​Migranti: a Pietrasanta consiglio urgente sulle tendopoli

Un cittadino straniero su quattro residente (25%) usufruisce contributi, buoni pasto, casa o altri servizi sociali.


“Caro Ministro… l’emergenza immigrazione non può essere scaricata sui comuni e sulle comunità locali. La gestione dell’accoglienza è approssimativa dopo aver anticipato e denunciato il tentativo della Prefettura di Lucca di "allestire con un’azione d’imperio una tendopoli a due passi dal centro storico" senza interpellare l’amministrazione comunale, Massimo Mallegni, Sindaco di Pietrasanta, ha preso carta e penna e ha scritto una lettera al Ministro degli Interni, Angelino Alfano e per conoscenza al Premier, Matteo Renzi.

Mallegni aveva informato la sua comunità attraverso un video social sull’intenzione della Prefettura di Lucca di installare un centro di accoglienza per ospitare fino a 75 migranti nel parcheggio del Terminal Bus. Insieme alla lettera il primo cittadino ha allegato le statistiche comunali che raccontano in maniera oggettiva le difficoltà degli Enti Locali, come Pietrasanta, di sostituirsi al Governo nella delicata gestione dell’emergenza immigrati alla luce anche dei tagli, sempre più pesanti, inflitti ogni anno da Roma che costringono i comuni a riorganizzare i servizi nel tentativo di non penalizzare i cittadini residenti italiani e stranieri.

“Nel Comune di Pietrasanta – spiega Mallegni - su 1.344 cittadini stranieri residenti, 349, circa il 25%, pari ad 1 su 4, usufruiscono di contributi, agevolazioni, sostegni ed altre forme di aiuto dimostrando, di fatto, di dipendere dalla comunità. Su 286 case popolari, 40 sono state assegnate a stranieri mentre su 115 famiglie in attesa di un alloggio sono 33 quelle straniere, il 33%, 1 su 3. Non riusciamo a dare risposte a chi già vive qui, nella nostra città, non capisco come il Governo pensi di poter garantire un’accoglienza dignitosa ed adeguata agli immigrati visto che non riesce ad assicurarla a chi già abita sul nostro territorio. La comunità italiana e straniera che già risiede nel nostro comune necessità di aiuti. Ogni anno aiutiamo 1.625 persone. E’ difficile spiegare a tutti questi concittadini che chi arriva dopo di loro ottiene diritti, spazi abitativi e servizi quando in molti sono ancora in attesa”.

Nella lettera Mallegni ha chiesto un intervento del Ministro: “la Prefettura continua a fare incontri per organizzare un insediamento nel comune di Pietrasanta senza convocare il Sindaco. Il Sindaco deve essere ascoltato e deve poter esprimere la sua posizione”. Per discutere sull’emergenza immigranti è stato convocato un consiglio comunale d’urgenza in programma giovedì 22 settembre, alle ore 9.00.
All’ordine del giorno l’allestimento del campo di accoglienza. “Marceremo nella direzione istituzionale. – conclude Mallegni – Il consiglio comunale si esprimerà e fisserà degli obiettivi precisi su questo tema”.

Redazione Nove da Firenze