Rubrica — Spettacolo

Musica: agosto in compagnia di Beethoven, Chopin e Brahms

Domenica 20 agosto a Pieve a Elici per il Festival di musica da camera della Versilia. A San Gimignano concerto per piano-solo tra le torri. Al via la VII edizione del Livorno Music Festival. Un concerto dedicato al Mozart al Festival della Francigena.


Appuntamento con Paesaggi Musicali Toscani, la rassegna di musica classica organizzata da Comune di San Quirico d'Orcia in collaborazione con l'associazione culturale "Musica Insieme" e in programma a San Quirico d’Orcia fino al 26 agosto. Sabato 19 agosto (ore 21.15) nel Giardino Nilde Iotti è in programma il concerto dell’Orchestra da Camera Milano Classica diretta dal grande clavicembalista francese Pierre Hantai. L'Orchestra da Camera Milano Classica nasce nel 1993 raccogliendo l'eredità di una gloriosa istituzione milanese, l'Angelicum. Da allora la stagione di concerti diventa un punto di riferimento fisso per il pubblico milanese, interessato ad ascoltare il grande repertorio ma anche curioso di scoprire nascoste e preziose rarità musicali. Dedita a un repertorio eclettico, grazie alla versatilità dei musicisti che ne fanno parte, Milano Classica estende oggi il suo campo di interesse riuscendo a proporre in modo persuasivo anche i capolavori del Barocco e focalizzandosi su quello che sempre più sta diventando il suo repertorio di elezione, il Classicismo, uno stile al quale si accosta sulla scorta di criteri interpretativi filologicamente informati. Nell’appuntamento di San Quirico d’Orcia opere di Georg Philip Telemann; Carl Philipp Emanuel Bach e di Wolfang Amadeus Mozart. Eleonora Matsuno, Benedicta Manfredi, Lathika Vithanage, Cosetta Ponte, Steven Slade sono i primi violini; Alessandro Vescovi, Gemma Longoni, Silvana Pomarico, Stefania Trovesi i secondi violini; Gianni De Rosa, Francesca Turcato, Claudia Brancaccio alle viole; Marcello Scandelli, Maria Calvo ai violoncelli; Davide Nava al contrabbasso; Yu Yashima al clavicembalo; Omar Cecchi al timpano.

Si aprirà con le note della struggente Sonata “Al chiaro di luna” di Ludwig van Beethoven il concerto di domenica 20 agosto, a Pieve a Elici. A eseguirla la pianista Jin Ju che dopo qualche anno di assenza torna a esibirsi al Festival di musica da camera del Versilia, ospite dell'Associazione Musicale Lucchese e del Comune di Massarosa. Di Beethoven Jin Ju eseguirà anche la Sonata in la maggiore op. 101, composizione che inaugura l'ultimo, sublime periodo del pianismo beethoveniano. Dopo l’intervallo sarà la volta della musica di Franz Schubert con la Sonata in do minore D 958. Drammatica e non priva di suggestioni mozartiane e beethoveniane, la Sonata è una delle ultime tre composte da Schubert e rappresenta un emozionante compendio del suo ricchissimo e originale mondo poetico. Quello di Jin Ju è un graditissimo ritorno a Pieve a Elici dove si è esibita con grande successo nel 2011 e nel 2015. Premiata in prestigiosi concorsi internazionali quali il Cajkovskij di Mosca e il Queen Elizabeth di Bruxelles, Jin Ju ha suonato nelle più importanti sale da concerto in Europa, America, Asia e Oceania. Memorabile la sua esibizione nella Sala Nervi di Città del Vaticano nel 2011, davanti a 5000 persone durante la quale ha suonato sette pianoforti d’epoca (dagli inizi del sec. XIX ai nostri giorni) in onore di Papa Benedetto XVI. Jin Ju collabora stabilmente con varie istituzioni musicali e tiene regolarmente lezioni e masterclass in Europa, Cina e Stati Uniti. Il concerto inizia alle 21:15. La biglietteria apre alle 20:15. Biglietto intero 12 euro, ridotto 10 euro.

Domenica 20 agosto spazio a “PianoSolo tra le torri di San Gimignano”, recital di pianoforte del maestro Ivan Morelli (ore 21 – Chiesa di Sant’Agostino. Ingresso intero 15 euro, ridotto 12 euro). In programma l’appassionante sonata "Tempesta" di Beethoven e celebri pagine di Frederic Chopin come lo struggente notturno in Do# minore (colonna sonora del film Il Pianista), la prima polacca Op 26, composta a soli 18 anni, il notturno in Fa minore Op 55 n.1 e il drammatico Scherzo Op 31, pagina di alto virtuosismo tecnico e interpretativo. Nel recital anche le famose Rapsodie Op. 79 di Johannes Brahms. “San Gimignano Musica”, il progetto ideato dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Il Pentagramma per regalare a cittadini e turisti un’estate tra opera, barocco, recital pianistici, musica da camera e alcuni eventi speciali negli scenari più suggestivi della città delle torri, si inserisce nel variegato cartellone di eventi estivi “Accade d’Estate”. Per informazioni: ufficio turistico di San Gimignano, in Piazza Duomo, Tel 0577 940008 email info@sangimignano.com.

