Firenze ad Alta Velocità: a febbraio lo scavo, terre a Santa Barbara

A febbraio lo scavo per il passante ferroviario dell'alta velocita' del nodo di Firenze


 Parere favorevole all'aggiornamento del piano di utilizzo delle terre e rocce da scavo proposto da Nodavia per la realizzazione del passante e della nuova Foster con HUB. Arriva l'attesa soluzione tecnica e burocratica sul nodo fiorentino che apre la strada alla fresa conferendo le terre verso il villaggio situato nel Valdarno Superiore, frazione del comune di Cavriglia, provincia di Arezzo.

Nel nulla osta anche prescrizioni riguardanti i siti di stoccaggio temporanei, il sito di destinazione finale e la gestione dei terreni scavati
 L'Agenzia DIRE riporta una nota ministeriale nella quale si fissano "i tempi per l'avvio dell'attività di escavo, gestione e riutilizzo delle terre e rocce nei siti di deposito temporanei e in quello definitivo di Santa Barbara ed una serie di indicazioni necessarie per le fasi in corso e post operam". 

"Ringrazio il ministro Galletti per avermi tempestivamente informato di questa nuova importante notizia che riguarda un'altra opera pubblica strategica del nostro territorio" questo il commento del sindaco di Firenze, Dario Nardella  che con l'AD del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Renato Mazzoncini e l'AD di Rfi Maurizio Gentile ha svolto un sopralluogo sull'area di cantiere.

Non ci sarebbero più ostacoli, adesso. "Crediamo che non vi siano altri ostacoli - sottolinea il primo cittadino del capoluogo toscano - alla continuazione e completamento di questa opera così come aggiornata la scorsa estate nell'accordo tra Fs, Ministero dei Trasporti, Regione e Comune, che prevede oltre alla realizzazione della nuova Stazione dell'Alta Velocità ferroviaria, in affiancamento alla Stazione Santa Maria Novella, anche la realizzazione dell'Autostazione dei bus turistici e trasporto extraurbano. Avremo in un unico punto lo scambio intermodale fra tre modalità di trasporto: tramvia, trasporto pubblico locale su gomma e ferrovia".

I tempi anticipati dall'AD Mazzoncini a margine della presentazione dei nuovi convogli trenitalia in piazza della Repubblica a Firenze: a febbraio la ripresa del cantiere aCampo di Marte da dove dovrebbe partire la fresa in direzione via Circondaria. Già a fine anno ed a gennaio le operazioni propedeutiche sul viale Montelungo tra Santa Maria Novella e la Fortezza da Basso per la messa in sicurezza dei bastioni in vista del sottoattraversamento del sito.

Redazione Nove da Firenze