Lega Nord: il 12 novembre manifestazione per il No in piazza Santa Croce

"Sono 30 anni che dicono che bisogna rifare le cose da capo. Sono 30 anni che ci prendono in giro..." ribatte Matteo Renzi, nel corso di un''iniziativa referendaria a Prato


(DIRE) Firenze, 24 set. - "Il 12 novembre abbiamo prenotato piazza Santa Croce a Firenze, una piazza altamente simbolica. Faremo una grande manifestazione per dire tanti ''no'' a Renzi: no al referendum, no all''euro, no a questa Europa dei burocrati e dei banchieri". Lo annuncia Matteo Salvini in un''intervista a Libero. "Sara'' la manifestazione- aggiunge sul quotidiano il leader della Lega- di chi vorra'' esserci per mandare a casa Renzi. Invitero'' i partiti del centrodestra, ma anche tutte quelle componenti che, dall''euro al referendum, si sentono all''opposizione di questo governo".

Matteo Renzi a Prato commenta le polemiche sul quesito per il referendum costituzionale. "Copia il titolo della legge. Brunetta dice che e'' un inganno. No e'' una legge. Ma la differenza tra inganno e legge Brunetta ancora non l''ha presa", dice il premier. "Sono trent''anni che dicono che bisogna rifare le cose da capo. Sono trent''anni che ci prendono in giro...", dice Matteo Renzi, nel corso di un''iniziativa referendaria a Prato, in una dura critica al fronte del no. Renzi aggiunge: "E'' finito il tempo di scherzare. Il bicameralismo paritario blocca il Paese. E attenzione che su questa cosa ci giochiamo venti anni di futuro". Il premier sottolinea: "Io la mia parte la faro'', girero'' come un globetrotter, a prendere i fischi dove ci saranno. Lasciateli fischiare, hanno aria nei polmoni. Ma non ci fanno paura. Non ci fanno paura in Europa, figuriamoci quelli che fischiano... Il punto vero- osserva poi- e'' che non dipende piu'' da me. Ora la partita e'' nel Paese. E non c''e'' rinvincita: o si vince o si perde" "Se vince il no ci teniamo questa classe politica. Ci teniamo quelli che dicono no", spiega Renzi citando "D''Alema, Brunetta, Berlusconi, Grillo e quelli che continuano a insultare come Salvini che non ha avuto rispetto nemmeno di Carlo Azeglio Ciampi nel giorno della morte. L''alternativa a questa realta'' e'' quella dei Salvini e dei Grillo, non la rivoluzione proletaria".

"Questa riforma serve al Paese, l''ho detto io, l''ha detto molto meglio Matteo Renzi. Dire ''no'' significa impantanarci ancora in una discussione lunghissima per chissa'' quanti anni senza fare quell''ammodernamento che serve per dare delle risposte". Lo ha spiegato il sindaco di Prato e presidente di Anci Toscana, Matteo Biffoni all''uscita dal teatro Metastasio dove questa mattina il premier Renzi ha tenuto un discorso per il si'' al referendum costituzionale. "Vediamo cosa succede- ha proseguito-, pero'' noi ci lavoreremo perche'' riteniamo che sia davvero utile per tutti noi, per il futuro dei nostri figli, per le nostre aziende e per i cittadini di questo Paese". (Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze