Rubrica — In cucina

Food and Wine in progress: domani la manifestazione alla Leopolda

L’inaugurazione alle ore 10 alla presenza delle istituzioni, seguita dal convegno “La comunicazione dell’enogastronomia… ieri, oggi… e domani?”


Si aprirà domani alla Stazione Leopolda di Firenze la terza edizione di Food & Wine in Progress, il grande evento organizzato da AIS Toscana e Unione Regionale Cuochi Toscani per valorizzare le figure dei sommelier e degli chef attraverso un programma ricco e vario ispirato all’avanguardia, alla ricerca e alla sperimentazione nel settore. L’inaugurazione alle ore 10 alla presenza delle istituzioni e dei presidenti delle varie associazioni e a seguire alle 11 il convegno di apertura moderato dal giornalista della rubrica TG5 Gusto Gioacchino Bonsignore che verterà su un tema di grande attualità, ovvero passato presente e futuro della comunicazione in ambito enogastronomico. Gli appuntamenti culturali della giornata proseguiranno alle 14 con la presentazione del libro “Vini italiani …. complicati proprio come gli italiani. I motivi per cui ho scritto Italian Wine Unplugged Grape by Grape” scritto da Stevie Kim Direttrice del team internazionale di Vinitaly e alle ore 17,20 con l’incontro “La comunicazione nel mondo dell’Enogastronomia” durante il quale il giornalista Alberto Lupini racconterà la sua esperienza diretta. Domenica alle 15,50 inoltre, si terrà la presentazione del libro “Il respiro del Vino” del professore Luigi Moio, condotta da Cristiano Cini.

Nel corso dei due giorni sono altresì previste le attribuzioni del Premio Ambasciatore della Cucina Italiana a personaggi di rilievo del settore e, domenica sera, la premiazione del Food & Wine Contest indetto da AIS Toscana e Wine TV a cui seguirà la consegna della Borsa di Studio I Balzini.

Tre le aree in cui è organizzato l’evento: l’area Wine curata dai sommelier di AIS Toscana è interamente dedicata all’Eccellenza di Toscana, tasting di oltre 1000 etichette di circa 150 produttori toscani presenti nell’edizione 2018 della Guida Vitae edita da AIS a cui si aggiungono otto produttori provenienti dalle aree vinicole più importanti della Germania che introdurranno di fatto le Master Class di domenica 3, condotte da Cristiano Cini e Massimo Castellani e dedicate al Pinot Nero della Germania dei produttori Bernhard Huber e Friedrich Becker. I winelovers potranno  degustare i vini ai banchi d’assaggio individualmente o seguendo i sommelier di AIS nei Wine Tour alla scoperta delle varie espressioni enologiche della regione e chi vorrà provare l’esperienza di diventare sommelier sabato dalle 14 alle 15 e domenica dalle 11 alle 11,30 potrà seguire l’AIS Wine School, un Mini-corso che intende, in pochi passi, fornire all'appassionato del vino, le regole fondamentali di degustare vino.

Cucina innovativa e contemporanea con uno sguardo alla tradizione toscana sarà invece il main topic che farà da filo conduttore agli show cooking previsti sul palco centrale dell’area Toscana Food&Wine Experience e curati dall’Unione Regionale Cuochi Toscani: una importante vetrina dedicata alla cucina creativa con quindici chef da tutta la Toscana intervistati in tale occasione dalla giornalista enogastronomica Annamaria Tossani e Alex Revelli. Stesso palco anche per i talk show e le cooking class tematiche su cucina a bassa temperatura, biologico, cucina molecolare e senza glutine.

Si rinnova infine anche in questa terza edizione di Food & Wine in Progress la collaborazione con i Mixologist di Cocktail in the World i quali ospiteranno nello spazio a loro dedicato bartenders da tutto il mondo mentre prepareranno cocktail in tempo reale. Confermata la collaborazione con Coldiretti e Confcommercio Toscana - che raccoglieranno in uno spazio di esposizione e vendita una selezione di agricoltori di qualità, oltre al mondo dei panificatori di Assipan e dei macellai toscani di Federcarni – e Confartigianato Alimentazione Firenze.

A sottolineare il risvolto etico di questa edizione di "Food and Wine in Progress", grazie alla collaborazione con la Confcommercio Toscana ci sarà quest'anno anche lo stand di "Magna Grecia", un progetto di empowerment culturale e agroalimentare promosso dall'Associazione Culturale Emotion (che si ispira ai principi dell'ex sindaco di Firenze Giorgio La Pira) e legato ai territori del meridione d'Italia, che attraverso la produzione e commercializzazione di prodotti agroalimentari tipici e tradizionali cerca di dare riscatto a persone in difficoltà, nell'ottica di uno sviluppo sostenibile dove il lavoro è fonte di dignità delle persone, oltre che mezzo di tutela del territorio. A visitare lo stand, domani, l'assessore all'ambiente Alessia Bettini.
Nello stand di Magna Grecia saranno presenti piccoli e medi operatori provenienti dalle regioni dell'Italia meridionale che producono e commercializzano prodotti ed alimenti alcuni anche biologici da vini agli oli di oliva extravergine alle passate e marmellate, dal limoncello alla pasta artigianale, alle salse. Conoscere le singole tecniche di produzione delle varie referenze e poter fare una degustazione presso gli stand consentirà di assaggiare il meglio delle prelibatezze mediterranee. Domenica (alle 10) uno specifico show cooking presenterà il pizzolo sortinese, un eccellenza gastronomica che nasce da antiche origini neolitiche, per essere preparato oggi con paste di grani antichi, olio, origano, formaggi e farciture varie.

“Siamo contenti che un progetto virtuoso come quello di Magna Grecia sia ospitato questo fine settimana alla Leopolda da Food And Wine in Progress – ha detto l’assessore Del Re – Speriamo che questo debutto possa essere di ispirazione anche per altre realtà e possa far convergere produttori e consumatori, ciascuno per la propria parte, sui valori di uguaglianza, inclusione e tolleranza che sono alla base del Codice etico di Magna Grecia”. “Il progetto di Magna Grecia – ha sottolineato l'assessore Bettini – si rivolge a cittadini che ritengono fondamentali le variabili ambientali nella scelta dei propri acquisti, contribuendo alla diffusione di iniziative di politica ambientale. Questi sono i valori che prevede il suo codice etico sottoscritto dai partecipanti al progetto, fornitori delle eccellenze agroalimentari, ma anche con chi decide di acquistare i suoi prodotti, dando così vita ad un'esperienza nella quale tutti quanti i soggetti coinvolti hanno maturato la consapevolezza di contribuire alla diffusione di valori fondamentali, come l'inclusione e la tolleranza, e al rispetto della natura”.

A concludere la serata di sabato sarà Sparkling Party, l’evento esclusivo dal titolo le bollicine toscane incontrano gli chef stellati” nell’esclusiva area Alkatraz dalle ore 20.00, nell’occasione sarà presentato il nuovo numero della rivista Sommelier Toscana.

Redazione Nove da Firenze