Prosegue la rassegna di musica classica Paesaggi Musicali Toscani, organizzata da Comune di San Quirico d'Orcia in collaborazione con l'associazione culturale "Musica Insieme" e in programma a San Quirico d’Orcia fino al 26 agosto. Domenica 20 agosto (ore 18) in Piazza Chigi, con il concerto di Brian Kwan Yeung Choi al violino, vincitore dell’Hudson Valley Philarmonic String Competition, e Bruno Canino al pianoforte. Il repertorio proposto prevede musiche di Sergej Prokofiev, Johannes Brahms, Ludwig Van Betethoven. Lunedì 21 agosto (ore 19) appuntamento a Vignoni, con la cena e concerto alla Pieve di San Biagio. Protagonista sarà l’Accademia Ottoboni, con Manuel Granatiero, traversiere; Amandine Beyer, violino barocco; Teresa Ceccato, viola barocca, Marco Ceccato, violoncello barocco. Nel repertorio i Quartetti per flauto di Mozart.

Domenica 20 agosto Radicofani ospita una “tappa” del Festival internazionale della Via Francigena. Si parte al mattino (ore 8,30) con una passeggiata attraverso antichi sentieri. In fortezza è previsto il pranzo (ore 13) su prenotazione. In serata (ore 21,30), nella scuderia della Posta Medicea, il concerto dei Mozart di Bassetto. In contemporanea, nella frazione di Contignano è in programma un altro appuntamento musicale: “Quintenno in sei” della Leggera electric folk band. Da non perdere, in particolare il concerto alla Posta, sia per la suggestione del luogo che per i contenuti che offre. Il riferimento e ai temi di carattere massonico (fratellanza universale, altruismo) cui Mozart si rifece nei celebri divertimenti per tre corni di bassetto, uno strumento appartenente alla famiglia del clarinetto e che il compositore amò e seppe valorizzare. Il corno di bassetto e il clarinetto rappresentano strumenti musicali tipicamente massonici per varie ragioni. Nei divertimenti, l’uso di certe armonie e figurazioni ritmiche particolari suggerisce un intento di carattere massonico. In questo concerto, verranno eseguiti i Divertimenti numero 3 e 4 K439b, l’Ouverture e diverse arie dal Flauto Magico K620 (considerata la rappresentazione metaforica di un vero e proprio percorso iniziatico massonico) per tre clarinetti, l’Adagio canonico K484d e alcune arie da Le Nozze di Figaro K492 che, a suo modo, ha a che fare con gli ideali altruistici massonici. Sarà l’occasione per illustrare le caratteristiche dei corni di bassetto e dei clarinetti di epoca mozartiana con riferimento ai loro caratteri massonici e al successivo sviluppo della famiglia dei clarinetti. Verranno utilizzate copie di clarinetti e corni di bassetto dell’epoca di Mozart realizzate da artigiani specializzati sulla base di accurate misurazioni di esemplari originali conservati in diversi musei europei. Lo spettacolo verrà arricchito dalla lettura di alcune lettere di Mozart. Il programma della giornata è parte integrante del festival “I Giorni di Ghino”, che prevede nuovi appuntamenti a partire da venerdì 25 agosto.

