Rubrica — Running

Firenze Marathon 2017, arrivo in volata tra pioggia e freddo

Vittoria di Zelalem Bacha Regasa, portacolori del Bahrain, secondo di un soffio l’etiope Tadesse Mamo Temechachu L’azzurro El Mazhouri è quarto al debutto, ma non è sicuro di essere al traguardo e prosegue le gara di un centinaio di metri


La partenza asciutta è stata asciutta, poi la pioggia che è iniziata a cadere pochissimi minuti dopo il via e le temperature che si sono repentinamente abbassate fino a 7-8 gradi, mentre l’intensità della pioggia è andata aumentando. Un meteo che ha via via scremato gli atleti fino a farli poi giungere al traguardo stravolti dovendo fare appello a tutte le proprie risorse psicofisiche. Da sottolineare l’arrivo della gara maschile al fotofinish. A darsi battaglia con sprint fino all’ultimo metro in piazza Duomo sono stati Zelalem Bacha Regasa, portacolori del Bahrain, e l’etiope Tadesse Mamo Temechachu. Vittoria andata al 29enne esordiente Regasa, in 2:14:41 che ha inserito così per la prima volta nell’albo d’oro della Firenze Marathon l’Asia ed il Bahrain. Secondo Tadesse Mamo Temechachu con il medesimo tempo cronometrico, mentre è stato terzo il keniano Gilbert KiprutoKirwa in 2:16:38. 

Primo italiano è stato il portacolori delle Fiamme Gialle Ahmed El Mazoury, che per la prima volta ha completato la distanza,che ha concluso in quinta posizione, in 2:24:09, sedicesimo riscontro cronometrico nelle liste italiane di sempre.
Primo atleta toscano è stato Luca Tocco del GP Parco Alpi Apuane, ottavo in 2’27”17.


Podio tutto etiope per la gara femminile corsa su ritmi quasi da primato della gara e che ha visto un bel duello tra la vincitrice Arissi Dire Tunee la giovanissima, vent’anni compiuti ieri, Sorome Negash Amente e quest’oggi all’esordio in maratona e in una gara in Europa. Tra le due è stata sfida spalla a spalla fino al 40° km quando Arissi Dire Tune ha continuato imperterrita sul suo ritmo per finire e vincere in 2:28:55, terzo tempo di sempre a Firenze, mentre l’Amente è crollata prendendo circa 50” di distacco nei 2km finali e chiudendo comunque col sesto tempo di tutti i tempi fatto da una donna a Firenze. Seconda posizione quindi per lei, in 2:29:46. Conclude terza Mesera Hussen Dubiso in 2:32’05” (15esima nelle graduatorie di sempre a Firenze), mentre quarta è stata la britannica Elinor Kirk, anche lei entra tra le top 50 a Firenze col suo 2’36”22.,
Prima italiana, ottava, la vicentina Maurizia Cunico, in 2:53:51.
Prima atleta toscana, seconda italiana, e decima donna assoluta è stata Anna Laura Mugno dell’Orecchiella Garfagnana, che ha chiuso poco dopo, in 2:54’48”, al debutto sulla distanza. Seconda toscana Barbara Dorè dell’Atletica Signa (3’01”19).

8428 classificati nel tempo limite
I classificati ufficiali nel tempo limite sono stati 8428, terzo risultato di tutti i tempi a Firenze per i finisher, nonostante le avverse condizioni meteo.
Alle 8.30 erano partiti da piazza Duomo 8970 atleti, il via dato dal sindaco di Firenze, Dario Nardella

Per gli uomini il passaggio alla mezza maratona è stato di 1:04:48 da parte del plotone di africani e del vincitore asiatico Regasa che ha iniziato a fare la differenza seguito solo da Tmechachu verso il 35 km. Gara regolarissima invece per le tre donne del podio che sono passate a metà maratona tutte insieme in 1:27:29 già con qualche secondo sulle restanti avversarie. Stesso copione, sempre insieme anche al passaggio, al 30km dove sono transitate in 1:45:13, e al 35 km, con 2:03:08 per poi fare la differenza negli ultimi due chilometri da parte di Arissi Dire Tune.

