Rubrica — In cucina

Festa della Pesca Regina di Londa dal 9 all'11 settembre

La manifestazione ha come obiettivo la tutela di un frutto antico di alta qualità. Negli stessi giorni si celebra l’anniversario del Comune


Dal 9 al 11 settembre 2016 a Londa (FI) si svolgerà la rinnovata festa della Pesca Regina di Londa. Il tema della festa è la straordinaria capacità di legarsi ai temi ambientali più urgenti di territori vicini alle città, dove i valori sono rimasti ancorati alle buone pratiche del passato pur nell’ottica dello sviluppo.

La Pesca Regina di Londa è un frutto “ritrovato”, un frutto antico che con le sue qualità ben si inserisce nella ricerca nel settore.

Londa è il paese della montagna fiorentina che ben rappresenta il legame tra futuro e passato. Con il suo territorio ricco di storia; Londa, si collega a quei percorsi che da sempre sono stati la via di comunicazione tra Toscana e Romagna fin da tempi remoti. Londa ha deciso che questo grandissimo patrimonio culturale deve essere messo a disposizione di tutti e si impegnerà per divulgarlo nella sua interezza.

Food Contest Pesca & Friends #pescalonda

“E’ importante che questa festa si svolga, nello stesso fine settimana in cui si tengono le celebrazioni del 240° anniversario del Comune di Londa, che venne istituito nel 1776 per decisione del granduca Pietro Leopoldo. La festa della pesca regina è forse la più significativa di quel territorio. Personalmente sarò a Londa il 9 settembre per l’anniversario della fondazione del Comune. Ma è importante che proprio in quei giorni si valorizzi anche il frutto tipico di quella zona”. Così si è espresso Eugenio Giani, presidente del Consiglio toscano, nel presentare a Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio, la festa della pesca regina a Londa.

La festa della pesca regina, nuova veste della tradizionale festa di settembre, mette al centro un particolare tipo di pesca del territorio di Londa, che il Comune, comprendendone la potenzialità commerciale a partire dalle proprietà nutrizionali, ha deciso di promuovere come frutto della tradizione agricola della Montagna fiorentina.

“Non è un caso che quest’anno abbiamo cambiato denominazione alla festa, che dunque non è più festa di settembre con in subordine festa della pesca regina, ma festa della pesca regina con in subordine festa di settembre”, ha detto il sindaco di Londa, Aleandro Murras, che ha anche ricordato che il Comune di Londa, in questi giorni, celebra l’anniversario della fondazione.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche la vicesindaco di Londa, Barbara Cagnacci, e Valter Nencetti, ricercatore del dipartimento di Scienze agroalimentari dell’Università di Firenze, che hanno da una parte evidenziato che “non mancheranno gli eventi legati alla cultura gastronomica” e che “non solo l’amministrazione comunale ma anche gli operatori del territorio hanno recepito l’importanza di una festa così strutturata” e dall’altra sottolineato le proprietà e “gli importanti valori nutrizionali” di questo frutto peculiare dei mesi di settembre ed ottobre.

La festa della pesca regina prevede anche gare gastronomiche, concerti e premi ai produttori, oltre ai tradizionali fuochi d’artificio. 

In cucina — rubrica a cura di Stefania Guernieri

Stefania Guernieri

Stefania Guernieri — Giornalista professionista fiorentina, esperta di comunicazione digitale

E-mail: stefania.guernieri@gmail.com