Media Valle del Serchio: arriva la cabina che esclude il guasto

Isolando il tratto di cavo danneggiato restituisce elettricità a tutti gli utenti a monte della cabina


 Nell’ambito del “Progetto Resilienza” di e-distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete di distribuzione elettrica e che con questo percorso intende dotare molte aree della Toscana di un sistema elettrico sempre più resistente, automatizzato ed efficiente, la “Zona Lucca Massa” della società elettrica ha concluso i lavori per la realizzazione di una nuova cabina, denominata “Tre Metati”, situata tra le località Montefegatesi e Tereglio nei territori comunali di Bagni di Lucca e di Coreglia Antelminelli.

Il nuovo impianto, "realizzato con le migliori tecnologie e con perfetto inserimento ambientale", si trova lungo la linea di media tensione “Due Strade” ed è dotato di innovazioni tecnologiche che garantiranno "un servizio elettrico eccellente" per Bagni di Lucca, Coreglia e per tutta la Media Valle del Serchio.

Nella cabina saranno attivate le celle DY800, l’ultima generazione degli innovativi interruttori che sono in grado di svolgere la stessa e fondamentale funzione delle sottostazioni primarie, ovvero di sezionare immediatamente la linea in caso di guasto, isolando il tratto di cavo danneggiato, e di restituire elettricità a tutti gli utenti a monte della cabina elettrica interessata dal disservizio. Questo significa che la cabina diventerà uno snodo fondamentale del territorio, in grado di ottimizzare il flusso dell’energia nelle situazioni ordinarie e di intervenire con sezionamenti di linea in caso di disservizio.

L’intervento rientra nel piano di potenziamento del sistema elettrico della Media Valle e della Garfagnana che nel 2017 e 2018, grazie al Progetto Resilienza, vede e-distribuzione investire circa 700mila euro per il restyling di linee e impianti elettrici: tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, i tecnici di e-distribuzione effettueranno interventi sulla rete di media tensione, con la ricostruzione completa di molti chilometri di linee lungo la direttrice elettrica “Due Strade”.

Redazione Nove da Firenze