Rubrica — Europe Direct

Festival d’Europa 2017: gli altri eventi

I 30 anni di Erasmus. Il ruolo dell’European University Institute: Come l'Europa ci cambia la vita


L’European University Institute (EUI) sostiene il profilo internazionale della quarta edizione del Festivald’Europa organizzando la conferenza annuale The State of the Union, momento centrale del calendario delFestival. La conferenza, dal titolo “Building a People’s Europe” si svolgerà il 4 maggio alla Badia Fiesolana e il 5 maggio a Palazzo Vecchio, per concludersi con una giornata aperta a tutti i cittadini il 6 maggio, a Villa Salviati, sede degli Archivi Storici dell’Unione Europea. Inoltre, l’EUI, in occasione delle celebrazioni del 60° anniversario dei Trattati di Roma, promuove quest’anno la rassegna musicale Sounds of Europe,la mostra itinerante “Un’Europa sempre più unita” e il progetto “Un Nuovo Trattato per l’Europa”. Quest’anno The State of the Union, giunta alla settima edizione, affronterà il tema della cittadinanza europea che abbraccia un ampio spettro di questioni rilevanti per il futuro dell’Europa: l’emergenza globale dei rifugiati, il futuro della cittadinanza europea, la libera circolazione dei cittadini, l’integrazione economica e monetaria, le conseguenze della Brexit per i cittadini europei, le prospettive e le sfide dell’integrazione europea a sessant’anni dalla firma dei Trattati di Roma. Tra i relatori, per citare alcuni nomi, saranno presenti: il Presidente del Senato della Repubblica Italiana Pietro Grasso; il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni; il Ministro degli Esteri italiano Angelino Alfano; il Sottosegretario con delega agli Affari Europei Sandro Gozi; la Presidente dell’Estonia Kersti Kalijulaid; il Presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani; il Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk; il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker; l’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini; il Ministro svedese per gli Affari Europei Ann Linde; i Commissari Tibor Navracsics e Vera Jourova; il Capo Negoziatore della Brexit per la Commissione Europea Michel Barnier; il Presidente della Banca Europea per gli Investimenti Werner Hoyer.

L’Open Day del 6 Maggio, che si terrà come momento conclusivo della conferenza, proporrà un programma ricco di eventi culturali e di attività ricreative volte a festeggiare la giornata dell’Europa. Villa Salviati, sede degli Archivi Storici dell’Unione Europea, aprirà le porte dalle 10.00 alle 17.30 con mostre, concerti e visite guidate.

Nel contesto dell’Open Day, si terrà il concerto dell’Orchestra Cupiditas, parte della rassegna Sounds ofEurope, realizzata con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze e in collaborazione con la Scuola di Musica di Fiesole, sotto la direzione artistica di Matelda Cappelletti e con la partecipazione delle più importanti realtà culturali del territorio come sedi ospitanti dei concerti. Gli altri concerti programmati per il mese di maggio saranno quello dei Datura Brass (quartetto di ottoni) a Le Murate il 18 maggio e quello di Gabriele Putzulu (chitarra) presso il Centro de Lengua Española di Firenze, il 26 maggio.

La mostra itinerante intitolata “Un’Europa sempre più unita – l’Eredità dei Trattati di Roma per l’Europa di oggi, 1957-2017” è organizzata dagli Archivi Storici in collaborazione con il Parlamento Europeo, il Consiglio dell'Unione Europea, la Commissione Europea, la Presidenza Italiana del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l'Agenzia Nazionale ANSA. Disponibile in 29 lingue, la mostra è strutturata in 14 pannelli che riproducono documenti e immagini, accompagnati da didascalie informative. Inaugurata il 16 marzo 2017, la mostra toccherà moltissime località in tutta Europa e nel mondo. Dal 28 aprile al 12 maggio, la mostra sarà ospitata dallaBiblioteca di Scienze Sociali dell’Università di Firenze. L’inaugurazione ufficiale della mostra si terrà il3 maggio alle ore 9.00.

Infine, nell’ambito del proprio progetto formativo, gli Archivi Storici dell’Unione Europea insieme a Firenze Città Metropolitana e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri hanno organizzato il concorso “Un Nuovo Trattato per l’Europa”, per il quale gli studenti delle superiori sono stati coinvolti nella scrittura di un trattato di riforma della scuola e dell’università europea con l’obiettivo di far conoscere la storia dell’integrazione europea attraverso i documenti originali conservati presso gli Archivi Storici, sviluppare conoscenze sulle politiche e le istituzioni dell’Unione Europea ed educare alla cittadinanza europea attiva e responsabile. Il momento centrale di questo progetto sarà la premiazione delle 3 classi vincitrici (primo premio alla 5D dell’Istituto d’istruzione superiore statale “Elsa Morante”, secondo premio alla 5A del Liceo Linguistico del Liceo Statale “Giovanni Pascoli”, terzo premio alla 4B del Liceo Classico dell’Istituto di Istruzione Superiore “Virgilio”) che avverrà il 4 maggio presso gli Archivi Storici dell’Unione Europea a Villa Salviati, alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso. La classe prima classificata parteciperà inoltre ad un viaggio a Roma nell’ambito dei festeggiamenti per i 60 anni dei Trattati di Roma; la seconda classificata parteciperà a The State of the Union il 4 e il 5 maggio; la terza classificata parteciperà all’Open Day di Villa Salviati il 6 maggio.

