Mercato senza pace: incredibile il caso Cure

I cantieri dovevano partire nell'estate 2017, ambulanti increduli


 La sistemazione alternativa del mercato delle Cure è diventata una barzelletta tra le cassette della frutta e la trippa condita. Viale dei Mille. No. Viale Fanti. No. Il Parterre. Dipende. Davanti, mah. Dentro, però.. Dietro, boh. Viale Paoli, Forse.
All'indomani dell'ultimo incontro tra Palazzo Vecchio e gli ambulanti spunta l'ipotesi del parcheggio di viale Paoli davanti alla piscina Costoli ed al Nelson Mandela Forum. 

Bisogna trasferire tutto entro la fine del mese perché i lavori propedeutici ai sottoservizi devono partire.
L'ipotesi Parterre sarebbe sfumata a causa dell'arena da pavimentare perché sull'erba sarebbe stato difficile allestire 12 mesi di mercato giornaliero. Ma non ci aveva pensato nessuno? Fanno spallucce gli ambulanti ancora increduli su quanto sta accadendo.

Solo poche ore prima nell'ultimo Consiglio comunale l'assessore alla Mobilità affermava “È ufficiale, il mercato di Piazza delle Cure verrà spostato al Parterre". Con una ingente spesa economica, considerata però un investimento.
 "Possibile che le cose si debbano scoprire casualmente dalle interrogazioni?" ha domandato Arianna Xekalos del Movimento 5 Stelle che ha preteso di visionare il piano delle aree mercatali promesso dalla Giunta entro l'estate.

Stucchevole dover rincorrere sempre la polemica altrui, specie su questioni importanti e ormai consolidate che hanno conosciuto un percorso partecipativo. Lo spostamento del mercato delle Cure nell'area esterna del Parterre, con l'accordo e con grande soddisfazione sia dei cittadini, sia degli operatori mercatali, è un'iniziativa promossa e partita dal Quartiere 2, provvisoria e utile, evidentemente, alla ristrutturazione di piazza delle Cure” ha replicato stizzito il Presidente del Quartiere 2 Michele Pierguidi.

Adesso le preoccupazioni sono altre. Si tratterebbe di restare 12 mesi in viale Paoli oppure fare 3 mesi, in attesa che il Parterre sia pavimentato? 
Tra gli addetti ai lavori serpeggia la convinzione che la prima soluzione utile possa essere poi quella definitiva. "Che senso avrebbe pavimentare il Parterre per meno di un anno di mercato? E poi, una volta sistemati in viale Paoli, ci spostiamo ancora?" dicono gli interessati.

Non è tutto. Perché la domanda della massaia a questo punto è: ma non sarete troppo vicini al mercato di piazza Alberti e del viale Malta? "Sì. Esiste una distanza minima, e temiamo che qualcuno degli ambulanti degli altri mercati possa fare ricorso..". Pure.

Il rifacimento di piazza delle Cure era atteso da tempo, non solo dagli operatori del mercato rionale ma anche dai residenti.
Si tratta di un mercato tradizionale, ma anche di una delle location più frequentate in periodo elettorale, difficile scappare alle promesse.
La notizia di una nuova copertura, di un parcheggio da 55 posti, nuovi servizi igienici e di una riorganizzazione urbanistica dell'area è stata accolta con grande entusiasmo. E poi? Poi il sistema è andato in tilt.

A marzo 2017 le indicazioni dell'Amministrazione erano "Aspettiamo solo il progetto esecutivo per la pensilina. Nell'estate 2017 è previsto l’inizio dei lavori che si concluderanno, orientativamente, entro 12 mesi. I lavori saranno divisi in 9 fasi d’attuazione. Nelle prime tre fasi, quando si provvederà alla demolizione delle infrastrutture dell’attuale area mercatale si creerà molta polvere e quindi, anche per ragioni sanitarie, il mercato verrà spostato al Campo di Marte nei pressi dello stadio Artemio Franchi".

Redazione Nove da Firenze