Rubrica — Running

Firenze Marathon: ecco i Top Runners

Domenica la gara sui 42,195 km, si parte alle 8.30


Grande folla allo Stadio Ridolfi e presso gli impianti della palestra Marathon Wellness in viale Malta 10 per la seconda e conclusiva giornata del Marathon Expo, la rassegna mostra mercato sul mondo del runners e del fitness che introduce e precede la Firenze Marathon 2016 edizione numero 33. Vi sono transitati i quasi 9500 iscritti (molti con i rispettivi accompagnatori, familiari e amici) per ritirare il pettorale di gara e per visitare gli oltre 70 stand dell’esposizione. Presenti tra i vari appuntamenti il campione olimpico di maratona Stefano Baldini e Valentina Arrighetti, azzurra di volley. In mattinata all’attiguo stadio di atletica Ascis Firenze Marathon Stadium si è svolta la staffetta 30x1 chilometro Trofeo Mauro Pieroni vinta come l’anno scorso dalla squadra padrona di casa dell’Atletica Firenze Marathon, che si è così aggiudicata anche il Trofeo.

.Nel “Trofeo Conad – Il più veloce, più forte, più resistente di Firenze”, le gare di atletica riservate alle scuole elementari e medie vittoria tra le scuole elementari della Milite Ignoto; della Dino Compagni tra le medie; del Liceo Scientifico Gramsci tra le superiori. Sono stati oltre 1400 i partecipanti per la soddisfazione di dirigenti e tecnici dell’Atletica Firenze Marathon che hanno curato l’organizzazione.
LA MARATONA, LE CURIOSITA’

Domani la maratona, con partenza alle ore 8.30 da Piazza del Duomo con 9497 iscritti, di cui 1764 donne e 2423 stranieri in rappresentanza di 84 nazioni. Per quanto riguarda gli italiani, dalla Toscana il contingente più numeroso (2000) seguito dalla Lombardia (1289) e dal Lazio (827). Ventidue atleti compiranno gli anni nel giorno della maratona. In gara anche il sottosegretario Sandro Gozi, accompagnato da Franca Fiacconi, vincitrice della maratona di New York 1998.
I TOP ITALIANI E STRANIERI IN GARA

Presentati i top runners presso la sala stampa del Marathon Expo dal direttore tecnico della Asics Firenze Marathon Fulvio Massini che domani mattina tenteranno di vincere l’edizione numero 33 della maratona.
Con lui Luca Bacherotti, amministratore delegato di Asics: “Tutto il team Asics – ha detto – è impegnato a fare di tutto per far crescere la maratona di Firenze e per farlo in modo sostenibile per la città”.
“Quest’anno – ha ribadito invece Federico Veneroni, responsabile marketing di Asics – è iniziato un nuovo importante percorso per Firenze Marathon”.
“L’obiettivo con il cast di atleti che abbiamo invitato a correre qui sulle strade fiorentine – ha detto Massini - è quello di battere il primato della gara sia al maschile che al femminile. Tra gli uomini è di 2h08’40” ed è stato fissato nel 2006 dal keniano James Kutto. Ancora più datato quello femminile perché risale al 2002 quando s’impose la slovena Helena Javornik in 2h28’15”. Ci sono due lepri che tireranno la gara, una si fermerà alla mezza maratona e la seconda al trentesimo chilometro. Previsti i passaggi a metà gara in 1h04’ per gli uomini mentre in 1h14’ per le donne. Africani a parte abbiamo il piacere di avere l’azzurra, portacolori dell’Esercito, Fatna Maraoui che ci ha onorato della sua presenza e Dario Santoro Campione Italiano di Maratona del 2015”. Presente anche il campione uscente, il vincitore dello scorso anno Tujuba Beyu Megersa, che correrà col pettorale con la scritta Beyu, secondo cognome del padre.
Ed è proprio su Fatna Maraoui, azzurra portacolori dell’Esercito, che si ripongono le speranze di un piazzamento sul podio o magari una vittoria italiana a Firenze. L’ultima fu Giovanna Volpato nel 2008 che si aggiudicò la gara in 2h34’13”: “Una maratona – le dichiarazioni della Maraoui è lunga 42km sono tanti e bisogna dosare le energie. Sono curiosa di scoprire questo nuovo percorso e tenterò di tenere energie preziose per gli ultimi dieci chilometri. Non sono nelle condizioni fisiche ottimali in cui mi trovavo l’anno passato quando feci il primato personale. Scendere sotto le 2h30’ è un grande sogno e farò di tutto affinché si avveri. Ci proverò, così come voglio provare a vincere”.
In gara anche Dario Santoro, campione italiano 2015 di maratona: “Ho scelto Firenze – ha detto - perché è qui che feci l’esordio sulla distanza nel 2014. Mi piazzai dodicesimo assoluto, secondo italiano concludendo in 2h22’25” che ancora oggi è il mio primato personale. Quest’anno ho corso a Roma in primavera, ma qui a Firenze ho riscontrato una grande organizzazione, è un grande evento internazionale e voglio provare a migliorare il mio record, scendendo magari sotto il muro delle 2h20’. Farò una gara d’attesa fino al 30°km, sperando poi di trovare compagnia e stimoli per accelerare nell’ultima parte. E’ cambiato il percorso e sulla carta sembra molto tecnico. L’obiettivo c’è, gli stimoli anche, la voglia non manca”.
I TOP RUNNERS STRANIERI
Defezione per Oleksandr SITKOVSKIY, vincitore del 2013, che non ha potuto raggiungere Firenze a causa di scioperi aerei, confermati il numero 1 etiope Tujuba Beyu MEGERSA che proverà a difendere il titolo vinto l’anno scorso quando si presentò per primo sull’arrivo in piazza Santa Croce in 2h09’54”. Pettorale numero 2 per il keniano SIGEI Richard Kiprotich che nel 2015 ha fissato il suo personale con 2h08’28” alla maratona di Varsavia dove è giunto quinto. Pettorale 3 ancora per un altro keniano, CHERUIYOT Charles quarto a Varsavia quando fece 2h09’05” ancora oggi il suo primato personale.

