Elezioni 2018: le liste presentano i candidati toscani

Ecco i candidati di Forza Italia per la Toscana. Massimo Mallegni (FI) in corsa per il Senato a Lucca, a 12 anni dall’arresto


Firenze, 30 gennaio 2018– «Alto profilo, riconoscibilità e territorialità: ecco le stelle polari che hanno guidato le nostre scelte nell’individuazione di candidati che per i cittadini rappresentano garanzia di valore, capacità e lealtà»: così il coordinatore regionale di Forza Italia in Toscana Stefano Mugnai presenta le liste dei candidati con cui gli azzurri saranno in corsa alle elezioni politiche del 4 marzo prossimo. Forza Italia chiude le caselle per l’uninominale con quattro candidati per la Camera dei Deputati (Giorgi Silli nel collegio 5 di Prato, Maurizio Carrara nel 6 di Pistoia, Felice Maurizio D’Ettore nel 7 di Arezzo e Deborah Bergamini nell’8 di Massa Carrara) e tre per il Senato (sono StefaniaScarpati nel collegio 2 di Sesto Fiorentino, Massimo Mallegni nel 5 di Lucca e Roberto Berardi nel 7 di Livorno). La compagine dei magnifici sedici per i collegi plurinominali di Montecitorio vede al collegio 1 (Prato, Pistoia, Massa e Lucca) Deborah Bergamini come capolista e poi Maurizio Carrara, Erica Mazzetti e Andrea Maestrini (supplenti Gloria Agnitti, Paolo Gandola, Rita Galeazzi, Domenico Piedimonte). Torna capolista ancora Bergamini per il collegio 2 (Pisa, Livorno, Poggibonsi) seguita da Paolo Barabino, Manuela Del Grande e Juri Gorlandi (supplenti Leonardo Biagi, Rossana Sordi, Riccardo Buscemi e Chiara Tenerini). E veniamo a Firenze, Sesto Fiorentino ed Empoli che compongono il collegio 3: qui capolista è lo stesso coordinatore Mugnai, seguito da Bergamini e poi da Marco Stella e Raffaella Ridolfi (supplenti Lucia Masini, Gianni Vinattieri, Mariateresa Lumachi, Marco Allegrozzi). Al collegio 4 comprendente Arezzo, Siena e Grosseto ancora Mugnai capolista seguito da Elisabetta Ripani, Lorenzo Lorè e Sabrina Di Milo (supplenti Marco Rodriguez, Maria Jose Manfrè, Fabio Papini e Federica Frusoni). Per Palazzo Madama i due collegi in cui si divide la Toscana vedono il numero 1 (Firenze, Sesto Fiorentino, Prato e Lucca) capitanato da Massimo Mallegni, seguito da Barbara Masini, Tommaso Villa e Rita Pieri (supplenti Paolo Giovannini, Silva Gurioli, Pierluigi Bassignani e Maria Grazia Internò). Il collegio 2 (Arezzo, Pisa, Livorno) apre invece la formazione con Raffaella Bonsangue, poi Gianfranco Sangaletti, Anita Bruni Francesconi e ClaudioDe Santi (supplenti Virginia Mancini, Alessandro Manganelli, Carla Allegri, Domenico Morisi).

Sarà il capogruppo in Consiglio regionale Giovanni Donzelli a guidare le liste per l'elezione alla Camera dei Deputati di Fratelli d'Italia nei collegi proporzionali della Toscana. Dietro di lui Letizia Giorgianni, presidente dell'Associazione vittime del Salva-banche che ha guidato la battaglia dei risparmiatori di Banca Etruria e che sarà candidata anche nel collegio uninominale 1 Camera di Firenze-Novoli-Peretola. Al Senato proporzionale Fratelli d'Italia punta sull’uscente Achille Totaro (Toscana 1) e sull’assessore all’urbanistica del Comune di Grosseto Fabrizio Rossi (Toscana 2) nel collegio guidato dalla deputata uscente Giovanna Pertenga. Dietro a Totaro anche l’ex consigliere regionale Marina Staccioli. Tre, in tutto, i collegi uninominali toscani nei quali il centrodestra sarà rappresentato da Fratelli d'Italia. Oltre a Giorgianni, correranno due imprenditori e portavoce provinciali del partito: Riccardo Zucconi alla Camera a Lucca e Patrizio La Pietra al Senato a Pistoia.

