Rubrica — Fiorentina

Empoli-Fiorentina: il dopo gara

Sousa e Martuscello ai microfoni di Sky


Queste le parole di Sousa a commento della gara:

“Nella grande maggioranza delle partite riusciamo a creare molto più dei nostri avversari, però poi per vincere serve sempre concretezza e spero che quello di oggi sia un inizio e un messaggio benaugurante” ha commentato Sousa a fine gara, “perché questo mini-ciclo che in realtà è grande e che ci farà giocare partite importanti possa permetterci di vincere ogni gara”.

“Quando sono arrivato a Firenze, Federico aveva finito l’Europeo con l’Italia Under 21 - racconta Sousa - e l’ho chiamato per dirgli quanto credevo in lui. L’ho fatto prima di tutto per aiutarlo nella crescita, perché aveva bisogno di spazio e di continuità. Io glieli ho dato, lo chiedeva anche la società per farlo maturare dal punto di vista dell’intensità del gioco. Lui ha accettato questo ruolo, dove ha lavorato, tanto ed ha fatto benissimo. Sono contentissimo - conclude l’allenatore portoghese che ha vinto oggi il suo primo derby contro l’Empoli - per quello che sta facendo, perché credo nel suo potenziale. Federico è un giocatore importante non soltanto per la Fiorentina, ma anche per la Nazionale di Ventura. E sono sicuro che lo sarà anche per le altre squadre che arriveranno un giorno nel suo futuro”.

Martuscello commenta la partita e la classifica:

“Siamo stati penalizzati dagli episodi che ci hanno condannato nettamente, è evidente. Ho visto la reazione della squadra all’inizio e l’approccio alla partita - continua l’allenatore azzurro - mi è piaciuto molto. Fossimo stati un po’ più fortunati nel primo tempo, avremmo potuto passare anche in vantaggio”.

Sul primo gol di Bernardeschi si è così espresso: “Su un contropiede abbiamo sbagliato l’uscita difensiva e ci hanno fatto gol, questo ha complicato tutta la nostra gara per come l’avevamo preparata. Poi nel secondo tempo abbiamo fatto altri due erroracci - prosegue l’allenatore dell’Empoli - e il rigore dopo pochi secondi ci ha tagliato definitivamente le gambe”.

Il suo commento sulla classifica dell’Empoli “Il campionato è ancora molto lungo, a oggi è vero che siamo salvi ma nell’era dei tre punti il nostro vantaggio sulla terzultima non è nulla. Dobbiamo solo continuare a lavorare come stiamo facendo e - conclude un rattristato Martusciello - cercare di migliorare quegli aspetti che oggi contro la Fiorentina sono venuti meno rispetto al successo contro il Pescara prima della sosta per le Nazionali”.

Redazione Nove da Firenze