Firenze 2018: l'anno della Tramvia ed altre opere

Il sindaco incontra i giornalisti per gli auguri di fine anno


Il primo cittadino, sindaco di Firenze e Presidente della Città Metropolitana, Dario Nardella ha accolto la stampa locale in Palazzo Vecchio.
Nella Sala di Lorenzo de' Medici un rapido bilancio dell'anno che va concludendosi con alcune vittorie per l'Amministrazione come la VIA sul nuovo Aeroporto, la soluzione sul conferimento delle terre e rocce da scavo per la realizzazione del Tunnel e della nuova Stazione con HUB dell'Alta Velocità e soprattutto la conclusione dei cantieri per la Linea 2 e 3 della Tramvia.

"Sarà l'anno delle tramvie - annuncia Nardella - se non ritroviamo lo scheletro di un animale estinto nella preistoria, possiamo dire di aver superato tutti gli ostacoli e di intravedere la conclusione di un'opera che subito dopo sarà preludio, abbiamo già le risorse economiche, della Linea 4 Leopolda - Piagge e della variante alla Linea 2 per arrivare al Polo di Sesto Fiorentino".

Altre Grandi Opere. "Verrebbe da dire che Babbo Natale è passato in anticipo con due buone notizie: la prima sull'Aeroporto, la seconda sulla TAV. Con la VIA si autorizza la realizzazione del progetto per la nuova pista con inizio dei lavori entro il 2018 e significherà potenziare il sistema, promuovere il turismo ed aiutare le imprese. Il Ministero dell'Ambiente ha poi risolto una vicenda che per anni ha rallentato l'Alta Velocità che nell'assoluta legalità potrà riprendere con la realizzazione di Stazione ed Autostazione e con la realizzazione del Tunnel".

Sul fronte del nuovo Stadio di Firenze Nardella si limita a ricordare la cronologia dei fatti, ovvero le azioni messe in campo da Palazzo Vecchio per assecondare le richieste della famiglia Della Valle, dalla scelta dell'area Mercafir, dall'ampliamento dello spazio, poi l'opzione di Castello ed il lavoro tecnico sul piano urbanistico affinché vi siano i presupposti burocratici per accogliere il progetto. Già, il progetto. Su quel fronte è giunta agli uffici comunali la richiesta di una proroga, saranno adesso i tecnici a dover valutare lo stato di avanzamento della progettazione e concedere un tempo limite.

Nardella aggiunge inoltre "Il 2018 sarà l'anno buono per risolvere il problema della Moschea a Sesto Fiorentino".

Un lungo intervento da parte del sindaco anche sull'informazione, sulla necessità di una corretta comunicazione. Davanti ad una campagna elettorale che sembra aver scoperchiato il calderone delle Fake News anche il primo cittadino di Firenze invita alla massima cautela, alla verifica delle fonti, ad instaurare rapporti collaborativi con le istituzioni in maniera da poter arginare il fenomeno, che si sono recentemente verificati a Firenze, dell'errore di massa attraverso la divulgazione di allarmi ingiustificati e di notizie prive di fondamento.
Un appello alla deontologia da una parte, dunque, ed una mano tesa dall'altra all'editoria attraverso una serie di iniziative, rivolte per lo più alla carta stampata, come ad esempio gli aiuti fiscali alle edicole e la concessione gratuita del suolo pubblico a bar e tabaccherie per l'esposizione delle locandine, ovvero le prime pagine dei quotidiani distribuiti sul territorio.

Redazione Nove da Firenze