Morti a Piombino, Cassazione accoglie il ricorso della Procura

Parla Cesarina Barghini difensore di Fausta Bonino

La Procura di Livorno aveva fatto ricorso contro la scarcerazione


La vicenda dell'Ospedale di Piombino e delle 'morti sospette' nel reparto di anestesia e rianimazione ha suscitato clamore in tutta Italia e l'infermiera accusata dagli inquirenti livornesi si è difesa ed è stata ospite di alcune trasmissioni televisive sulle reti nazionali.
Il caso ha creato tensioni anche in Palazzo Panciatichi a Firenze dove il Consiglio regionale toscano ha avuto modo di dibattere sull'ipotesi del trasferimento dell'infermiera.

La Cassazione accoglie oggi il ricorso della Procura di Livorno contro la revoca delle misure cautelari a carico della donna accusata di aver provocato la morte di 14 pazienti.

Il Tribunale del Riesame di Firenze dovrà adesso pronunciarsi nuovamente sugli elementi raccolti contro ed a favore dell’infermiera dell’Ospedale di Piombino arrestata a marzo scorso e scarcerata con ordinanza del Tribunale di Firenze il 15 aprile dopo 21 giorni di carcere.

Redazione Nove da Firenze