Rubrica — Spettacolo

“Il Cinema ritrovato”

Al Cinema La Compagnia dal 30 novembre al 3 dicembre i capolavori del cinema di tutti i tempi, in versione restaurata, in collaborazione con la Cineteca di Bologna


Dopo la proiezione lo scorso 25 novembre de Il bell'Antonio di Mauro Bolognini, prosegue, al cinema La Compagnia di Firenze, lo sguardo verso la storia del cinema e i suoi film più rappresentativi, con la rassegna Il Cinema Ritrovato, in programma dal 30 novembre al 3dicembre. La rassegna è proposta a Firenze in collaborazione con la Cineteca di Bologna,istituzione che da oltre trent'anni promuove, nella manifestazione estiva del capoluogo emiliano, il ritorno sul grande schermo dei capolavori di tutti i tempi, grazie del lavoro di restauro delle pellicole realizzato da L'immagine ritrovata.

Ad aprire Il Cinema Ritrovato a Firenze, giovedì 30 (ore 16.30) sarà un film raro: “ Soleil Ô”, di Med Hondo, del 1970. Si tratta della visione dell'Occidente di un Africano che, giunto a Parigi per migliorare la propria condizione di vita, si trova di fronte ad un muro di esclusione e razzismo. Unitosi ad altri Africani, l'uomo decide di fondare una piccola compagnia teatrale e di realizzare un film, ovviamente senza un centesimo di produzione. Ciò che il film realizza, ha dichiarato il regista Med Hondo in un'intervista a Jeune Cinéma del giugno 1970, è “mostrare che più l’Occidente tenderà economicamente a espandersi, più avrà bisogno di manodopera nera. E così l’Africaresterà un continente sempre più sottosviluppato: dire il contrario è dire il falso […]”.

Il programma prosegue con i grandi film da vedere e rivedere, da” Il Laureato” di Mike Nichols a “La donna scimmia”, di Marco Ferreri, a vent'anni dalla sua scomparsa; dal western cult “Johnny Guitar”, di Nicholas Ray al noir selvaggio di Sam Peckinpah,” Voglio la testa di Garcia”; dal capolavoro di Howard Hawks,” Scarface”, che ha segnato la strada dei gangster movies, a” Effetto notte”, di François Truffaut, senza dimenticare l'horror de” L'uccello dalle piume di cristallo”, di Dario Argento, il caper movie “Giungla d’asfalto”, di John Houston e la parodia dell'alienazione dell'uomo in rapporto alla macchina di “Tempi Moderni”, di Charlie Chaplin.

In programma anche un documentario su uno dei più grandi attori di Hollywood,” Becoming Cary Grant”, di Mark Kidel.

A precedere la visione dei film, sarà una selezione di corti degli anni '10 del secolo scorso, provenienti da vari paesi e colorati a mano con la tecnica del Kinemacolor, anche questi delle rarità per veri cinefili. Un evento speciale sarà dedicato ai più piccoli: domenica 3 dicembre (ore 16.00), Associazione Co-Co Spazio Costanza, in collaborazione con il Cinema La Compagnia, propone un evento per riflettere sui temi ambientali: in sala la proiezione del film God save the Green, di Michele Mellara e Alessandro Rossi, incentrato sulle scelte ecologiste di quanti sfruttano il verde urbano per coltivare piccoli orti, produrre e mangiare cibo sano, a cui seguirà un incontro con i rappresentanti di Green Peace, Italian Climate Network e Mamme No inceneritore; in contemporanea, nella saletta Mymovies del cinema, laboratorio per bambini dai tre anni in su, accompagnato dalle immagini del film d'animazione Wall-E, di Andrew Stanton.

Redazione Nove da Firenze