Firenze, i residenti ricordano piazza dei Ciompi

​Martedì 18 Ottobre 2016, ore 12.00, negozio “Cose Vecchie” in Piazza dei Ciompi 19


 Piazza dei Ciompi è ancora rinchiusa, in attesa di giudizio. Il futuro del Mercatino delle Pulci è un rebus.
C'era una volta una piazza occupata "temporaneamente" da baracche in legno e lamiera; diventata in oltre 50 anni di storia meta turistica di particolare pregio grazie o a causa di una trentina di ambulanti a posto fisso tra antiquari e rigattieri, artigiani e robivendoli è stata infine liberata dal demonio dell'amianto. 
Tanti anni di attesa avevano fatto supporre un grande lavoro di programmazione dietro le quinte affinché dopo l'avvenuto sgombero non vi fosse l'abbandono neppure per un giorno della piazza. Supposizione errata.

L'incontro pubblico promosso da un gruppo di residenti del quartiere Sant'Ambrogio Santa Croce e da alcuni operatori del Mercato delle Pulci intende richiamare l'attenzione su un luogo che, negli anni, ha rappresentato una attrazione suggestiva in special modo nel periodo invernale durante lo 'struscio' tra via Gioberti e piazza Beccaria, Borgo La Croce e Borgo Albizi sino a Via del Corso e piazza della Repubblica.
L'area mercatale diventerà il Punto Ristoro del centro storico come piazza del Food e Beverage? Quale destino attende il quadrilatero che un tempo ospitava il Circo fiorentino del Gratta? 

L’incontro il 20 ottobre, alle ore 21.00, presso la sede Arci Di Piazza dei Ciompi.
Interverrà anche Roberto Masini, Presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze.

Fanno sapere gli organizzatori che "Si parlerà della riqualificazione della Piazza e del Futuro del Mercato delle Pulci; e al Sindaco Nardellache non ha risposto al nostro invito – continueremo a chiedere di spiegare e motivare, finalmente, con chiarezza, perché la sua Amministrazione intende trasformare l'identità di un luogo storico, cruciale per la vita del quartiere".

Antonio Lenoci