Nardella sindaco migliore d'Italia: classifiche social

La notizia e come darla: chi cerca la polemica e chi riflette sul posizionamento delle parti politiche in gioco


 Le rilevazioni Index Research sono dedicate al monitoraggio semestrale della soddisfazione nei confronti dell’operato dei sindaci.
In molte città d'Italia la notizia viene rilanciata con il sorriso beffardo dei Social Network, in molti casi un 'copia e incolla' mefistofelico di chi cerca la polemica ed è certo che la classifica susciterà le stesse reazioni che potrebbe avere il Campionato di Serie A rivisto e corretto considerando le sviste arbitrali. 

Ma chi ha votato, qual è la metodologia? Si tratta di un sondaggio telefonico su un campione di 500 residenti maggiorenni per ciascun Comune, effettuato tra marzo e giugno 2017. 
Cosa è Index Research? Index Research "realizza indagini ad hoc, studi di mercato e multiclient su temi diversi, attraverso l’utilizzo di metodologie e tecniche di ricerca sia qualitative che quantitative a livello integrato".

Il miglior sindaco d’Italia risulta essere Dario Nardella, ex vicesindaco e deputato del Partito Democratico con una carriera spianata nei talk show ma soprattutto esperto di diritto, che avrebbe sicuramente contribuito alla realizzazione ed alla discussione di numerose proposte di Legge oltre a poter dare man forte durante i momenti di criticità del Governo.
Richiamato nel capoluogo toscano per sostituire Matteo Renzi in continuità con quanto messo in opera dall'ex Premier ha accettato il peso del ruolo non certo facile in una città abituata a criticare ed a dividersi e schierarsi su sponde diverse dell'Arno.
 
Una continuità che non ha significato vivere nell'ozio visto che Nardella si è trovato tra le mani numerosi problemi irrisolti ed i cantieri di una Tramvia con due Linee da mettere in opera contemporaneamente.
Tra le problematiche irrisolte il nodo TAV, l'ampliamento dell'Aeroporto, il Termovalorizzatore, un Nuovo Stadio, il recupero di immobili pubblici abbandonati in pieno centro storico, la gestione e lo studio dei flussi di un trasporto pubblico divenuto privato e di una mobilità alternativa orfana della mobilità elementare condivisa. Per non parlare del turismo moderno e della sfida di una nuova cultura trasformata in volano economico.

Il monitoraggio di Index Research lo mette in testa ai 38 sindaci italiani più apprezzati con un 62% che su 500 intervistati equivale a 310 voti positivi.

Al secondo posto l’imprenditore e dirigente sportivo Luigi Brugnaro sindaco di Venezia eletto con il centrodestra con il 61,5% dell’apprezzamento. Troviamo poi Federico Borgna, per la seconda volta sindaco di Cuneo ed ancora il primo cittadino di Pesaro, staccato Giorgio Gori, sindaco di Bergamo a capo di una coalizione di centro sinistra.

In disprezzo della parità dei sessi il report divide tra sindaco e sindaca segnalando che le donne le troviamo al quattordicesimo posto, Silvia Marchionini di Verbania, ed al ventunesimo, Chiara Appendino di Torino.

Meritevole di segnalazione, per chi ha confezionato il sondaggio, la posizione di Federico Pizzarotti rieletto a giugno sindaco di Parma che raggiunge il 56,3% di apprezzamento.

Giuseppe Sala sindaco di Milano e Virginia Raggi sindaco di Roma, al 49° posto con il 54,3% e all’88° posto con il 44,4% sono fuori classifica perché Indexcittà rappresenta i sindaci che superano il 55% di soddisfazione.

Redazione Nove da Firenze