Il Consiglio regionale cerca un nuovo capo ufficio stampa

Ma secondo il Movimento 5 Stelle, c'è già un vincitore designato


(DIRE) Firenze, 21 set. - Il Consiglio regionale cerca un nuovo capo ufficio stampa. L'avviso di selezione pubblica e' stato diramato dalla segretaria generale, Silvia Fantappie' lo scorso 12 settembre. Entro il 6 ottobre gli interessati potranno farsi avanti presentando la propria domanda, e rimettendo la dovuta documentazione a partire dal curriculum. Dal Movimento 5 Stelle, pero', si leva una polemica su una selezione che avrebbe secondo loro gia' un vincitore designato. Il decreto fissa, in realta', nove criteri per poter partecipare: laurea magistrale o titolo equivalente del vecchio ordinamenti; essere giornalista professionista; cittadinanza italiana o europea; godimento dei diritti politici; non trovarsi in pensione; non essere stati destituiti dal pubblico impiego per motivi disciplinari o per aver prodotto documenti falsi o viziati in maniera insanabile; non avere ne' condanne penali, ne' procedimenti penali in corso tali da impedire un rapporto di lavoro con la pubblica amministrazione; idoneita' fisica; assolvimento degli obblighi di leva. Requisiti che lasciano spazio a molte candidature, ma che per il Movimento 5 Stelle rischiano di essere vanificati dalle scelte politiche. "Tra i corridoi in molti giurano di sapere gia' chi e' il prescelto e il bando pubblicato sarebbe solo il packaging istituzionale per un esito gia' scritto- insinuano i consiglieri, in una nota-. Ma questi giochini devono finire e puntiamo a farlo saltare con l'unica arma a disposizione: promuovere la partecipazione al bando di uno sfidante che possa mettere in difficolta' la commissione giudicante".

Il monito dei pentastellati, in realta', si trasforma in un appello alla partecipazione: "Chiediamo a tutti i giornalisti coi requisiti indicati dal bando di presentare la propria candidatura- avvertono i consiglieri regionali grillini-. Non lasciamo questo ruolo ad una figura frutto della deprecabile arte della spartizione partitica, i cittadini toscani meritano di avere un finale diverso". Nel bando, peraltro, si apprende che la commissione giudichera' i curriculum premiando con l'aggiunta di 10 punti per ciascuna esperienza in questi 4 settori: organizzazione e coordinamento di uffici; lavoro professionale in ambito giornalistico e delle telecomunicazioni; relazioni istituzionali; nuovi strumenti di tecnologia dell'informazione, quali internet e social network. "Ai tanti giornalisti professionisti della nostra regione diciamo quindi: cogliete l'occasione- avvertono i 5 Stelle-. Caposervizio, caporedattori e direttori indipendenti fatevi avanti. I cittadini toscani hanno bisogno di voi". (Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze