Libertà, sparisce il recinto: finalmente una piazza

Lungamente attesa dalla cittadinanza, è quasi completa l'opera di riqualificazione


La fake news che fosse tutto fermo non ha mai convinto gli abitanti del quartiere al confine del centro storico. 

Nove da Firenze ha seguito le fasi di avanzamento dei lavori voluti dalla giunta guidata dal sindaco Nardella, e riportato le parole dell'assessore Alessia Bettini riguardo le complicazioni insorte al rinvenimento di alcuni reperti, durante l'opera di ripristino che ha coinvolto l'antico sottoservizio fognario. 

Oggi il taglio dell'erba e la pulizia della vasca riaprono alla vista, e quasi al completo transito dei pedoni, una piazza monumentale. Per decenni considerata una mera rotonda da aggirare in auto, quale fosse un ostacolo urbanistico dettato da un navigatore satellitare e non, come merita, un punto di incontro tra le antiche mura alla Porta San Gallo, l'Arco trionfale dei Lorena ed un inno alla condivisione degli spazi urbani. 

Il vicino Parterre, oggi sede di uffici anagrafici e servizi, è stata per anni la Villa liberty destinata all'Artigianato fiorentino ed all'arte figurativa, sede dell'omonima Mostra che sarebbe poi stata alla Fortezza da Basso. 

Un insieme architettonico di enorme valore restituito alla città di Firenze in attesa di diventare snodo nevralgico del sistema tramviario con la Linea 2 che dal giardino del viale Strozzi al Forte di San Giovanni Battista, attraverso viale Lavagnini, si immettera' nel centro storico e verso Le Cure e Firenze sud. 

Antonio Lenoci