Rubrica — In cucina

Firenze: dove hai fatto la spesa? Alla stazione di S.M. Novella

Fotografie di Alessandro Rella

Vyta Fine Food, nel piano interrato della Stazione di Santa Maria Novella, offre degustazioni di vini e cibi di qualità ai viaggiatori, ma anche tutto l'occorrente da portare a casa


FIRENZE- Oggi VyTA Fine Food ha invitato nel piano interrato della Stazione di Firenze, un pubblico di addetti ai lavori ad un aperitivo per presentare la nuova realtà “Vyta Santa Margherita”, con la degustazione dei prodotti del gruppo vinicolo.

VyTA Santa Margherita è un moderno Coffee, Bakery & Fine Food bar che si distingue per la ricercatezza del format e la qualità dei prodotti offerti. I negozi-boulangerie della catena sono già ubicati alla Casa del Cinema di Villa Borghese e in grandi stazioni ferroviarie quali Roma Termini, Milano Centrale, Torino Porta Nuova, Napoli Centrale e Venezia Santa Lucia, oltre a un negozio in apertura al Covent Garden di Londra.

Alla stazione SMN il “punto di ristoro” Vyta Santa Margherita è in realtà un locale che permette al viaggiatore, ma anche ai fiorentini di trovare un break d’eccellenza, a partire dalla qualità delle materie prime: dal caffè con brioche della mattina all’aperitivo prima di cena. E la risposta è di soddisfazione. Il negozio di Firenze ha già realizzato nel primo anno di attività il maggior fatturato della catena di negozi. Grazie alle confezioni regalo per i clienti in partenza, ma evidentemente anche per la spesa di pronto consumo fatta dai tanti fiorentini, che hanno saputo apprezzare la denominazione di origine dei prodotti offerti, come ad esempio la macelleria della famiglia Falorni.

Santa Margherita si affianca così a Retail Food, la società di proprietà di Nicolò Marzotto, azionista del Gruppo Zignago Santa Margherita. Questa nuova joint venture porta infatti nelle grandi stazioni italiane vini delle case partner: dall'Alto Adige con Kettmeir, al Veneto con Santa Margherita, alla Toscana con Lamole di Lamole e Sassoregale, alla Sicilia con Terreliade. Tutte etichette del gruppo vinicolo Santa Margherita, nato nel 1935 per volontà del conte Gaetano Marzotto.

I prodotti enogastronomici in vendita e il menu selezionato basterebbero a differenziare VyTA dal “solito bar” della stazione. Ma il concept a Firenze si esprime anche con un un'eleganza formale e rigorosa degli arredi, frutto di un ricercato minimalismo che dialogano con lo stile razionalista del progetto architettonico della stazione di Giovanni Michelucci. Contrasti materici e cromatici sul tema del nero: legno di rovere e rame per creare un ambiente emozionale. E due grandi vulcani rovesciati per mascherare le cappe di aspirazione, in armonia con l'ambiente architettonico che ospita il negozio.

Una qualità che costa qualche euro in più, ma che consente di approfittare di uno spazio tranquillo, dove degustare prodotti e relazioni umane, in un posto come una stazione, solitamente considerato un «non luogo».

In cucina — rubrica a cura di Nicola Novelli

Nicola Novelli

Nicola Novelli — Fondatore e Direttore responsabile di Nove da Firenze, dal 1997 il primo giornale on line fiorentino. Laureato in Scienze Politiche è giornalista pubblicista dal 1989. Dal1999 presiede Comunicazione Democratica, associazione di promozione sociale che edita www.nove.firenze.it. Per 5 anni consigliere regionale dell'Ordine dei Giornalisti della Toscana

E-mail: direttore@nove.firenze.it