Forze dell’ordine sui mezzi pubblici in Toscana

Le misure di sicurezza concernenti il trasporto pubblico in Toscana saranno aumentate


 Aumento dei controlli sui mezzi pubblici in Toscana, a chiederlo è il Consiglio regionale.
Primo firmatario della proposta è Francesco Gazzetti (Pd) che ha raccolto numerose firme di componenti di vari gruppi (Pd, FdI, Lega, Fi, Mdp-Art.1), ed impegna la Giunta regionale “nel proseguire le attività portate avanti nella cabina di regia regionale sulla sicurezza ferroviaria” per migliorare la sicurezza di passeggeri e personale di servizio sui treni, e “a valutare l’opportunità di attivarsi nei confronti del Governo per richiedere un aumento della presenza delle forze dell’ordine dedicate alle necessarie azioni di controllo e presidio delle linee di trasporto pubblico locale, sia a bordo dei treni che nel maggior numero possibile di stazioni ferroviarie della Toscana”.

La mozione raccoglie e sintetizza numerosi atti che sono stati presentati in passato, aventi come oggetto la sicurezza sui mezzi pubblici. “Non abbiamo fatto un semplice copia e incolla – ha detto Gazzetti – ma una riflessione che ha portato a chiedere misure per innalzare il livello di sicurezza nel trasporto pubblico locale in Toscana”.

Marco Casucci (Lega) ha espresso soddisfazione per “questo atto condiviso da quasi tutti i gruppi consiliari”. “La Lega – ha detto Casucci - è stata tra i primi a segnalare i bisogni di sicurezza sul trasporto pubblico locale. E’ importante che l’attenzione sia omogenea su tutto il territorio, perché spesso si tende a concentrarsi sui grandi centri e a trascurare le realtà minori, che invece sono le più colpite dai disagi”. 

Redazione Nove da Firenze