Una lista “popolare” fatta da giovani professionisti e insegnanti, giornalisti e civaioli, molti hanno alle spalle anni di volontariato e impegno per la società civile, solo alcuni hanno esperienze politiche, a livello locale, al servizio dei territori toscani. Eccoli i nomi dei candidati toscani di Civica Popolare che hanno deciso di abbracciare la causa della nuova forza politica di ispirazione europeista e riformista, guidata da Beatrice Lorenzin, nata per fronteggiare le derive populiste e per proseguire sul sentiero della ricostruzione civile, sociale e materiale del Paese a sostegno dell’area politica che ha supportato fino in fondo i governi di questa legislatura. A fianco del sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi, candidato nel solo seggio fiorentino c’è una nutrita squadra di donne e uomini candidati ai seggi toscani. Tra i nomi in corsa per la Camera ci sono quelli di Nicola Graziani, romano, decano dei giornalisti quirinalisti e di Valentina Castaldini, portavoce di Alternativa Popolare, volto noto dei salotti delle tv italiane. Hanno trascorsi politici e corrono oggi per Civica Popolare l’ex sindaco di Borgo a Mozzano, Francesco Poggi alla guida del comune dove è nato dal 2004 al 2013, eletto con una lista civica “Andare Oltre” e Paolo Fidanzi, che è stato consigliere comunale di Volterra e responsabile provinciale dell’Italia dei Valori. Dal mondo dell’istruzione arrivano invece Silvia Guidi, tecnico ortopedico specializzato, che è stata docente dell’università di Bologna e dell’Università di Firenze e Teresa Madeo, insegnante di scuola superiore, vicepreside dell’istituto Cellini/Tornabuoni di Firenze. La più giovane tra i candidati è Ambra Taccola, 28 anni, direttrice marketing aziendale, seguita, nella graduatoria per minor età da Diego Rognini, 31 anni, dirigente sportivo e da tre avvocati under 45: Maria Eugenia Di Vita di Montecatini, 35 anni, Lorenzo Marchi, 37 anni pratese e candidato alle scorse regionali per il PD e William Disposto, 43 anni, di Prato. In corsa per il Senato altre personalità del mondo della scuola toscana, Donatella Buonriposi, lucchese, preside e provveditore di Lucca e Massa e Rossella De Franceschi, di Grosseto, docente di scuola superiore. E nomi della politica toscana: Serena Frediani, assessore del comune di Capannori con deleghe ad agricoltura, sviluppo economico, turismo, volontariato, sport, Giovanni Garzella, consigliere comunale di Pisa del gruppo “Pisa è” e Riccardo Massa, pisano d’adozione da molti anni attivo nel mondo della politica. Nelle liste elettorali di Civica Popolare infine si trovano anche i cittadini che per la prima volta si mettono in gioco e presentano la loro candidatura, come Marco Pratesi, civaiolo di Greve in Chianti, impegnato da sempre nel volontariato, Sergio Castiglione, pensionato fiorentino.

Si è aperta ufficialmente ieri sera all’Hotel Astoria di Firenze, alla presenza del candidato a premier Simone Di Stefano, la campagna elettorale di CasaPound per le elezioni politiche del 4 marzo. Davanti ad un pubblico di 200 persone, si sono susseguiti gli interventi di Di Stefano, di Saverio Di Giulio, candidato al collegio uninominale Toscana 1 della Camera, e di Massimiliano Bartolozzi, candidato al collegio uninominale Toscana 1 del Senato. Nel corso della serata è stato esposto il programma di CPI, toccando tutti i punti principali dello stesso, dalla riacquisizione della sovranità politica e monetaria attraverso l’uscita dall’area euro e dall’UE, passando per le proposte del Reddito Nazionale di Natalità e del Mutuo Sociale, fino alle soluzioni in materia di immigrazione e lavoro. Di Stefano ha sottolineato, in particolare, l’importanza della riappropriazione degli strumenti per governare l’economia, strumenti di cui oggi un qualsiasi governo italiano non può disporre avendo le mani legate dalla moneta unica e dal principio di pareggio di bilancio collegato ai parametri di Maastricht. Prima di giungere all’Hotel Astoria Di Stefano si era a lungo fermato a parlare prima con dei tassisti, che hanno spiegato le problematiche del loro settore, e poi ad ascoltare i cittadini residenti nella zona di via Baracca. Nel corso della serata all’Hotel Astoria sono stati presentati anche tutti i candidati a Camera e Senato nei collegi della provincia di Firenze.

