Rubrica — Fiorentina

Il Domani di Mister Paulo Sousa

Atalanta-Fiorentina, ultimo esame allo stadio Atleti Azzurri d’Italia alle 12,30


Fiorentina e Atalanta tra rincorsa alla zona Champions, ora distante solo 3 punti per i bergamaschi, e disperato scivolamento viola dalla zona Europa. La squadra di Gasperini, dopo quattro successi consecutivi, è lanciatissima verso il terzo posto, ma dovrà fare i conti con la Fiorentina, che vive una fase nera nelle settimane recenti. Anche se, negli ultimi dieci scontri diretti, la Fiorentina ha inflitto ai nerazzurri nove sconfitte e un pareggio.

Ataanta-Fiorentina è il lunch-match della 26^ giornata, ottava di ritorno, del campionato di Serie A TIM. Squadra in campo domenica 5 marzo alle 12.30 al Comunale di Bergamo. I convocati viola:

Astori, Badelj, Bernardeschi, Chiesa, Cristoforo, De Maio, Hagi, Ilicic, Kalinic, Babacar, Maistro, Milic, Olivera, Gonzalo, Salcedo, Sanchez, Satalino, Sportiello, Tatarusanu, Tello, Tomovic, Borja, Vecino.

Mister Gian Piero Gasperini ha parlato alla vigilia: "Affrontiamo una squadra di valore: dobbiamo avere il massimo rispetto della Fiorentina ma per noi può essere un'opportunità fantastica e ci arriviamo nel migliore dei modi. Sappiamo cosa vuol dire vincere questo genere di partite, ma bisogna giocarle sul campo con la massima attenzione e concentrazione".

All'andata il pareggio di Firenze contribuì a quel cambio di marcia su cui poi l'Atalanta ha costruito la sua stagione: "All'andata quel pareggio era arrivato dopo la straordinaria vittoria sul Napoli e ci ha dato fiducia, solidità e anche quella continuità che cercavamo in trasferta".

Domani ci sarà il pubblico delle grandi occasioni. In città c'è grande entusiasmo e la squadra se ne è resa conto anche al rientro da Napoli: "Sabato ho visto la felicità della gente, di una città intera, della nostra società. E' stato qualcosa di straordinario, che ti dà una gratificazione enorme e una spinta ulteriore per provare a regalare ancora tante soddisfazioni, regalare quello che ormai tutti chiamano un sogno, regalare la stagione più bella di sempre. Per noi all'inizio era impensabile, ma ora l'obiettivo è diventato entrare nelle prime sei e ce la metteremo tutta, con tutte le nostre forza e la spinta e l'entusiasmo che abbiamo alle spalle".

Domani sarà anche l'occasione per aiutare la popolazione di Amatrice colpita dal terremoto: "Sicuramente una bella iniziativa. Il mondo dello sport e del calcio si è sempre dimostrato sensibile, l'Atalanta ancora di più".

Redazione Nove da Firenze