Nardella incontra gli artigiani per lo sviluppo economico della città

Spazio espositivo permanente, periferie valorizzate, lotta al degrado, bandi pubblici a misura “di piccola impresa”, merchandising “d’autore”


Si è svolto  a Firenze, al Vecchio Conventino, l’incontro tra gli artigiani fiorentini di Confartigianato Imprese Firenze e CNA Firenze Metropolitana, il Sindaco della città, Dario Nardella e l’assessore allo sviluppo economico, Cecilia Del Re.  Nardella e Del Re avrebbero accolto molte "proposte degli imprenditori" che si dicono soddisfatti dall’esito dell’incontro e "dai progetti di Palazzo Vecchio".

Presenti per Confartigianato il presidente, Alessandro Vittorio Sorani, e il segretario generale, Jacopo Ferretti, per CNA Firenze Metropolitana il direttore generale, Franco Vichi, e il vicepresidente vicario Vivilla Zampini.

La proposta di individuare uno spazio permanente nel cuore di Firenze in cui le imprese artigiane, a rotazione, possano esporre e vendere i loro prodotti è stata positivamente accolta da Nardella e Del Re che si sono impegnati ad individuare una location centrale.

Forte la richiesta di valorizzazione delle aree periferiche della città che "potrebbero ospitare l’insediamento di settori particolari dell’artigianato, con lo sviluppo di veri e propri poli come quello della meccanica"

Istanze sono state sollevate dal comparto dell’edilizia, che più di altri ha subito i contraccolpi della crisi economica. Il sindaco ha allertato il comparto a "tenersi ben pronto per partecipare alle gare dei lavori pubblici che dovrebbero aprirsi a strettissimo giro", auspicando che "proprio le imprese locali e toscane possano aggiudicarsi gli appalti con positive ripercussioni economiche sul territorio".

Positivamente accolta dagli artigiani la proposta dei vertici di Palazzo Vecchio di creare del “merchandising artigiano di alta qualità”, legato alla città, da porre in vendita, in collaborazione con i commercianti, sulle bancarelle degli ambulanti, sostituendo così la "attuale miriade di prodotti scadenti che nulla hanno a che vedere con la città e con le sue tradizioni". 

“Siamo felici che il sindaco abbia voluto iniziare i suoi incontri con le parti economiche della città proprio con l’artigianato, il settore che è nel patrimonio genetico della città e proprio da questo luogo, l’ex Conventino, che è stato recentemente rivitalizzato dalla gestione congiunta di Palazzo Vecchio e Artex. Così come siamo soddisfatti dal lavoro fino ad oggi svolto da Palazzo Vecchio, dall’esito della riunione e ancor più dalla volontà di sindaco e assessore di proseguire per questa via, con incontri più piccoli, per settori, veri e propri focus tematici in cui gli imprenditori possano immediatamente e semplicemente dire la loro, evidenziando pro e contro direttamente ai vertici della città. Un modo per porre, tutti insieme, Firenze al centro” hanno commentato Sorani e Zampini. 

Redazione Nove da Firenze