​In Toscana 40.000 disabili in attesa di un posto di lavoro

In Provincia di Firenze ad oggi, tra settore pubblico e privato, più di 1000 disabili potrebbero essere assunti subito ma i posti non vengono assegnati


Al 31 dicembre del 2016 gli iscritti all’Ufficio di collocamento categorie protette (legge 68/99) in Toscana sono circa 40.000, di cui nella solo provincia di Firenze 11.726. Ad oggi negli Enti Pubblici (come ministeri e aziende ospedaliere), sempre in provincia di Firenze, la disponibilità di posti di lavoro per disabili ammonta a circa 600 che non vengono assegnati; mentre nel settore privato i posti disponibili sono circa 590.

Alcuni Enti Pubblici in Provincia di Firenze in cui ci sono posti scoperti per le categorie protette

  • Azienda USL Toscana Centro, ex Usl 10 Firenze: 179
  • Azienda USL 11 Empoli: 64
  • Azienda Ospedaliero-Universitaria Meyer Firenze: 20
  • Azienda Ospedaliera- Universitaria Careggi: 138
  • INDIRE (Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa): 16
  • Ministero della Difesa: 27

Nella sola Usl 4 di Prato restano da assegnare 90 posti, mentre nel privato circa 70.

“Da questi numeri emerge chiaramente che serve un deciso cambio di passo per le politiche che riguardano la disabilità – spiega Michele Cirrincione, responsabile provinciale Ufficio H della Uil Pensionati – Ci rivolgiamo in particolare alle Istituzioni pubbliche, Regione Toscana in testa, affinché si facciano promotori dei diritti delle categorie protette. Tra questi il diritto al lavoro è da considerare come inalienabile. Non possiamo assistere inermi all’esclusione di una larga fetta di popolazione. I disabili non sono cittadini di serie B ma sono parte integrante della nostra comunità”.

Salute

In Toscana assistiamo a continui tagli al fondo sociale: da 8 milioni di euro nel 2015 a 3,5 milioni nel 2017. Vengono così colpite le fasce più deboli, in particolare disabili e portatori di handicap. E poiché i tagli partono dal Governo che stanzia sempre meno risorse, la Uil Pensionati, insieme a Cgil e Cisl a livello nazionale, ha ottenuto dal ministro Poletti l’impegno a ristabilire per il 2017 la dotazione di 500 mila euro per la non autosufficienza e 311 milioni per le politiche sociali da dividere tra le varie Regioni.

Continuiamo a sostenere che i fondi stanziati sono sempre insufficienti e vanno incrementati per rispondere adeguatamente ai bisogni e ai diritti di milioni di cittadini, le cui fasce sempre più deboli rischiano di soccombere.

Scuola

L’art. 38, terzo comma, della nostra Costituzione stabilisce il diritto all’istruzione e alla formazione professionale delle persone con disabilità.

Dopo vari ricorsi, il TAR finalmente ha stabilito che la mancata garanzia delle ore di sostegno ai portatori di handicap è una forma di “discriminazione”. Continuiamo a sostenere comunque che circa 6000 docenti di sostegno per 12.500 studenti con diverse disabilità (alcune lievi e altre gravi) non si garantisce appieno il diritto allo studio.

Redazione Nove da Firenze