Firenze: in Piazza Santa Croce la manifestazione "Io voto No"

Per lanciare un messaggio contro la riforma oggetto del referendum costituzionale del 4 dicembre e una critica alle politiche del governo Renzi. Migliaia di militanti della destra mobilitati. Dal palco, gli interventi di Giorgia Meloni e Matteo Salvini, contro l'immigrazione, la crisi del lavoro, la sudditanza agli organismi europei e gli interessi della finanza


FOTOGRAFIE — (DIRE) Roma, 12 nov.- "Ora sul palco salgono due grandi sindache che lavorano benissimo. E per essere brave sindache, cara Boldrini, non servono le quote rosa, la ''o'' oppure la ''a'' finale. Quelle servono solo per quella poveretta che e'' presidente della Camera. Sono state elette in quanto persone in gamba, non in quanto donne". Cosi'' Matteo Salvini, dal palco di Firenze.

"Renzi non parla con nessuno che ha meno 95 anni. Pare che abbia scritto anche alla mummia di Tutankamon chiedendogli di venire a fare un confronto sulla Costituzione. Perche'' non ti confronti con noi Matteo? C''e'' gente della tua generazione qui". Lo dice Giorgia Meloni, parlando dal palco di Firenze.

"Berlusconi in questa piazza c''e'' nel senso che se non ci fosse stato Berlusconi non ci sarebbe neppure questa piazza. Questa piazza e'' figlia di ventidue anni di governo del centrodestra e di opposizione del centrodestra che deve trovare una strada nuova, un suo percorso di rinnovamento, degli elementi di piattaforma politica rinnovati". Cosi'', il governatore della Liguria Giovanni Toti a margine della manifestazione odierna della Lega Nord per il ''no'' al referendum costituzionale che si sta tenendo in piazza Santa Croce a Firenze. Il centrodestra "ha una classe dirigente che e'' cresciuta nei quartieri, nei comuni, nelle regioni, che vuole dire le proprie ragioni e si candida ad essere classe dirigente del domani- aggiunge Toti-. Si tratta di un percorso di rinnovamento che dovremmo fare, ma non bisogna neppure scordarsi la storia che abbiamo costruito in questi 22 anni, le intuizioni del presidente Berlusconi di riunificare il centrodestra, e tutto questo e'' coerente con il futuro del centrodestra". Su questo Toti lancia un monito: "Bisogna rinnovarsi e creare un''alleanza fra tutte le anime che si ritrovano coerenti in una piattaforma politica che esiste da 22 anni".

"Se vince il no Renzi deve andare a casa, non c''e'' possibilita'' di trucchi, inciuci, Nazareni bis o governi di scopo. Venga in Italia il metodo Trump: lo tsunami che ha colpito gli Stati Uniti arrivi da noi e mandi a casa chi usurpa il potere senza essere mai stato eletto. Via il Matteo sbagliato, ben venga il Matteo giusto". Cosi'' il governatore della Lombardia Roberto Maroni, parlando dal palco di Firenze.

"Siamo qui per dire no alla pessima riforma costituzionale. Dicono che la riforma fa risparmiare 40 milioni, ma lo sapete quanto e'' costato il nuovo aereo di Renzi? Ecco, la riforma ce la siamo gia'' fumata in quell''aereo e nel suo carburante". Lo dice il governatore della Liguria Giovanni Toti, parlando dal palco di Firenze.

"In questa piazza piena di popolo puo'' nascere la speranza di un centrodestra unito e radicato nei valori della sovranita'' e dell''identita'' nazionale". Lo ha detto Gianni Alemanno (Azione Nazionale), presente alla manifestazione della Lega Nord per il No al referendum a Firenze. Una delegazione di Azione Nazionale ha raggiunto piazza Santa Croce con uno striscione con scritto ''Sovranita'' popolare'', e Alemanno e'' stato accreditato sul palco insieme ad alcuni sindaci di Azione Nazionale. "La manifestazione di oggi e'' un avviso di sfratto per Matteo Renzi e dimostra una grande capacita'' di entrare in sintonia con la nuova epoca iniziata con l''elezione di Trump alla presidenza Usa", ha aggiunto Alemanno.

"Convinto come sono sempre stato della forza politica delle alleanze e di quanto sia necessario stare insieme per essere credibilmente alternativi alla sinistra, sono dispiaciuto, anche da toscano, di non poter essere oggi a Firenze alla manifestazione organizzata dalla Lega perche'' mi trovo in Sardegna, a Nuoro, per un''altra manifestazione sulle ragioni del ''NO''. Un forte e unitario messaggio politico da Firenze e'' importante e sarebbe di buon auspicio per aprire un''altra grande stagione di successi per il centrodestra". Lo dichiara il senatore di Forza Italia, Altero Matteoli.