Il programma Erasmus compie 30 anni

È un anniversario importante per una storia di successo che è stata un’esperienza reale di cittadinanza europea per quasi 9 milioni di persone dal 1987 a oggi. La partecipazione al Festival d’Europa a Firenze dal 7 al 9 maggio rappresenta il momento principale per le celebrazioni organizzate dalle Agenzie Erasmus+ INDIRE, INAPP e ANG con un ricco programma di eventi e iniziative. Nel centro di Firenze, in Piazza SS. Annunziata, sarà allestito lo Spazio Erasmus+, con uno stand dove le tre Agenzie saranno a disposizione per informazioni su tutte le opportunità del programma e un palco per le esibizioni di scuole, università, accademie, conservatori e di gruppi teatrali legati a Erasmus+. Domenica 7 dalle 18, l'inaugurazione della manifestazione con l'esordio assoluto dell’Orchestra Erasmus, composta da studenti Erasmus di conservatori e istituti musicali da tutt’Italia. L'orchestra suonerà assieme all’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, in memoria delle giovani ragazze vittime lo scorso anno nell’incidente stradale di Freginals, in Spagna. Dopo il concerto ci sarà una performance dell’Accademia nazionale di Danza di Roma. Durante i tre giorni sono in programma sei diversi workshop tematici dove si parlerà di innovazione a scuola, gemellaggi elettronici, tirocini, multilinguismo, opportunità di carriera presso le istituzioni europee, inclusione sociale, volontariato europeo ed educazione degli adulti. Il 9 maggio, l'evento centrale sarà la Conferenza “Erasmus+ e il futuro dell’Europa” nel Salone de’ Cinquecento di Palazzo Vecchio alle 9, dove sarà consegnata la Carta della Generazione Erasmus, il documento politico-culturale elaborato dagli studenti ed ex studenti Erasmus che hanno partecipato agli Stati Generali della Generazione Erasmus per avviare un dialogo sui maggiori temi di interesse per il futuro dell’Europa. Parteciperanno, tra gli altri, la Ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e il Sottosegretario con delega agli Affari europei, Sandro Gozi. La conferenza prevede anche una tavola rotonda con la partecipazione di rappresentanti istituzionali italiani e europei, fra cui il Sottosegretario del Ministero dell’Istruzione, Gabriele Toccafondi e il Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Bobba, oltre a una selezione di storie di successo raccontate da alcuni pionieri Erasmus, persone che hanno vissuto l’esperienza di mobilità nei primissimi anni del programma. Interverranno anche alcuni testimonial Erasmus: volti noti dal mondo della tv, del giornalismo e dello sport che negli anni dell’università sono partiti in Erasmus. Nel pomeriggio, alle 16, "Erasmus senza barriere e senza confini", racconti e interviste ai giovani protagonisti della mobilità Erasmus+, dal liceo alla mobilità universitaria oltre l’Europa, dalla formazione professionale, al volontariato europeo. Alle 17:30 evento a sorpresa aperto a tutti in piazza SS. Annunziata "Erasmus, il cuore dell’Europa". A seguire Ponte Vecchio si tingerà di blu per l’iniziativa nazionale “M’illumino d’Erasmus”, a cui hanno aderito vari Comuni da tutta l’Italia. Hashtag dell’evento: #MilluminodErasmus. La tre giorni si concluderà nella serata del 9 in Piazza SS Annunziata con un concerto di Sergio Sylvestre e della band fiorentina Street Clerks. A seguire festa Erasmus con il Dj set degli Elements of Life. Tutti gli eventi Erasmus 30 al Festival d’Europa sono gratuiti e aperti a tutti.

Si terrà venerdì 5 maggio 2017 alle ore 21:00 presso il Teatrino della Società Machiavelli inVia del Trebbio 14 Rosso a Firenze “Come l'Europa ci cambia la vita”. L'evento, promosso da Liberi Cittadini e organizzato da Tia Europe, si inserisce con coerenza nel vasto e consolidato impianto di appuntamenti del Festival d'Europa esarà l'occasione per approfondire come l'Unione Europea abbia rafforzato le libertà politiche, civili e sociali attraverso le istituzioni e i trattati fondativi cambiando la quotidianità dei suoi cittadini. Interverranno all'evento personalità provenienti da diversi contesti professionali e istituzionali, contribuendo, attraverso molteplici prospettive, a presentare l'Europa di oggi. Fra gli interventi programmati,Letizia Ciancio, responsabile del Dipartimento Politiche di Genere e della Famiglia per Liberi Cittadini, presenterà una riflessione sul “Cambiamento: liberazione o perdizione”. A seguire,Valeria Fargion dell'Università degli studi di Firenze affronterà il tema dell'istruzione con “L'Europa all'Università”. Alessio Morganti, senior partner di Morganti&Partners ed esperto di progettazione europea, presenterà“I fondi europei: sviluppo e benefici” dedicato alle opportunità fornite dall'Unione Europea attraverso i suoi Programmi. Sarà poi la volta diCristiana Muscardini, eletta per cinque volte europarlamentare e membro della Convenzione europea, che darà una lettura in chiave politica con il suo intervento “25 anni al Parlamento Europeo, speranze, delusioni e ancora speranze”. Niccolò Rinaldi, presidente di Liberi Cittadini, presenterà, invece, l'Europa in chiave culinaria con “Ricettario di cucina europea in tempo di crisi”, titolo tratto dall'omonimo libro edito da Festina Lente, che sarà regalato a tutti i partecipanti. Sarà dato spazio al programma Erasmus, giunto quest'anno al trentesimo anno di vita, con l'intervento di Giusy Rossi, esponente del Movimento Federalista Europeo, esperta di politiche giovanili ed ambasciatrice della generazione Erasmus, che racconterà “La mia casa Erasmus”. Infine, Gabriele Volpi, studente del quarto anno al liceo classico europeo, presenterà il suo percorso come Exchange Student nella Bassa Renania con la “La mia esperienza di studente Europeo”.

Redazione Nove da Firenze