Rubrica — Agroalimentare

Lupi: in arrivo bando per riconoscimento danni da predazione per il 2017

Per iniziativa della Giunta Regionale. Il plauso del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP


FIRENZE– Approvato dalla giunta regionale l'intervento per rimborsare le aziende zootecniche toscane che hanno subito danni da predazione nel 2017. La novità della misura, rispetto a quelli precedenti, è l'eliminazione del regime de minimis. Il bando sarà aperto nei prossimi giorni fino alla fine di marzo 2018, per quanto riguarda la presentazione delle domande di aiuto relative al 2017. Successivamente resterà comunque aperta la possibilità di segnalare danni subiti fino al 31 dicembre 2020. Per ottenere l'indennizzo i beneficiari dovranno aver applicato almeno una misura di prevenzione, recinzioni di sicurezza e/o cani da guardiania. Inoltre la copertura vale sia per i danni diretti (rimborso del capo predato) che per quelli indiretti, come i costi veterinari relativi al trattamento di animali feriti. L'assessore all'agricoltura ricorda che a seguito della notifica alla commissione europea, questo bando non prevede il regime de minimis, ovvero gli indennizzi erogati non dovranno tener conto del limite dei 15.000 euro in tre anni per azienda sin qui applicato e che aveva penalizzato le aziende più colpite dai predatori. I beneficiari sono gli imprenditori agricoli compresi gli Imprenditori Agricoli Professionali e l'aiuto è destinato esclusivamente alle PMI attive nella produzione agricola primaria. Le domande potranno essere presentate per i danni subiti tra l'1 gennaio 2017 e il 31 dicembre 2017. La verifica dei requisisti per l'indennizzo è effettuata dall'Ufficio Territoriale Agricoltura della Regione Toscana di competenza, mentre la liquidazione ai beneficiari verrà effettuata da parte di Artea. Sarà inoltre possibile segnalare anche i danni subiti successivamente alla pubblicazione del bando, entro il termini previsti dalla procedura richiesta da Bruxelles, allo scopo di poter richiederne l'indennizzo a seguito degli avvisi che verranno pubblicati ogni anno da parte della Regione. Nel frattempo sono in corso le liquidazioni delle domande relative all'anno 2016 che, grazie agli ultimi stanziamenti del bilancio regionale, saranno integralmente soddisfatte.

“Una notizia positiva che accogliamo con favore insieme a tutti gli allevatori ovini che producono latte per il nostro formaggio e che rende concreto l’impegno della Regione Toscana per tutelare gli allevatori danneggiati dagli attacchi di lupi o ibridi”. È quanto afferma Andrea Righini, direttore del Consorzio tutela Pecorino Toscano DOP commentando la decisione della Regione Toscana. “L’approvazione di questa misura - aggiunge Righini - accoglie finalmente i ripetuti appelli che sono arrivati negli ultimi anni dal mondo degli allevatori ovini, sempre più colpiti e danneggiati dagli attacchi di lupi o ibridi alle greggi, con conseguente perdita di quantità e qualità del latte. Un danno che ha messo a rischio anche la produzione del nostro Pecorino Toscano DOP e che abbiamo denunciato più volte, insieme agli stessi allevatori che conferiscono latte anche ai nostri caseifici soci, per tutelare il nostro prodotto e la sua materia prima”. “Dalla Regione - dice ancora Righini - apprendiamo con favore anche il fatto che le liquidazioni delle domande relative all'anno 2016 saranno integralmente soddisfatte, grazie alle risorse regionali, e che il bando per chiedere i risarcimenti dei danni subiti nel 2017 sarà aperto fino alla fine del prossimo marzo, ma con la possibilità di segnalare anche i danni subiti fino al 31 dicembre 2020 e dopo la pubblicazione del bando, contando sul supporto dell’Unione europea. Buone notizie che fanno ben sperare anche per il Pecorino Toscano DOP, guardando al suo presente e al suo futuro, e su cui terremo alta l’attenzione come Consorzio, stando al fianco dei nostri produttori”. 

Redazione Nove da Firenze