"È un''emozione incredibile, una piazza bella, pulita, ordinata, giovane, costruttiva. Mi hanno detto ''sei matto, piazza Santa Croce e'' enorme, la riempiva solo Berlinguer''. Non faccio i conti" delle presenze, "so che mi ha dato un''energia incredibile". Cosi'', il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini parlando coi giornalisti al termine della manifestazione per il ''no'' in piazza Santa Croce a Firenze.

"Lanciamo un messaggio di futuro e di speranza agli italiani, alternativo a Renzi alle sue pessime riforme, noi cominciamo la nostra marcia. Io ieri ho girato in lungo e in largo le terre del terremoto, li'' non stanno dibattendo sul si'' o sul no al referendum. Li'' hanno il problema che gli arrivano dei container coi bagni, coi water fuori e a dicembre fa freddo". Lo spiega il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini parlando coi giornalisti a margine della manifestazione odierna per il ''no'' al referendum, in piazza Santa Croce a Firenze. "Quindi- prosegue-, non vedo l''ora che gli italiani boccino questa pessima riforma e, poi, noi dobbiamo proporre un''alternativa che non guardi al passato. Legge delle interviste, in base alle quali Berlusconi non esclude collaborazioni con Renzi o con altri se vince il ''no''. Ecco- ammonisce Salvini-, noi invece vogliamo che gli italiani votino il prima possibile".

"Diciamo no a Salvini e sia chiaro una cosa, non esiste un fronte del no" alla riforma costituzionale. "A questa lettura semplicistica non ci stiamo". Lo sottolinea in piazza dei Ciompi Davide Pinelli, del Cpa e Firenze antifascista, alla partenza della contromanifestazione indetta da collettivi, studenti, centri sociali e sindacati di base, nel giorno della manifestazione di piazza Santa Croce della Lega Nord. "Negli ultimi 30 anni la Lega e'' sempre stata al governo o quasi, per questo la sua posizione in vista del referendum e'' strumentale e opportunista. La verita'' e'' che vogliono ritagliarsi uno spazio di governo dividendo gli italiani dagli immigrati che scappano dalla guerra. Soffiano odio e spingono al conflitto tra poveri e noi siamo qui a smascherarli". Sabato scorso sempre a Firenze al corteo per il no e contro il presidente del Consiglio Matteo Renzi, impegnato nella Leopolda, gli scontri di piazza San Marco con le forze dell''ordine. "Oggi non ci interessa arrivare in piazza Santa Croce. Facciamo un giro del quartiere per ribadire il nostro no al fascismo leghista". Il corteo, forte di alcune centinaia di persone, e'' appena partito scandendo il coro "fuori la Lega da Firenze, quella e'' la piazza del razzismo".

La contro manifestazione convocata a Firenze per dire "no a Salvini e alla Lega" procede tranquillamente per le vie del centro storico. Continui i cori contro il Carroccio e il suo leader. Tema ricorrente anche la lotta "al fascismo leghista". Il corteo, sulle note di "Bella ciao" sta per giungere nei viali di circonvallazione all''altezza di piazza Beccaria chiuso al traffico in direzione dell''Arno. La manifestazione percorrera'' un breve tratto nell''arteria stradale cittadina, poi svoltera'' a destra in via dell''Agnolo per raggiungere nuovamente piazza dei Ciompi, lí dove e'' partita la protesta.

Tornata in piazza dei Ciompi si e'' chiusa la manifestazione contro la Lega Nord e il popolo del Carroccio convocato da Matteo Salvini in piazza Santa Croce. Poco prima del ''rompete le righe'', dal corteo composto da circa 500 persone- arrivato tra via dell''Agnolo e via Verdi, il punto piu'' vicino tra le due iniziative- sono stati accesi diversi fumogeni. Durante il percorso, dopo le dichiarazioni rilasciate prima della partenza, i giornalisti sono stati sempre tenuti a distanza dal servizio d''ordine degli organizzatori della protesta.

"Eccolo il centrodestra unito di Salvini e company. A Padova cade il sindaco leghista Bitonci perche'' 17 consiglieri comunali hanno fatto un passo indietro dopo mesi di scontro tra Lega e Forza Italia. E come se non bastasse il sindaco di Venezia, Brugnaro, annuncia che votera'' Si'' al referendum. Qualcuno dovrebbe avvisare Matteo Salvini che mentre e'' in gita a Firenze, sta perdendo pezzi in tutta Italia". Lo dichiara il senatore del Pd Franco Mirabelli.(Dig/ Dire)

Redazione Nove da Firenze