Incontro a Siena per il futuro del Monte dei Paschi

Bancarotta di Banca Etruria: parti civili fino al 12 ottobre. Anche parlamentari toscani nella Commissione d'inchiesta sul sistema bancario


Monte dei Paschi di Siena, dal 1472 al futuro. E’ questo lo speciale titolo dell’iniziativa che vedrà a Siena Pier Paolo BARETTA, sottosegretario all’economia e finanze, il prossimo lunedì 25 settembre, alle 17.30, presso NH Excelsior hotel in piazza della Lizza. Organizzatori dell’iniziativa l’associazione IDEE SIENA e AReS Toscana. Tra gli ospiti Emanuela Anichini, segretaria generale della CISL. “E’ un evento unico – indica Riccardo Burresi, Presidente di IDEE SIENA - Per la prima volta dopo l’entrata dello Stato come socio di maggioranza nel capitale di Banca MPS, un autorevole esponente del Governo partecipa a Siena ad una iniziativa pubblica sul futuro dell’azienda più grande della Toscana. Grazie all’intervento dello Stato che ha investito su MPS, grazie a dipendenti straordinari che hanno dato con competenza e sacrificio continuità alla Banca e grazie al capitale di fiducia che nel nostro territorio e in tutta Italia il Monte dei Paschi ha saputo costruire e mantenere, i momenti di crisi e le difficoltà possono essere superati. Adesso si apre un fase nuova, che guarda al futuro con fiducia e serenità e apre la sfida alla valorizzazione delle competenze interne a MPS, alla nascita di un nuovo e corretto rapporto tra MPS e territorio, al mantenimento della direzione generale e della ‘testa’ della Banca a Siena”. “Dobbiamo guardare al futuro, dichiara Alessandro Conforti, responsabile AReS Toscana - E’ necessario fare tesoro degli errori del passato per non ripeterli, senza dimenticare la grandezza secolare del Monte dei Paschi che oggi con l’entrata dello Stato ha davanti nuove opportunità di sviluppo”. “E’ necessario tenere alta la guardia e incrementare i controlli degli organi di vigilanza per evitare gli errori del passato - afferma Emanuela Anichini, segretaria generale della Cisl di Siena - In un panorama locale di piccole aziende di credito, il Monte dei Paschi rappresenta e deve continuare a rappresentare una banca di dimensione nazionale. Per dare futuro a questa azienda è necessario tenere legata la banca al suo territorio di origine evitando e contrastando la tentazione di portarla via di Siena. Così come sarebbe un grave errore vendere aziende o rami d’azienda del gruppo MPS, la banca va conservata integra”.

Ci sono anche parlamentari toscani a fare parte della Commissione d'inchiesta sul sistema bancario. Otto deputati del Pd che faranno parte della Commissione sulle banche: sono Francesco Bonifazi, Susanna Cenni, Gian Pietro Dal Moro, Carlo Dell'Aringa, Matteo Orfini, Giovanni Sanga, Luigi Taranto, Franco Vazio e per quanto riguarda il Senato Camilla Fabbri e Stefania Giannini, Mauro Del Barba, Andrea Marcucci, Mauro Marino, Franco Mirabelli e Giancarlo Sangalli. L'organismo, composto da venti senatori e venti deputati, avrà il compito di verificare gli effetti della crisi finanziaria globale sulle banche; la gestione degli istituti bancari coinvolti in situazioni di crisi o di dissesto; l’efficacia delle attività di vigilanza e l’adeguatezza della disciplina legislativa e regolamentare nazionale ed europea sul sistema.

Confconsumatoriricorda agli obbligazionisti e azionisti della vecchia Banca Etruria che fino alla prossima udienza del 12 ottobre è ancora possibile costituirsi parte civile per chiedere il risarcimento dei danni in capo ai 21 indagati per bancarotta fraudolenta.«Soprattutto per gli azionisti – fanno sapere dall'associazione – la costituzione appare doverosa, essendo difficile avviare una causa civile». Ecco come fare per costituirsi parte civile. I residenti nella provincia di Firenze possono rivolgersi alla sede di Confconsumatori in via Modena 23 (telefono 055.585564).

Redazione Nove da Firenze