Rubrica — Fiorentina

I vertici viola imputati per falso in bilancio

Nessun mandato formale per la vendita della società


I vertici della Fiorentina saranno imputati per il mancato accantonamento nel bilancio della somma che il club potrebbe dover corrispondere a titolo di indennizzo per i danni provocati al Bologna Calcio a seguito dei reati perseguiti nell'indagine nota come "Calciopoli" conclusasi, tra l'altro, con la condanna di Diego Della Valle. A giudizio, in sede civile, andranno 16 persone, tra componenti del Cda e del collegio sindacale della Acf Fiorentina Spa.

ACF Fiorentina prende atto con grande sorpresa della decisione del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze, che contraddice peraltro le conclusioni raggiunte dal Pubblico Ministero alcuni mesi fa sullo stesso argomento. Nell’attesa di esaminare tutta la documentazione, la Società conferma la correttezza del proprio comportamento ed attende con fiducia le decisioni che verranno prese dalle Autorità competenti.

Smentita anche la notizia secondo cui la Fiorentina avrebbe scelto il Credit Suisse come advisor per la vendita. In merito a quanto apparso sugli Organi di informazione negli ultimi giorni ACF Fiorentina comunica che non esiste nessun mandato affidato ad alcuna banca per la vendita della società.

Redazione Nove da Firenze