Il primo italiano El Mazhouri non aveva capito di essere arrivato

“Non avevo capito che fosse finita – ha detto a fine gara El Mazhouri, che ha proseguito per un centinaio di metri oltre il traguardo, èd è stato rincorso, fermato e riportato indietro dagli addetti della maratona – non sono tanto contento della mia prova e del riscontro cronometrico. Sono rimasto presto solo, già al ventesimo chilometro, poi il vento mi ha anche stravolto tutta la tecnica di corsa. Le condizioni di gara erano pessime, penso che peggio di così non potevano essere. E’ comunque la prima maratona che finisco, è un punto di partenza soprattutto, più che di arrivo”. Lo rincuora il suo tecnico, Ruggero Pertile: “Adesso abbiamo degli elementi e dei dati su cui lavorare. In queste condizioni credo che abbia fatto una buona prova. Partiamo da qui per programmare il futuro. Questa gara sicuramente gli ha insegnato qualcosa” ha concluso Pertile. 

Tra i diversamente abili bis di Christian Giagnoni di Prato

Come sempre alla Firenze Marathon tanta attenzione anche alla competizione riservata ai Diversamente Abili. Per il secondo anno consecutivo si è imposto Christian Giagnoni, atleta pratese del Team Giletti, che arriva in piazza Duomo in 1:20:01 davanti a Dario Bartolotta che conclude in 1:21:51. Terzo gradino del podio per Fabrizio Caselli in 1:22:40. Poi Roland Ruepp, Alberto Glisoni e Pier Alberto Buccoliero tra i primi 20 arrivati. Con Alex Zanardi a sua volta sulle strade di Firenze in carrozzina anche lui per assistere gli atleti di Obiettivo 3, che provano a tentare la partecipazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Gara femminile che ha visto il successo di Laura Bassi in 2:17:31, secondo posto per Grazia Colosio: 2:19:15.


Qui la classifica riservata alla categoria Diversamente Abili: https://goo.gl/qQ3Dme

Al traguardo Borjia Valero
Presente al traguardo anche l’ex centrocampista della Fiorentina, ora all’Inter, Borjia Valero, che già nel 2012 era stato presente al Marathon Expo, e che attendeva la moglie Rocio Rodriguez che ha corso la sua prima maratona della sua carriera podistica. Con lui anche il capocannoniere del campionato Maurito Icardi, con la moglie Wanda Nara. “Non potevamo non scegliere Firenze per la nostra prima maratona”, ha detto Rocio Rodriguez. I due giocatori erano reduci dalla partita in notturna anticipo di campionato tra Inter e Cagliari, un treno preso di notte e l’arrivo a Firenze.

GINKY FAMILY RUN
Si è corsa, con partenza alle 9 sempre sotto una pioggia battente, anche la Ginky Family Run, organizzata in collaborazione con Atletica Firenze Marathon, con oltre un migliaio di ragazzi e adulti al via. Primo al traguardo dopo due km, Lucas Affortunati di 14 anni degli Assi Giglio Rosso di Firenze. Secondo Gabriele Gamboni, 13 anni, dell’Atletica Calenzano. Terzo Cosimo Nutini, 13 anni, dell’Atletica Calenzano.
Per quanto riguarda la sezione femminile, sul podio Alice Nutini, 15 anni, dell’Atletica Calenzano, poi. Emma Calero, 15 anni, e Silvia Minniti, 13 anni della Atletica Firenze Marathon.
La Ginky Family Run è la corsa/passeggiata di due chilometri aperta ad adulti e ragazzi, con partenza ed arrivo in piazza della Repubblica.
Per la prima volta in piazza è stato creato, un Villaggio a tema, con la presenza, tra gli altri, di Cocco e Pinna, della trasmissione televisiva Pechino Express. Il via è stato dato da Maria Federica Giuliani della Commissione sport e cultura del Comune di Firenze.

Immagini della manifestazione si possono visionare online sulla pagina ufficiale di Facebook Firenze Marathon

IN TV
Tutta la scansione dell'evento (e ulteriori aggiornamenti) si può ripercorrere su Facebook (sulla fan page di Firenze Marathon), e sul sito internet ufficiale www.firenzemarathon.it.

Toscana Tv proporrà due puntate speciali di "Runners, Sport e Benessere" tutte dedicate alla Firenze Marathon giovedì prossimo 30 novembre e giovedì 7 dicembre a partire dalle ore 22.30 sul canale 18.


Qui il LINK ALLE CLASSIFICHE: RISULTATI-CLASSIFICHE TDS-LIVE

Qui il video in un minuto dell’evento: https://youtu.be/nVaszGZnIKk

Appuntamento con la prossima Firenze Marathon il 25 novembre 2018, quando si svolgerà la edizione numero 35, con la novità annunciata della nuova sede del Marathon Expo allestito alla Stazione Leopolda il 23 e il 24 novembre.

Redazione Nove da Firenze