Rubrica — In cucina

Lo Streetfood Village fa tappa a Prato

​Dal 5 al 7 maggio il cibo di strada animerà piazza San Francesco per la quarta edizione della manifestazione dedicata al cibo di strada di qualità


Lo Streetfood Village dal 5 al 7 maggio farà tappa nella centralissima Piazza San Francesco di Prato, nel cuore del quartiere Santa Trinita. Ancora una volta vincente la collaborazione con il Consorzio Santa Trinita che insieme all’associazione nazionale Streetfood da venerdì 5 (dalle 17 alle 24) poi sabato 6 e domenica 7 maggio (dalle 11 alle 24), porterà oltre trenta specialità da tutto il mondo certificate con la tendina. "Migliaia di persone raggiunte nelle tre passate edizioni con una grande soddisfazione da parte delle attività commerciali di questo quartiere – ha spiegato il presidente dell’Associazione, Massimiliano Ricciarini – e anche quest’anno il cibo di strada con la tendina è stato sposato dalla filosofia del Consorzio Santa Trinita, realtà che ha come obiettivo proprio quello di animare gli esercizi commerciali e i negozi di questa parte di città".

La mappa dei cibi di strada. All’interno dello Streetfood Village di Prato saranno presenti oltre 30 specialità da tutta Italia e dal mondo per far degustare alle migliaia di persone previste i cibi di strada più tradizionali e genuini. Dall’hamburger di suino nero calabrese a quello di Chianina, ancora il Chebabbe d’I Chianti, il fritto misto napoletano, il prosecco,  le bombette pugliesi e il fritto di pesce di San Benedetto del Tronto (Ap) e “il” gnocco fritto modenese. Dal mondo i sapori saranno quelli greci della Pita Gyros, o della carne argentina grigliata, la paella valenciana, il BBQ degli U.S.A. o delle novità: le Arepas del Venezuela, il tutto accompagnato dalla birra artigianale a marchio Streetfood oltre a vino di provenienza dei territori dei cibi di strada presenti.

La “tendina”. Segreto del successo è l’organizzazione che l’associazione Streetfood mette in atto con la sua decennale esperienza certificando gli operatori partecipanti. Dall’utilizzo di ingredienti tipici al rispetto per la storia del prodotto, passando per l’attenzione all’igiene e al rispetto dell’ambiente. E’ per questo che l’associazione nata in Toscana ha dato vita da qualche anno a un vero e proprio decalogo che gli operatori associati e quelli che si assoceranno potranno seguire per marchiarsi del bollino “Artigiano del Gusto”. Farà da sfondo, nella splendida cornice di Piazza San Francesco, un programma musicale dalla street band al blues al jazz.

L’Associazione Streetfood. Nata ad Arezzo nel 2004, è stato il primo progetto in Italia a promuovere il cibo come cultura e il cibo di strada come format vincente in quanto “riassume in un cartoccio” storia e tradizioni di ogni regione d’Italia da gustare con le mani. Nel 2015 sono stati 28 gli eventi in tutta Italia toccando quasi due milioni di persone che hanno consumato cibi di strada in quantità record. 

In cucina — rubrica a cura di Stefania Guernieri

Stefania Guernieri

Stefania Guernieri — Stefania Guernieri è giornalista professionista ed esperta di comunicazione e social media. Nata come cronista nelle redazioni dei quotidiani, si è occupata di cronaca nera e cronaca giudiziaria per oltre 10 anni, oggi scrive per varie testate giornalistiche di cultura, enogastronomia, sport, motori, moda, politica. Ha esperienze in uffici stampa e gestione eventi, ha curato l'organizzazione di numerose manifestazioni legate al settore enogastronomico.

E-mail: stefania.guernieri@gmail.com