La VII^ edizione del Livorno Music Festival è in programma dal 22 agosto al 6 settembre. Quattordici concerti ed eventi del cartellone in tutta la città a prezzi popolari e quattro concerti pomeridiani ad ingresso gratuito al Palazzo Gherardesca dal 22 agosto al 6 settembre: 16 giorni densi di programmi con molte novità, a partire dalle location come il Teatrino di Villa Mimbelli e il Mercato Centrale. Un nuovo partner del Festival, la Scorpio Pubblicità, s’inserisce nella rete delle sinergie con l’accordo di compartecipazione, contributo fondamentale per una capillare e forte diffusione della manifestazione. Grande novità l’evento “Pierino e il lupo e altre favole in Jazz” pensato per i bambini, ma anche adatto al pubblico adulto. La favola in musica più famosa della storia con la narrazione del testo originale in versione per attore e sette strumentisti Jazz. Completano il programma gli arrangiamenti jazzistici delle più famose colonne sonore dei classici Walt Disney. L’iniziativa è stata realizzata in compartecipazione con il Comune di Livorno e Scorpio Pubblicità, con il contributo di Fondazione Livorno e Regione Toscana. Molte le collaborazioni: Fondazione Piaggio, Istituto Superiore di Studi Musicali “P. Mascagni”, Fondazione Scuola di Musica di Fiesole, Fondazione Teatro Goldoni, Sillabe Editore, ContempoArtEnsemble, ed ilpatrocinio di Provincia di Livorno, Fondazione Arte e Cultura, Autorità Portuale e Diocesi di Livorno. Sponsor: Gianni Cuccuini, Terrapura, Rotary Club Livorno e Oriente di Livorno. Sponsor Tecnico: Hotel Gran Duca di Livorno, MGallery Grand Hotel Palazzo e Menicagli Pianoforti. Da quest’anno sarà possibile usufruire di pacchetti concerto con l’offerta della visita al museo al Museo di Storia Naturale e alla Fondazione Piaggio, che offrirà gratuitamente l’ingresso alla Mostra “Il grande gioco dell’industria 50+!” oggetti che hanno fatto la storia dell’impresa italiana; oltre a pacchetti con aperitivo in Terrazza al Grand Hotel Palazzo e in Fortezza Vecchia. È consigliata la prenotazione telefonando al 339 3422139 oppure all’indirizzo promozionelivornomusicfestival@gmail.com.

Dal 31 agosto al 3 settembre 2017, il Giardino di Palazzo Corsini al Prato ospita la prima edizione italiana di The New Generation Festival. Unfine settimana per vivere la magia senza tempo tipica dell’opera con suggestive esibizioni dal vivo, affascinanti esecuzioni orchestrali, il tutto incorniciato da un’atmosfera romantica da dolce vita, cibo e vino di qualità, in uno dei giardini storici all’italiana tra i più belli di Firenze. The New Generation Festival nasce con l’obiettivo di dare l’opportunità a giovani talenti musicali, provenienti da ogni parte del mondo, di farsi notare ed apprezzare in un meraviglioso scenario italiano, pensato per attrarre tutti gli amanti della musica in genere ma anche introdurre nuove generazioni di pubblico all’universo della musica classica. Biglietti, dunque, ridotti per gli under-30 per ascoltare una varietà di artisti, bande jazz, orchestre sinfoniche e cantanti lirici proprio nell’ottica di diminuire le distanze fra i diversi generi musicali. Il festival, diretto da Roger Granville, è stato fondato in collaborazione con il brillante direttore d’orchestra Maximilian Fane e con i produttori internazionali Granville & Parham. Il team coinvolto nell’organizzazione ha riunito star della musica e talenti emergenti. Uno dei più virtuosi violinisti del momento, Charlie Siem, è stato nominato direttore artistico e si esibirà per tutto il weekend, mentre il soprano di origine armena, Anush Hovhannisyan, avrà un ruolo fondamentale nell’esibizione operistica affiancando il giovane tenore sudafricano Khanyiso Gwenxane in una nuova produzione dell’elisir d’amore di Gaetano Donizetti. Michael Howells, acclamato designer, noto per aver lavorato nel mondo del cinema (ricordiamo Miss Julie con Mike Figgis, Un marito ideale e Emma con Gwyneth Paltrow, Nanny McPhee con Emma Thompson) e della moda (ha progettato set per Christian Dior, ha lavorato con Galliano, Lacroix, Alexander McQueen), realizzerà i costumi e la scenografia. Sarà proprio l’opera comica in due atti di Gaetano Donizetti, L’elisir d’amore, a inaugurare la manifestazione con una serata di gala, giovedì 31 agosto, alle ore 19.30, con replica sabato 2 settembre (ore 19,30). Il programma di venerdì 1 settembre, sempre con inizio alle 19.30, sarà invece interamente dedicato a esibizioni orchestrali, con grandi classici come l’Overture de Il Barbiere di Siviglia di Gioacchino Rossini, il Concerto No.1 in sol minore Op.26 per Violino di Max Bruch, eseguito da Charlie Siem, e un’interpretazione mozzafiato della Sinfonia no.5 in do minore di Ludwig van Beethoven, diretta da Maximilian Fame ed eseguita dall’Orchestra del New Generation Festival. Gli ospiti del festival potranno esplorare e rilassarsi nel magnifico Giardino Corsini e per loro saranno a disposizione lussuosi cestini da picnic (a pagamento) con specialità culinarie fiorentine e l’esclusiva bottiglia di vino ‘Elisir d’amore’ del Principe Corsini, insieme a Champagne, bevande e spuntini al Bar La Limonaia. Per chi poi volesse proseguire in questa immersione musicale, ci saranno eventi esclusivi, performance e feste segrete, che culmineranno in un concerto di mezzanotte che si terrà in un luogo segreto.

Redazione Nove da Firenze