Maltempo: prolungato il codice giallo fino a domani

Avviato intanto un programma di intervento straordinario di ripristino delle strade. A Prato la ripulitura di argini e alveo del Bisenzio


FIRENZE – In seguito al transito di due perturbazioni che stanno interessando la regione, la Sala operativa ha prolungato il codice giallo su tutta la Toscana per rischio idrogeologico e mareggiate fino alle 23.59 di domani, mercoledì 7 marzo. Domani, mercoledì, possibili temporali sparsi su tutta la regione. Dalla mattina di domani, mercoledì, mare agitato a nord di Capraia.

Prosegue, fino a tutto domani, l'allerta gialla per rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto 'reticolo minore' che comprende i corsi d'acqua secondari (soprattutto Ema, Mugnone e Terzolle).

Un piano di intervento straordinario contro le “buche” già avviato e che, per la sua entità, andrà avanti per tutto il mese di marzo. È quanto rende noto l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti che sottolinea il ruolo che hanno giocato le recenti condizioni meteorologiche sullo stato di salute delle strade cittadine. “Il maltempo dei giorni scorsi, e in particolare le basse temperature e le forti piogge insieme al sale gettato sulle strade, ha accentuato le problematiche relative alle pavimentazioni stradali con l’aumento delle porzioni disconnesse. Per questo l’Amministrazione ha avviato un importante programma straordinario con squadre che, da qualche giorno, stanno effettuando i primi ripristini per la messa in sicurezza e interventi di rifacimento con fresatura e asfalto a caldo di piccole porzioni di carreggiata. Il tutto compatibilmente con le condizioni meteorologiche”. L’assessore aggiunge che questi lavori potranno provocare rallentamenti sulle viabilità di maggior scorrimento, anche per l’istituzione di restringimenti di carreggiata ad hoc. “Questi interventi di messa in sicurezza – ribadisce l’assessore Giorgetti – rispondono alle segnalazioni arrivate all’Amministrazione comunale; segnalazioni che sono state analizzate con grande attenzione, catalogate e inserite nella programmazione articolate per Quartiere”.

Inizieranno giovedì 8 marzo i lavori di ripulitura degli argini del Bisenzio tra Ponte Datini e Ponte Petrino, eseguiti dal Consorzio di Bonifica Medio Valdarno in accordo con il Genio Civile Valdarno Centrale della Regione Toscana e l’Amministrazione comunale di Prato. Si tratta del secondo lotto dei lavori di sfalcio e sistemazione di argini e sponde iniziati l'anno scorso: le opere consistono nel taglio delle alberature e di vegetazione dannosa nell'alveo e sulle sponde e successivamente nella movimentazione di ghiaie, sabbie ed altro materiale di deposito con risagomature e ricentratura del letto del fiume per al fine di regolarizzare lo scorrimento della corrente. Le alberature di alto fusto presenti in alveo costituiscono ostacolo al regolare deflusso delle piene del corso d’acqua e possono determinare situazioni di rischio. Gli interventi hanno anche un'importante componente di riqualificazione fluviale finalizzata ad una maggiore fruizione delle aree da parte dei cittadini. I lavori successivamente andranno ad interessare anche aree a monte del Ponte Petrino. “Si tratta di importanti lavori che il Consorzio esegue sulla base delle convenzioni firmate con il Genio Civile della Regione Toscana in piena sintonia con l’Amministrazione comunale per ridare al Bisenzio all’interno della città di Prato il miglior aspetto e le migliori condizioni di sicurezza idraulica” spiega il presidente del Consorzio di Bonifica Medio Valdarno , Marco Bottino. “Le opere contribuiscono a garantire la salvaguardia del tratto urbano del Bisenzio, perché la presenza di piantumazioni spontanee, destinate comunque ad avere breve vita, quando sorgono al centro dell’alveo creano problemi di rischio idraulico – spiega l’assessore all’Ambiente Filippo Alessi -. Ringrazio il Consorzio di Bonifica e il Genio Civile per il lavoro prezioso che stanno svolgendo».

Redazione Nove da Firenze