale e liberare eventuali caditoie o tombini per agevolare il deflusso delle acque di fusione;
  • spargere un adeguato quantitativo di sale sulle are e sgomberate, se si prevedono condizioni di gelo;
  • aprire varchi in corrispondenza di attraversamenti pedonali ed incroci stradali su tutto il fronte dello stabile;
  • abbattere eventuali festoni o lame di neve e ghiaccio pendenti dai cornicioni e dalle gronde;
  • rimuovere le autovetture parcheggiate a filo strada per permettere di liberare le carreggiate.

Ricordiamo, inoltre, alcune precauzioni e comportamenti da tenere in caso di precipitazioni nevose.

  • limitare o differire, per quanto possibile, gli spostamenti con veicoli;
  • preferire, per quanto possibile, l’utilizzo dei mezzi pubblici a quello delle auto private;
  • non utilizzare veicoli a 2 ruote;
  • non aspettare a montare le catene da neve sulla propria auto quando si è già in condizioni di difficoltà, specie se si devono affrontare percorsi con presenza di salite e discese anche di modesta pendenza;
  • non abbandonare l’auto in condizioni che possono costituire impedimento alla normale circolazione degli altri veicoli, ed in particolare dei mezzi operativi e disoccorso;
  • aiutare le persone in difficoltà e non esitare a richiedere aiuto in caso di necessità (per montare le catene, per posteggiare l’auto anche all’interno di proprietà private, per avere consigli ed indicazioni, etc.).

Si consiglia, inoltre, ai cittadini di seguire i siti istituzionali e i canali social dei singoli comuni e dell’Unione dei comuni dell’Empolese – Valdelsa per essere aggiornati costantemente in merito all’evolversi della situazione.

A Livorno non sono previsti grossi accumuli di neve, e considerando che già da domani (giovedì) le precipitazioni dovrebbero volgere a pioggia, la neve accumulata è destinata a sciogliersi entro poco tempo.
A scopo precauzionale, comunque, e per ridurre i disagi alla cittadinanza e i rischi legati alla circolazione sia a piedi che in auto nelle ore in cui saranno più tangibili gli effetti della nevicata (la mattina), il sindaco Filippo Nogarin ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado per domani, giovedì 1 marzo.

Per ragioni di sicurezza saranno chiusi anche i parchi cittadini. La Protezione Civile raccomanda alla popolazione di limitare al massimo gli spostamenti, soprattutto verso le zone collinari, e l’utilizzo dei mezzi privati. Si raccomanda anche prudenza alla guida per la possibile permanenza di ghiaccio anche nei giorni successivi.

Questi i consigli della protezione civile in caso di neve e gelo: 

Prima – Informarsi sull’evoluzione della situazione meteo, ascoltando i telegiornali o i radiogiornali locali; procurarsi l’attrezzatura necessaria contro neve e gelo o verificane lo stato: pala e scorte di sale sono strumenti indispensabili per l'abitazione o per l'esercizio commerciale; prestare attenzione all'auto che, in inverno più che mai, deve essere pronta per affrontare neve e ghiaccio; montare pneumatici da neve, consigliabili per chi viaggia d’inverno in zone con basse temperature, oppure portare a bordo catene da neve, preferibilmente a montaggio rapido; fare qualche prova di montaggio delle catene: meglio imparare ad usarle prima, piuttosto che trovarsi in difficoltà sotto la nevicata; controllare che ci sia il liquido antigelo nell’acqua del radiatore; verificare lo stato della batteria e l’efficienza delle spazzole dei tergicristalli; non dimenticare di tenere in auto i cavi per l’accensione forzata, pinze, torcia e guanti da lavoro.

Durante - Verificare la capacità di carico della copertura dello stabile (casa, capannone o altra struttura). L’accumulo di neve e ghiaccio sul tetto potrebbe provocare crolli; preoccuparsi di togliere la neve dall'accesso privato o dal passo carraio: non va buttata in strada, potrebbe intralciare il lavoro dei mezzi spazzaneve; evitare di utilizzare l’auto quando nevica e, se possibile, lasciarla in garage: riducendo il traffico e il numero di mezzi in sosta su strade e aree pubbliche si agevoleranno molto le operazioni di sgombero neve. Se si è costretti a prendere l’auto vanno seguite alcune piccole regole di buon senso: liberare interamente l’auto e non solo i finestrini dalla neve; tenere accese le luci per renderti più visibile sulla strada; mantenere una velocità ridotta, usando marce basse per evitare il più possibile le frenate. Prediligere, piuttosto, l’utilizzo del freno motore; evitare manovre brusche e sterzate improvvise; accelerare dolcemente e aumenta la distanza di sicurezza dal veicolo che precede; ricordare che in salita è essenziale procedere senza mai arrestarsi: una volta fermi è difficile ripartire e la sosta forzata della tua auto può intralciare il transito degli altri veicoli; parcheggia correttamente la tua auto in maniera che non ostacoli il lavori dei mezzi sgombraneve; prestare particolare attenzione ai lastroni di neve che, soprattutto nella fase di disgelo, si possono staccare dai tetti; non utilizzare mezzi di trasporto a due ruote.

Dopo - Dopo la nevicata, è possibile la formazione di ghiaccio sia sulle strade che sui marciapiedi. Prestare quindi attenzione al fondo stradale, guidando con particolare prudenza; se ci si sposta a piedi scegli scarpe antiscivolo per evitare cadute e scivoloni e muoviti con cautela.

Per informazioni sui rischi e su come comportarsi:
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-vento
http://www.regione.toscana.it/-/rischio-neve-e-ghi...
http://protezionecivile.comune.fi.it/wp-content/up...

Redazione Nove da Firenze