Geofor: dopo Marconcini si parla di Sonetti

Il sindaco leghista Susanna Ceccardi e il vice Michele Parrini: «Convocare i soci per scegliere il successore»


Oltre a quello di Filippo Fatticcioni, ex sindaco di Capannoli e oggi capo di gabinetto del sindaco di Pontedera, prendono quota - stando a indiscrezioni - quelli di Antonio Pasquinucci, già segretario del Pd di Pontedera, e di Massimiliano Sonetti, ex vicesindaco di Pontedera. Per il neopresidente ci sarà subito una partita importante da giocare, quella della gara per il gestore unico del servizio rifiuti nell' Ato Costa, con le varie aziende operanti nelle province del territorio (Geofor compresa ).

Susanna Ceccardi, sindaco di Cascina, e Michele Parrini, vicesindaco e assessore all'ambiente di Cascina, intervengono con una dichiarazione congiunta sulla vicenda delle dimissioni di Paolo Marconcini da presidente di Geofor Spa. «Dopo la tempestosa vicenda che ha visto coinvolto l’ex presidente Marconcini, per vicende non ancora chiarite, e che hanno portato alle sue dimissioni -dicono Ceccardi e Parrini- leggiamo sulla stampa di possibili successioni decise nelle segrete stanze del Partito democratico, con regista il sindaco Millozzi. Vorremmo ricordare anche agli altri soci che Geofor spa è un’azienda pubblica, non è quindi di proprietà esclusiva del Comune di Pontedera né tanto meno del Pd. Auspichiamo pertanto che la scelta del nuovo presidente sia condivisa tra i soci e si fondi su principi meritocratici, atteso che le indiscrezioni apparse sulla stampa accomunano i “papabili” ad un solo unico denominatore: avere la tessera del Pd. Proponiamo pertanto di predisporre e pubblicare un bando per la scelta del soggetto che abbia i requisiti tecnico-professionali, indipendentemente dalla sua appartenenza politica. Ci aspettiamo pertanto a breve una convocazione dei soci di Rete Ambiente spa, proprietaria di Geofor spa, per determinare il percorso da intraprendere per la nomina del nuovo presidente, seguendo criteri di trasparenza ed imparzialità politica».

Redazione Nove da Firenze