Anche il Pcl di Firenze ha costituito una Lista elettorale per una sinistra rivoluzionaria, presentata ieri presso la corte di appello.

Molte le iniziative della campagna elettorale del PD nell’Empolese Valdelsa: domani, mercoledì 31 gennaio, alle 21.30 al circolo Arci di Dogana a Castelfiorentino incontro sul Rei con Alessio Falorni, sindaco di Castelfiorentino, e la senatrice Laura Cantini. Sempre alle 21.30 iniziativa elettorale anche al circolo Samo di Fucecchio. Giovedì 1 febbraio alle 21.30 a Fucecchio alla Fondazione Montanelli incontro con l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo per parlare di “Valorizzazione del territorio, proposte e prospettive per lo sviluppo dell’economia turistica a Fucecchio. Dalla via Francigena all’art bonus.” Venerdì 2 febbraio alle 20.30 alla pizzeria Maroni di CertaldoA cena con il Pd” parteciperanno Eugenio Giani, presidente del consiglio regionale della Toscana e l’onorevole Dario Parrini. Prenotazioni al 3296168420 e 3387457972. Alle 21.30 alla casa del popolo di Limite sull’Arno (via Dante) ospite la consigliera regionale Valentina Vadi per un incontro sui temi principali della “Buona scuola”, un bilancio tra quanto fatto e quanto ancora da fare per l’istruzione. Interverrà anche Dario ParriniDomenica 4 febbraio alle 13.00 al circolo Arci I Praticelli pranzo per la raccolta fondi per il nuovo sportello antiviolenza a Castelfiorentino. Parteciperanno il sindaco Falorni, la senatrice Cantini e la presidente “Centro aiuto donna Lilith” Eleonora Gallerini. Per prenotazioni 3488144379. Alle 15.00 al campo sportivo di Santa Maria di Empoli partita di calcio “Millennials per la ricerca” alla quale parteciperà il ministro dello sport Luca Lotti

Sarà Denise Latini, avvocata attiva nella difesa dei diritti dei lavoratori, consigliera comunale nel Comune di Certaldo, a rappresentare Liberi e Uguali nel collegio di Empoli “ma non chiamatemi candidata” mette subito in chiaro “la legge elettorale è vergognosa, e rende di fatto impossibile scegliere i rappresentanti del territorio. Quello che conta è il voto alla lista, e sono orgogliosa che Liberi e Uguali mi abbia scelto per rappresentarla qui”. “Questi territori sono da sempre di sinistra e il PD, semplicemente, non lo è più. La scelta è molto semplice: Liberi e Uguali è l’unica alternativa possibile per chi vuole un governo di centrosinistra. La strada intrapresa dal PD è chiara: per loro l’obiettivo è governare con Berlusconi, per capirlo basta guardare chi hanno candidato in Toscana e in Emilia”.

Massimo Mallegni lancia la sua candidatura al Senato della Repubblica. Lo farà domani, mercoledì 31 gennaio, alle ore 12.00, di fronte all’ingresso della Casa Circondariale “San Giorgio”, a Lucca, a dodici anni esatti dal suo arresto e dalla sua carcerazione (era il 31 gennaio 2006). Cadute dopo 17 anni di processi tutte le accuse perché il fatto non sussiste, Mallegni ha scelto un luogo simbolo della sua vita personale e politica (Mallegni ha trascorso 39 giorni in un calle di San Giorgio) per presentare la sua candidatura al Senato tra le file di Forza Italia, partito in cui milita dal lontano ‘94. Tre volte sindaco di Pietrasanta, è attualmente il vice coordinatore vicario di Forza Italia in Toscana. Mallegni sarà presente al primo posto nel collegio proporzionale Toscana 1 che comprende le province di Firenze, Prato, Pistoia, Lucca e Massa Carrara e nel collegio maggioritario che comprende la provincia di Lucca e di Massa Carrara. Insieme a lui ci saranno Maurizio Marchetti, coordinatore provinciale di Forza Italia e Sandro Guerra, avvocato penalista che ha seguito tutta la sua vicenda.

Redazione Nove da Firenze