Elezioni politiche: delusione toscana anche per Liberi e Uguali

L’affluenza definitiva in regione


Alla chiusura dei seggi si conferma l'affluenza record alle urne per le Elezioni Politiche 2018: alle 23 nei 179 seggi del Comune di Prato hanno votato per il rinnovo della Camera dei Deputati 102.130 elettori, pari al 77,48% degli aventi diritto, ovvero 131.820, mentre per il Senato 94.878, pari al 77,57% (122.312 gli aventi diritto al voto). Si tratta di un risultato in linea con quello provinciale (77,50% per Camera e Senato). Il dato sulla partecipazione al voto è stato reso noto dal servizio elettorale del Comune di Prato poco più di un'ora dopo la chiusura dei seggi, avvenuta alle 23, in tutti le 179 sezioni pratesi (177 sul territorio più 2 mobili all'ospedale). Alla stessa ora nelle Elezioni Politiche del 2013, anche se il voto era in due giornate, domenica e lunedì, i votanti sono stati 106.056 per la Camera, ovvero il 79,04%, quindi con un calo dell'1,56%, e 98.506 per il Senato, cioè il 79,02%, con un -1,45%.

È di 77,17 la percentuale di affluenza raggiunta nei 97 seggi del comune di Arezzo pari a 57.602 votanti su un totale di 74.641 elettori. A Pisa il 76,65% alla Camera e il 76,33% al Senato.

I risultati dello scrutinio sembrano regalare una delusione anche per LeU, la nuova forza politica della sinistra, che in Toscana trovava uno dei pilastri nel presidente della Giunta regionale. in una roccaforte come Pisa, ad esempio, il candidato di LeU alla Camera, Nicola Fratoianni, ha raccolto soltanto l'8,65%, mentre il sindaco Fontanelli, candidato al Senato, ha preso il 9,34%.

"Il risultato elettorale per noi e' negativo. Occorre dare al Paese una sinistra popolare e di governo. Costruire un partito che rappresenti il lavoro e i bisogni dei ceti popolari. Cio' che abbiamo costruito non dovra' andare disperso. Ci attende un cammino ancora piu' lungo". Lo scrive su twitter Enrico Rossi (Leu), presidente regione Toscana.

Redazione Nove da Firenze