Lettere abbandonate nel bosco, bollette e comunicazioni bancarie

Il dipendente aveva falsamente smarcato le lettere come consegnate ai destinatari


I Carabinieri della Stazione di Borgo San Lorenzo (FI), a conclusione di indagini, hanno identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria, per soppressione di corrispondenza, un cittadino albanese 27enne, dipendente di una ditta di corriere che opera in Mugello.

Il fatto è scaturito a seguito del ritrovamento, il giorno 5 giugno 2017, sulle colline di Grezzano, di 53 lettere abbandonate nella boscaglia, contenenti per lo più bollette di pagamento di utenze, comunicazioni di fornitori di servizi, comunicazioni bancarie, ecc. destinate a residenti nel comune di Borgo San Lorenzo, che i Carabinieri recuperarono e, dopo gli accertamenti, restituirono al responsabile della ditta incaricata per il recapito.

A conclusione delle indagini, il postino di una ditta di corriere, subappaltatrice del servizio di recapito della corrispondenza, che aveva falsamente smarcato le lettere come consegnate ai destinatari, è stato identificato e denunciato all’Autorità Giudiziaria.

Non è la prima volta
che in Mugello si verificano problemi con i corrieri delle ditte appaltatrici del servizio di consegna della corrispondenza. E’ noto che già nell’ agosto 2016 a Barberino di Mugello, a seguito del rinvenimento di altra posta abbandonata, i Carabinieri identificarono e denunciarono alla Procura della Repubblica un altro postino infedele.

Il fenomeno, tuttavia, stando a quanto percepito dagli ulteriori mancati recapiti segnalati dai clienti, e da un’ulteriore rinvenimento da parte dei Carabinieri di oltre 400 buste abbandonate in un cassonetto per l’immondizia nella frazione di Cavallina, sembrava infatti non essersi arrestato. Si spera che dopo questo ulteriore importante intervento, sia stata data una definitiva battuta di arresto alla problematica.

Redazione Nove da Firenze