Fisco: zero cartelle a Ferragosto

Dal 7 al 20 agosto a Firenze stop a 10 mila atti


Zero cartelle sotto l’ombrellone. Nel periodo di Ferragosto, Agenzia delle entrate-Riscossione sospenderà l’invio degli atti destinati a migliaia di contribuenti di Firenze e della Toscana, per ridurre al minimo i disagi in un periodo particolare dell’anno.

Dal 7 al 20 agosto l’Agenzia, guidata dal presidente Ernesto Maria Ruffini, ha disposto, d’intesa con gli operatori postali, il blocco della notifica di 36.381 atti che sarebbero altrimenti arrivati per posta, a cui aggiungere i 6.420 previsti con posta elettronica certificata (pec), per un totale, in Toscana, di quasi 43 mila cartelle e avvisi che invece saranno “congelati”.

La notifica riprenderà dopo il periodo di sospensione che, ovviamente, non sarà e non potrà essere un blocco totale perché alcuni atti inderogabili (circa 1.300) dovranno essere, comunque, inviati.

Ma veniamo al dettaglio dei numeri. A Firenze e provincia saranno sospesi complessivamente 10.762 cartelle e avvisi, a Livorno 5.109, a Lucca 4.998, ad Arezzo 3.591, a Grosseto 3.498, a Massa Carrara 3.331, a Pisa 3.281, a Pistoia 3.093, a Siena 2.662 e infine a Prato 2.476.

La Toscana con 42.801 atti sospesi è al 4° posto nella speciale classifica regionale “zero-cartelle” (esclusa la Sicilia dove Agenzia delle entrate-Riscossione non opera), seguita dal Veneto (27.858), preceduta da Campania e Lombardia. Al primo posto c’è il Lazio con circa 110 mila atti sospesi.

Tra le province, Firenze è al 5° posto subito dopo Torino, Napoli e Milano, mentre in testa troviamo Roma con 90.468 atti sospesi nelle due settimane di Ferragosto.

Redazione Nove da Firenze