Meteo: i danni a Firenze e sul territorio

Allagamenti a Livorno. Prima della pioggia, incendi a Sesto Fiorentino e Montescudaio. Ed emergenza idrica


Si sono verificate precipitazioni localmente anche di forte intensità (valore cumulato massimo nell'ultima ora 35.4 mm/h a Poggio Aglione, Gambassi Terme, 31 mm/h a Mangona, nel comune di Barberino di Mugello), ed una intensa attività di fulminazione (oltre 4.000 fulmini caduti in Toscana dalle 12 alle 14).

"Abbiamo ricevuto - spiega Angelo Bassi, consigliere delegato della Protezione civile della Città Metropolitana - segnalazioni diffuse di alberi e rami caduti sulla viabilità. SI raccomanda perciò massima prudenza alla guida. Nelle prossime ore saranno possibili altri eventi temporaleschi su tutto il territorio metropolitano che potranno essere associati a violenti colpi di vento e grandinate".

Rinviato a data da destinarsi, a causa del maltempo, il concerto ‘La Piazza Incantata’ in programma stasera in Piazza Santa Croce, organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze per i 25 anni della sua attività. E’ rinviato a data da destinarsi anche lo spettacolo di Beppe Grillo in programma al Teatro Romano di Fiesole nell’ambito dell’Estate Fiesolana 2017. Al Parterre di Firenze, a causa delle perturbazioni meteorologiche, la “Cena in Libertà” è stata posticipata a giovedì 29 giugno.

Per giovedì 29 giugno, a causa di residui rovesci e locali temporali, è stato pubblicato un avviso di vigilanza con codice giallo per rischio idrogeologico-idraulico e piogge valido fino alle ore 14 e per vento forte di libeccio valido fino alle ore 23:59.

Prima della pioggia incendio nel comune di Montescudaio (PI). Gli elicotteri non sono potuti interventire a causa del vento. Proprio per questo la sala operativa Anti incendi boschivi ha richiesto l'intervento di un Canadair al Centro operativo aereo unificato (COAU) della Protezione civile nazionale. Fin dall'inizio interventi da terra di Vigili del Fuoco, enti competenti e volontariato, anche da fuori provincia.

Piccolo incendio boschivo intorno alle 12.30 a Sesto Fiorentino all'interno della ex cava di via Palastreto. Per cause da accertare ha preso fuoco una baracca e sterpaglie e bosco limitrofi per poco meno di 100 metri quadri. Sul posto una squadra di la Racchetta onlus sez. Sesto e una squadra dei vigili del fuoco che hanno avuto ragione delle fiamme in tempi brevi. Si tratta del secondo episodio in zona dopo che sabato mattina un altra baracca e altrettanti metri quadri erano bruciati più o meno alla stessa ora, circa 400 metri più in alto. Per fortuna umidità, assenza di vento e tempestivo intervento hanno scongiurato danni maggiori.

Poi è arrivata la pioggia. Ma è ancora la crisi idrica a preoccupare la Toscana e occorre limitare il consumo dell'acqua potabile ai soli scopi alimentari e igienici. A dirlo e a sancirlo sono la Regione, Publiacqua e l'Autorità Idrica Toscana. Per queste ragioni, il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei ha firmato l'ordinanza che vieta l'uso dell'acqua potabile per attività quali, ad esempio, il lavaggio dell'automobile, l'innaffiatura di parchi, orti e giardini, il riempimento di piscine.

Come i sindaci del Chianti Paolo Sottani, Giacomo Trentanovi, Massimiliano Pescini e David Baroncelli che hanno emanato un divieto ai cittadini nell’ordinanza emessa per la limitazione dei consumi di acqua potabile. Considerate le temperature elevate delle ultime settimane e il rischio di problemi di approvvigionamenti per alcuni sistemi acquedottistici locali, è stato disposto a livello di area il provvedimento che proibisce l’utilizzo dell’acqua potabile per lavaggio di cortili e piazzali, lavaggio domestico di veicoli a motore, innaffiamento di giardini, prati ed orti, riempimento di vasche da giardino, fontane ornamentali, anche se dotate di impianto di ricircolo dell’acqua.

Redazione Nove da Firenze