Manifestazioni per il XXIV Anniversario della Strage di Via dei Georgofili

'Festival della Legalità' a Firenze. Ad alta voce contro la mafia, letture corali in biblioteca per ricordare la strage di Capaci


Molte iniziative sono previste per il XXIV anniversario della Strage di Via dei Georgofili, il 26-27 maggio 2017.

Ricostruire la matassa di un vivere pulito, non disperdere le testimonianze, grazie al 'Festival della legalità'. Venerdì 26 e sabato 27 maggio prossimi nel Caffè Letterario dell'ex carcere delle Murate due giornate saranno interamente dedicate al tema della legalità, grazie all'iniziativa de 'Il gomitolo perduto', associazione guidata da Mimma Dardano. Grazie a confronti, presentazioni di libri e concerti a ingresso libero tutti siamo invitati a riflettere su cosa significhi oggi la parola 'legalità': è in gioco la credibilità di ciascuno verso se stesso e verso gli altri; si tratta se essere spettatori di fronte alla costruzione della città legale o avere attenzione in ogni comportamento per fare un salto corale" . Venerdì 26, alle 18.30, incontro con un Procuratore antimafia del Sud Italia impegnato nella lotta alla criminalità organizzata accompagnato da musiche del gruppo fiorentino Revolution 0; alle 21.30 Live music show con le 'Donne Rock Antimafia'. Sabato 27 maggio, alle 19, incontro su 'Ecocriminalità oggi. Tra prevenzione e nuove proposte', Duccio Bianchi (Asm Pavia), Antonio Pergolizzi (Legambiente) e Andrea Bigalli (Libera Toscana). Alle 21.30 "concerto riciclato" con Miatralvia. Legalità non è solo rispondere a un insieme di norme, ma adottare uno stile di vita, combattere quotidianamente contro individui e poteri arroganti che minano la libertà e inquinano la società di cui siamo parte. Una festa aperta a tutti dunque, con ospiti di rilievo, libri su cui si costruisce il futuro e tanta tanta musica, "per coltivare insieme i piccoli gesti che creano la giustizia - spiegano Mimma Dardano - per essere informati sulle minacce che la criminalità lancia alla dignità di ciascuno e per conoscere gli strumenti che possono garantire e rendere viva ogni giorno la nostra democrazia".

Il 23 maggio 2017 ricorre il 25/o anniversario della strage di Capaci, attentato di Cosa Nostra in Sicilia, nei pressi dello svincolo autostradale di Capaci a pochi chilometri da Palermo. Nella strage persero la vita il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Gli unici sopravvissuti furono gli agenti Paolo Capuzza, Angelo Corbo, Gaspare Cervello e l’autista giudiziario Giuseppe Costanza. Le biblioteche comunali fiorentine commemorano questo anniversario organizzando una lettura corale ad alta voce di testi scelti dai bibliotecari che hanno come tema la mafia e la legalità. Le letture si svolgeranno in tutte le biblioteche martedì 23 maggio dalle ore 17.56, ora dello scoppio della bomba. L'iniziativa è organizzata nell'ambito della campagna nazionale Maggio dei Libri nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile. Maggio dei Libri è un’iniziativa del Centro per il libro e la lettura e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

Redazione Nove da Firenze