Il sisma in Italia centrale a distanza di un mese

A Cittareale gli operatori di Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze. Festa sabato prossimo al centro commerciale San Donato, a Novoli


E' passato quasi un mese dalla prima scossa che ha sconvolto il Centro Italia. È passato quasi un mese dalla prima scossa di terremoto che ha sconvolto il Centro Italia. Operatori della Protezione civile della Città Metropolitana, oltre ad operare sul posto, hanno compiuto in questi giorni un terzo viaggio per portare aiuti alle comunità colpite dal sisma, in particolare nel comune di Cittareale, nella provincia di Rieti. In allegato alcune fotografie relative a quest'ultima operazione.

Oltre al buon sapore dello stare insieme, quest’anno l’iniziativa dell’associazione Piazza San Donato ne ha uno in più: quello della solidarietà. Saranno devoluti ai bambini terremotati i fondi che saranno raccolti sabato 24 settembre durante la quarta edizione di ‘Di Novo lì insieme’, la kermesse -organizzata grazie alla collaborazione con l’Immobiliare Novoli, - fatta di musica, balli, esibizioni, mercatini e intrattenimento che animerà il centro commerciale San Donato dalle 15 alle 22. “Quest’anno, grazie anche al supporto di un gruppo di giornalisti e fotografi fiorentini, abbiamo pensato di dare una mano a quei bambini che non hanno più una scuola in cui seguire le lezioni – dice Paolo Caldesi, presidente di Piazza San Donato -. In questi anni la nostra associazione è cresciuta molto, tanto che si stanno moltiplicando le iniziative nel quartiere. Era quello che volevamo: restituire un’anima a Novoli”. Durante la giornata ci sarà spazio per il ‘Restart Party’, ovvero per la riparazione di oggetti di uso comune insieme al ‘gruppo restarter fiorentini’. Poi, con Seven Dragon via al primo torneo di yu-gi-oh under 14 per tutti i giovani appassionati e ai giochi coi Lego. L'associazione Musicale Fiorentina si occuperà invece di far provare a tutti i presenti gli strumenti musicali. Alle 17,30 da non perdere il grande spettacolo in piazza, che sarà presentato dalla giornalista di Rtv38 Sara Ghilardi. I bambini del quartiere sfileranno per CycleBand e per Marasil sotto i flash dei fotografi fiorentini. Le stampe degli scatti potranno poi essere acquistate nei due negozi protagonisti della sfilata. Ancora, esibizioni di ballo con le associazioni Spazio Danza Quinto Blu e Tango Evolucion e sketch teatrali dei ragazzi di Bottega Instabile. Infine, musica e balli per tutte le età. “Durante tutte le attività saranno raccolti fondi per l’acquisto di materiale didattico da inviare ad una scuola delle zone terremotate. Per questo motivo invito tutti i fiorentini a partecipare a questa bella iniziativa, ancora una volta nata grazie all’impegno di alcuni cittadini che, volontariamente, hanno deciso di unirsi per rendere il nostro quartiere più vivo e piacevole”, conclude Caldesi.

Un mese dopo l’inizio della sequenza dell’Italia centrale, iniziata con il terremoto di magnitudo 6.0 avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 agosto, continuano gli studi dei sismologi e geologi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

La sequenza in Italia centrale dal 24 agosto al 23 settembre ore 12

La sequenza è ancora in pieno svolgimento, pur con un numero minore di repliche (aftershocks) rispetto alle prime due settimane. A oggi la Rete Sismica Nazionale dell’INGV ha localizzato complessivamente circa 11500 repliche, in un’area che si estende per circa 40 chilometri in direzione NNO-SSE, lungo la catena appenninica. 200 i terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0; 14 quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 e uno dimagnitudo maggiore di 5.0 oltre quello principale.

Andamento temporale della sequenza sismica dal 24 agosto al 23 settembre. In blu i primi dieci giorni, in giallo i dieci giorni successivi, in arancio gli ultimi dieci giorni. Tutti i dati acquisiti dalle reti sismiche e accelerometriche sono stati messi a disposizione della comunità scientifica per studi e ricerche. I dati registrati dalle stazioni della Rete Sismica Nazionale (RSN) e dalle stazioni temporanee installate dopo il terremoto sono disponibili nell’archivio EIDA (European Integrated Data Archive). I dati accelerometrici della RSNsono disponibili nel database Strong-Motion dell’INGV (http://esm.mi.ingv.it). Per quanto riguarda le stazioni della Rete Accelerometrica Nazionale (RAN) del DPC, i dati originali sono disponibili sul sito web della RAN.


Redazione Nove da Firenze