Elezioni Politiche: la frammentazione dei candidati di sinistra in Toscana

Chi non vuole votare i "partiti del capitalismo", cosa vota? E il PMLI invita all'astensione


Sono tutti presenti nei collegi della Toscana, stiamo parlando della sinistra frammentata, quella più a sinistra del Pd, naturalmente, ma anche di LeU.

Raccolte le firme necessarie, Il Partito Comunista e' ufficialmente candidato alle prossime elezioni politiche del 4 Marzo 2018. Nelle ultime settimane, i militanti del PC e del Fronte della Gioventu' Comunista sono stati presenti nelle piazze e nelle case del popolo di tutta la Toscana impegnandosi per la raccolta delle firme necessarie per presentare il partito alle elezioni. Tale obiettivo e' stato raggiunto. In Toscana sono state consegnate quasi 2.000 firme superando il numero minimo richiesto. Il programma punta ad organizzare gli studenti, i lavoratori, disoccupati e pensionati contro il sistema dell'Unione Europea, delle banche e dal grande capitale monopolistico. La lista dei candidati del Partito Comunista, vede Marco Rizzo, segretario generale del Partito Comunista, il segretario regionale Salvatore Catello ex candidato sindaco di Cavriglia, l'operaio della Piaggio Paolo Casole, l'impiegato della Telecom Alessandro Facchinetti, Francesco Pappalardo del coordinamento camping cig di Piombino e Moira Nieri rappresentante del comitato per l'assunzione di precari/e oss e infermiere/i e tanti giovani lavoratori, precari e disoccupati.

Si è aperta ufficialmente anche la campagna elettorale di Potere al Popolo, dopo aver consegnato nella mattina di domenica oltre il doppio delle firme necessarie alla presentazione della lista. Festa al circolo Arci di Barberino con una cena di autofinanziamento. Al termine della cena e a seguito di un video racconto di ciò che è stato fatto finora, davanti ad oltre 150 persone, si sono presentati i candidati delle circoscrizioni per Camera e Senato. Oltre ai due mugellani Tatiana Bertini (in lizza per il Senato) e Andrea Becattini (per l’uninominale alla Camera) erano presenti Sandro Targetti (per l’uninominale del Senato), Ilaria Mugnai e Lorenzo Alba (per il plurinominale della Camera).

Il Pcl Firenze, invece presenterà domani programma e candidati della lista "per una sinistra rivoluzionaria" all'associazione culturale Mariano Ferreyra in via degli Alfani, 13 rosso a Firenze.

In vista delle elezioni del 4 marzo, il Comitato centrale del PMLI ha adottato un documento dal titolo "Solo il socialismo può cambiare l'Italia e dare il potere al proletariato. Il brano centrale del documento è il seguente: "I fatti dimostrano che nessun governo, anche se fosse guidato dal Movimento 5 stelle, da Liberi e uguali, da Potere al popolo, sarebbe in grado di fare cose diverse da quelle che impone il capitalismo poiché è il sistema economico e la classe al potere che decidono tutto. Votare i partiti del regime, che siano di destra o di 'sinistra', è quindi come votare il capitalismo e la classe dominante borghese, e lasciare le cose come stanno. Il nostro Partito invece vuole cambiare radicalmente l'Italia nell'economia, nelle istituzioni, nell'ordinamento giudiziario, nell'istruzione, nella cultura, nell'arte, nella morale, nello stile di vita per dare al popolo italiano una vita senza sfruttamento, oppressione, disoccupazione, povertà, disuguaglianze sociali e di genere e guerre. Questo si può fare solo abbattendo con la rivoluzione proletaria il capitalismo, instaurando il socialismo e dando il potere al proletariato".

Redazione Nove da Firenze