Rubrica — Fiorentina

La Fiorentina pareggia a Bergamo

Nella foto di F. Gargani la curva viola semivuota all'inizio

Squadra compatta e ordinata con discrete trame di gioco. Carattere e concentrazione Bene Tello, Kalinic e Astori. Tatarusanu insuperabile


Dopo le deludenti prestazioni delle ultime gara La Fiorentina gioca una discreta partita a Bergamo contro quella che è considerata la squadra rivelazione del campionato. I Viola hanno dimostrato un carattere e una concentrazione che non vedevamo da qualche tempo. La partita è stata bella e vivace. L'Atalanta, sospinta dal tifo e dall'entusiasmo per le quattro vittorie consecutive, è stata subito aggressiva. Al quinto Pretagna tira a lato di poco, mentre due minuti dopo è Papu Gomez a fallire una buona occasione. I Viola si difendono con ordine e provano a essere pericolosi nelle ripartenze. All'undicesimo su un bel cross di Astori Kalinic colpisce di testa ma la palla è fuori.

La Fiorentina non si lascia schiacciare quando subisce gli attacchi atalantini. Intorno alla mezzora, in seguito a una punizione Gonzalo con un colpo di testa impegna Berisha. Dopo cinque minuti un'azione personale di Tello è conclusa dallo spagnolo con un bel tiro che chiama il portiere atalantino a un non facile intervento. Nel secondo tempo la Fiorentina, parte con più determinazione offensiva creando alcune buone azioni. Ilicic è protagonista di numerose iniziative, mentre Tello  è  molto incisivo sulla fascia sinistra. La partita è vibrante. Le squadre si affrontano con veemenza. Frequenti i cambi di campo. Le due squadre peccano entrambe di precisione nelle conclusioni e le porte rimangono inviolate. Al 27' Sousa schiera Bernardeschi al posto di Chiesa. Gli atalantini, che erano apparsi in calo, riprendono a spingere. Al 28' Tatarusanu, sino ad allora scarsamente impegnato, salva su un tiro da fuori. Poi al trentaduesimo il portiere compie un vero e proprio miracolo: dopo un cross di Gomez, una deviazione di Petagna destinata in rete è salvata con un grandissimo riflesso da Tatarusanu che manda la palla sul palo.

Nel finale l'Atalanta attacca e i Viola devono contenere. Lo fanno con ordine e attenzione, cercando anche il goal della vittoria. La partita finisce a reti inviolate. Un pareggio che rallenta, forse, le ambizioni europee della squadra di Gasperini. Un pareggio importante per il morale dei Viola che hanno dimostrato una buona personalità e tratti di buon gioco. Temevamo molto la partita di oggi, ma non è stata la débâcle annunciata. E' forse un punto di ripartenza importante, una prova d'orgoglio che siamo certi non farà scivolare la squadra nell'abulia. Peccato che l'obiettivo Europa League sia sfumato. Ma forse c'è ancora una speranza.

Paulo Sousa in sala stampa ha commentato così il pareggio della Fiorentina a Bergamo con l’Atalanta: “Sono state tante le partite in cui abbiamo meritato molto di più, i ragazzi sono disposti a migliorare, l’hanno dimostrato anche oggi. La squadra ha sempre lottato, tranne forse i primi venti minuti di Roma, oggi ancora di più. I ragazzi mi dimostrano la voglia di lavorare ogni giorno cercando di essere competitivi in ogni partita. È positivo non aver preso gol”.

Tatarusanu? “L’arrivo di Sportiello è uno dei fattori del suo miglioramento, ma ciò non vale solo per Tata ma per tutti. La competitività interna aumenta il rendimento, è sempre così”.

Obiettivi? “Gli obiettivi sono chiari dal primo giorno, ma cercheremo sempre di essere competitivi, anche se le altre hanno allungato. I ragazzi vogliono onorare la nostra maglia fino alla fine ogni partita”.

Atalanta? “Mi fa sempre piacere vedere squadre con una cultura sportiva come l’Atalanta, per come lavorano, per come fanno crescere i giocatori. Sono contento di competere con queste realtà”.

Atalanta-Fiorentina  0-0

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Kurtic (22' st Mounier), Freuler, Spinazzola; D'Alessandro (1' st Grassi); Gomez, Petagna (40' st Paloschi). Allenatore: Gasperini.

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Gonzalo, Astori; Chiesa (27' Bernardeschi), Badelj, Vecino, Tello; Ilicic (35' st Maxi Olivera), Borja Valero; Kalinic (44' st Babacar). Allenatore: Sousa.

Arbitro: Guida di Torre Annunziata (Na)

Note: ammoniti Chiesa, D'Alessandro, Ilicic, Masiello, Gonzalo, Astori

Fiorentina — rubrica a cura di Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri

Alessandro Lazzeri — Giornalista e scrittore, laureato in Lettere, ha pubblicato su testate giornalistiche nazionali e locali (Paese Sera, Avanti, Teleregione, Industria Toscana, Michelangelo, Ricerche Storiche)

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it