Numero 4 per il keniano KIRUI Robert Kipkoech primo nel 2010 alla Maratona di Graz quando fece la sua miglior maratna in 2h13’31”. Pettorale numero 5 all’esordiente keniano KOCHEI Kevin Kipruto, classe 1989, che vanta la sua miglior prestazione in mezza maratona con 1h01’39” fatta a San Diego nel 2014. Esordiente anche il numero 6 CHEMJOR Vestus Cheboi, keniano, che ha 1h03’04” in mezza maratona nel 2010. Numero 7 all’etiope YADETE Teshome Shumi anche lui alla prima esperienza in Maratona dopo aver corso la sua migliore half marathon nel 2014 a Lille in 1h04’03”.

Numero 9 per il finlandese MANNINNEN Henri che ben conosciamo alla Firenze Marathon in quanto ha corso sia nel 2012 dove ha terminato in 9° posizione in 2h20’21” e nel 2013 quando concluse sempre in nona posizione in 2h19’09”.

Gara femminile che vede nella keniana F1 JEPKORIR Winny la favorita che vanta un buon 2h27’57” fatto nel nel 2014 come suo primato personale. Quest’anno ha corso a Varsavia in 2h34’36”. F2 all’etiope MOHAMMED Bizunesh Urgesa con 2h30’00” fatto in India a Mumbai nel 2014 e argento mondiale junior. F3 alla bielorussa IVANOVA Nastassia, maratoneta da 2h27’24” fatto a Dusseldorf nel 2012. F4 per l’ucraina LEHONKOVA Nataliya con 12 maratone all’attivo è forse quella con più esperienza tra le top runner della Firenzemarathon. Miglior maratona a febbraio di quest’anno quando in California a Santa Monica ha fatto 2h30’40” vincendo la gara, così come ha vinto alla maratona di Dublino nel 2015. In gara anche Sara Galimberti con F7 che farà l’esordio in maratona dopo tanta pista e qualche mezza maratona. La migliore è stata la Stramilano del 2015 quando fece 1h13’40” e si è piazzata in sesta posizione. Domenica scorsa ha vinto a Verona la Cangrande Half Marathon in 1h13’48” quindi sembra essere davvero in ottima forma.

I RIFERIMENTI
Record della gara maschile è del keniano James Kutto, che chiuse in 2h 08’40” nell’edizione 2006.
Record della gara donne è della slovena Helena Javornik: 2h 28’15” nell’edizione 2002.

Redazione Nove da Firenze