Mc Donald's al Duomo: i fiorentini come la pensano?

Il rifiuto di Palazzo Vecchio era già arrivato ad inizio estate, adesso l'azienda ha presentato ricorso al TAR


Secondo la Multinazionale il primo cittadino di Firenze starebbe portando avanti una personale interpretazione del Regolamento non tenendo conto della libera concorrenza, ma Dario Nardella non intende mollare, anche davanti ad una richiesta danni milionaria.
Ma i cittadini sono con il loro sindaco?

Quel percorso collaborativo che secondo i vertici della Mc Donald's Italia sarebbe stato portato avanti con avvicinamento graduale tra le parti sembrerebbe essere saltato a sorpresa davanti ad una offerta commerciale con, per Nardella, non ha modo di integrarsi nel contesto.

Nei locali oggi occupati da un noto marchio di abbigliamento ed accessori per il mondo dello Sport sarebbero dovuti arrivare i famosi panini della catena americana che, nel corso degli anni, ha saputo adattarsi al territorio ospitante proponendo Menù a base di prodotti quali la carne di razza Chianina.
In questi mesi non sono mancati dibattiti sul tema dove è stata presa in considerazione anche la possibilità che un Mc Take Away possa essere consumato sulle panchine che fiancheggiano la Cattedrale di Firenze.
Nulla vieta oggi, o vieterebbe infatti a fiorentini, passanti o turisti di acquistare il cibo da asporto e mangiare hamburger con vista Battistero.

I fiorentini a giugno, quando il caso è esploso, si sono guardati attorno ed all'ombra di Santa Maria del Fiore avrebbero scorto numerose attività che non rispetterebbero le rigide regole imposte da Palazzo Vecchio.
In alcune zone, in cui ribolle l'anima dei residenti duri e puri, sono state segnalate attività di Mini Market ad esempio che, pur mantenendosi in area Unesco, sarebbero esempio di una tipicità già perduta.
Non è mancato chi ha ironizzato sulla presenza del Fast Food Made in Usa in maniera massiccia nell'area della Stazione di Santa Maria Novella sempre area Unesco, sempre Quartiere 1. Un altro Mc Donald's è già presente da anni vicino al Duomo, in via Cavour, a pochi passi dalla sede del Consiglio Regionale, della sede di Uncem Toscana e di numerosi altri uffici pubblici come la ex Provincia di Firenze oggi Città Metropolitana.

Al Duomo no, al Duomo sarebbe diverso. Firenze, stavolta, si è fatta una opinione univoca?

Redazione Nove da Firenze